Professioni Sanitarie 8 Giugno 2021 11:33

Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”

Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»

di Isabella Faggiano

«Dematerializzare gli ambulatori di terzo livello, permettendo agli audiometristi di controllore a distanza il funzionamento degli impianti dei propri pazienti, anche mentre sono a casa propria, comodamente seduti in poltrona a guardare la tv». È così che Rodolfo Sardone, presidente SIA, la Società Italiana di Audiometria, descrive uno dei principali obiettivi a cui punta la categoria professionale attraverso l’implementazione della tele-audiologia.

Tutelare privacy e sicurezza

L’istituzione di “ambulatori 4.0” è un traguardo così atteso da aver coinvolto anche molte aziende produttrici di apparecchi acustici: «Sono in via di sviluppo – aggiunge Sardone – piattaforme in grado di garantire non solo il monitoraggio del buon funzionamento dell’impianto, ma anche la tutela della privacy e la sicurezza del paziente. Questi apparecchi, infatti, pur avendo un’invasività minima, in maniera assolutamente stocastica, possono avere un effetto dannoso sulla salute del paziente».

Pandemia e telemedicina

Se fino a qualche anno fa la telemedicina era una meta ambita, ora, con l’esplosione della pandemia, è diventato un traguardo da raggiungere con una certa urgenza. «La necessità di diagnosi, riabilitazione e, soprattutto, monitoraggio del paziente audioleso nel suo domicilio è diventata più impellente negli ultimi 18 mesi. Con l’emergenza Covid-19 e la chiusura degli ambulatori è stato inevitabile escogitare un’alternativa per restare accanto a tutti i nostri pazienti», sottolinea il presidente SIA.

Formazione: l’investimento numero 1

Gli interventi a distanza sono stati in molti casi “improvvisati” e limitati a causa di una scarsa alfabetizzazione digitale sia dei professionisti sanitari, che dei pazienti. «Il potenziamento della formazione del personale che utilizza le nuove tecnologie è un intervento prioritario, tanto che, oltre ad essere oggetto di aggiornamento professionale, dovrebbe diventare materia universitaria. Non si tratta dell’informatica base, già prevista negli atenei, ma della digital health. L’abilitazione digitale è, ovviamente, necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani, la cui cultura informatica è generalmente scarsa. Questo perché – spiega l’audiometrista -, avvalerci di infrastrutture digitali avanzate servirebbe davvero a poco se i soggetti chiamati ad usufruirne non sono istruiti all’utilizzo».

La tele-audiologia sopravvivrà nel post-pandemia?

«La telemedicina non solo è un valore aggiunto, ma è il futuro della medicina», dice Sardone. Molti degli interventi attualmente previsti in sanità, compresi quelli inseriti nel Recovery Plan, puntano al rafforzamento della medicina territoriale. «E – assicura il presidente Sia – non esiste nulla che possa essere più prossimo al paziente della telemedicina. Quanto il 5G sarà diffuso in modo capillare su tutto il territorio nazionale e le apparecchiature in dotazione ai pazienti provviste di connessione internet, allora potremmo davvero offrire una medicina realmente prossima al paziente. L’intelligenza artificiale non sostituirà il clinico, ma rendere il suo lavoro sempre più preciso, efficace ed efficienti, conducendoci – conclude lo specialista – verso la diffusione del concetto di “delivery” anche in sanità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con cellule staminali e vettori virali a RNA e DNA anche il cuore si potrà riparare
La ricerca cardiovascolare guarda alla medicina rigenerativa per vincere la sfida contro le malattie cardiache, oggi prima causa di morte nel mondo occidentale. Silvia Priori (SIMCRI): «L’obiettivo è creare le condizioni per rigenerare il tessuto cardiaco e ristabilire le normali funzioni del cuore»
Sostanze chimiche e cancerogene nelle giovani donne della “Terra dei fuochi”, a rischio la fertilità
Al 38º Congresso annuale ESHRE 2022 presentate due nuove ricerche su Bisfenoli e Policlorobifenili contenuti in eccesso nei fluidi follicolari e nel sangue
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...