Professioni Sanitarie 8 Novembre 2021 17:37

Audiometristi. Sardone (AITA): «Necessario monitorare udito in pazienti Covid e long Covid»

Lo studio, il presidente AITA: «In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da long Covid»

di Isabella Faggiano

Gli audiometristi di tutta Europa si preparano ad affrontare la quarta ondata della pandemia da Covid-19 puntando ad un’intensificazione dei presidi per il monitoraggio dei disturbi dell’udito e vestibolari. «Già nel mese di maggio 2021, durante un incontro tra professionisti di tutta Europa – racconta Rodolfo Sardone, presidente AITA, l’Associazione italiana tecnici audiometristi – è stata evidenziata la necessità di mettere a punto un sistema di sorveglianza per monitorare la soglia uditiva e la presenza di eventuali disturbi vestibolari nei pazienti affetti da Covid-19. Controlli da effettuare sia nelle fasi iniziali della malattia, indipendentemente dalla presenza di sintomatologia audiologica – sottolinea l’audiometrista -, che, successivamente, alla presenza di sintomi più specifici o in coloro che manifestano disturbi da long Covid. Solo in questo modo è possibile capire se un paziente rischia realmente un danno uditivo e, eventualmente, prevederne l’entità».

Lo studio

Una necessità supportata anche dalle più recenti evidenze scientifiche, una cui sintesi sarà pubblicata nelle prossime settimane (con il contributo dello stesso Sardone). «Il numero di casi di pazienti che hanno riportato danni uditivi o disturbi vestibolari a seguito del Covid-19 sono inferiori all’uno per cento, ma quelli latenti, non diagnosticati, sembrano essere assai superiori. In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da post Covid o long Covid. Si è visto, infatti, come questi disturbi uditivi non avessero una correlazione diretta con le infezioni acute, piuttosto, solo con il passare dei mesi, alcuni pazienti hanno iniziato a sviluppare delle sindromi molto simili alle cosiddette ipoacusie neurosensoriali improvvise. In altre parole, questi soggetti perdevano improvvisamente una grossa percentuale della capacità uditiva, di solito con una compromissione maggiore di un orecchio rispetto all’altro».

Non solo perdita dell’udito

Oltre all’ipoacusia, a seguito di infezione da Sars-CoV-2, potrebbero insorgere altri disturbi, come le vertigini. Si tratta di sintomi che pur essendo maggiormente diffusi, sono più difficili da diagnosticare. Ed è proprio per far emergere questa tipologia di pazienti che appare fondamentale il contributo degli audiometristi. «Sarebbe auspicabile istituire un osservatorio epidemiologico per monitorare tutti i “soggetti long Covid”, poiché è stimato che, indipendentemente dal numero di casi effettivamente diagnosticati, essendoci un grandissimo numero di situazioni latenti, ci sarà un possibile incremento di ipoacusie, soprattutto – conclude l’audiometrista -, di quelle legate all’età».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi