Mondo 2 Marzo 2022 12:17

World Hearing Day 2022. L’allarme dell’OMS: nel 2050 udito a rischio per oltre 1 miliardo di giovani

Al via l’Hear-a-thon, una maratona di due giorni in diretta online con la partecipazione di oltre 100 Paesi. L’OMS per l’occasione lancerà il “Global standard or safe listening entertainment venues and events”, le linee guida internazionali per la protezione dell’udito

World Hearing Day 2022. L’allarme dell’OMS: nel 2050 udito a rischio per oltre 1 miliardo di giovani

Inquinamento acustico, uso improprio delle nuove tecnologie, dalle cuffie agli auricolari, qualità del suono inadeguata. Così anche i più giovani mettono rischio il proprio udito. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione Mondiale della Sanità in occasione della VII Giornata dell’Udito che si celebra, ogni anno il 3 marzo. Il focus del World Hearing Day 2022 sarà l’importanza dell’ascolto sicuro, espresso attraverso lo slogan “To hear for life, listen with care!” (“Proteggi il tuo udito, ascolta responsabilmente!”).

Nel 2050 problemi di udito per il 25% della popolazione

«Si stima che senza un intervento efficace e tempestivo, entro il 2050 oltre 1 miliardo di giovani potrà avere un disturbo precoce dell’udito. Guardando alla popolazione in generale, tra meno di trent’anni, una persona su quattro sperimenterà una forma di diminuzione dell’udito», avverte Valentina Faricelli, presidente di Udito Italia, un’organizzazione non governativa impegnata nella sensibilizzazione e nella conoscenza dei disturbi uditivi.

Hear-a-thon, due giorni di maratona online

L’associazione Udito Italia, membro del World Hearing Forum (WHF), un organismo istituito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, prenderà parte al all’Hear-a-thon, il più grande evento mondiale dedicato al tema dell’udito, dal Ministero della Salute, a Roma. La maratona, che vedrà la partecipazione di oltre 100 Paesi in contemporanea, sarà inaugurata il 2 marzo e proseguirà per due giorni in diretta online.

I problemi di udito in cifre

Secondo le più recenti stime dell’OMS circa il 5% della popolazione mondiale “convive” con una perdita di udito, per una cifra che sfiora il miliardo. In Italia, sono 7 milioni gli italiani che hanno problemi di udito.

«Si prevede che la perdita dell’udito non rimediata rappresenti un costo per l’economia globale pari a 980 miliardi di dollari l’anno – spiega Mauro Menzietti, fondatore di Udito Italia e membro del World Hearing Forum dell’OMS -. Cifra che comprende non solo l’aspetto sanitario del problema, ma anche il sostegno educativo e la perdita di ricchezza».

Le linee guida per un ascolto sicuro

«Negli ultimi anni l’allarme maggiore riguarda la sempre crescente esposizione al rumore, soprattutto negli ambienti ricreativi», aggiunge Valentina Faricelli. Per questo l’Oms, durante la Hear-a-thon lancerà il “Global standard or safe listening entertainment venues​ and events”, ovvero le linee guida internazionali per la protezione dell’udito in luoghi caratterizzati da volumi troppo alti o inquinamento acustico, come eventi particolarmente affollati e concerti.

Serve una legge ad hoc

«Grazie alle numerose campagne di sensibilizzazione portate avanti dalle associazioni in tutto il mondo, finalmente i problemi di udito hanno ottenuto il riconoscimento di emergenza sanitaria mondiale», aggiunge la presidente di Udito Italia. Ma questo è solo un primo passo. «Chiediamo che l’ipoacusia sia trattata alla stessa stregua dell’ipovisione e che, quindi, le persone affette da gravi problemi uditivi possano godere degli stessi diritti riservati agli ipovedenti. E per farlo è necessario che le istituzioni si impegnino nel proporre ed approvare una legge ad hoc, che spazi dalla prevenzione fino alla tutela dei diritti socio-sanitari di tutti i pazienti affetti da problemi uditivi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25
L’allarme dell’andrologo Iacono (Federico II): «Fermiamo lo shopping online di sostanze a rischio»
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Cannabis, l’allarme dell’Omceo Roma: «È pandemia nei giovanissimi con effetti devastanti»
Aumenta il numero di giovani e giovanissimi che fanno uso di cannabis con effetti sulla salute mentale. Per contrastare questo fenomeno l'Omceo di Roma ha creato un Gruppo di lavoro dedicato alla prevenzione, valutazione e divulgazione delle conseguenze della cannabis
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...