Professioni Sanitarie 8 Giugno 2021 11:33

Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”

Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»

di Isabella Faggiano

«Dematerializzare gli ambulatori di terzo livello, permettendo agli audiometristi di controllore a distanza il funzionamento degli impianti dei propri pazienti, anche mentre sono a casa propria, comodamente seduti in poltrona a guardare la tv». È così che Rodolfo Sardone, presidente SIA, la Società Italiana di Audiometria, descrive uno dei principali obiettivi a cui punta la categoria professionale attraverso l’implementazione della tele-audiologia.

Tutelare privacy e sicurezza

L’istituzione di “ambulatori 4.0” è un traguardo così atteso da aver coinvolto anche molte aziende produttrici di apparecchi acustici: «Sono in via di sviluppo – aggiunge Sardone – piattaforme in grado di garantire non solo il monitoraggio del buon funzionamento dell’impianto, ma anche la tutela della privacy e la sicurezza del paziente. Questi apparecchi, infatti, pur avendo un’invasività minima, in maniera assolutamente stocastica, possono avere un effetto dannoso sulla salute del paziente».

Pandemia e telemedicina

Se fino a qualche anno fa la telemedicina era una meta ambita, ora, con l’esplosione della pandemia, è diventato un traguardo da raggiungere con una certa urgenza. «La necessità di diagnosi, riabilitazione e, soprattutto, monitoraggio del paziente audioleso nel suo domicilio è diventata più impellente negli ultimi 18 mesi. Con l’emergenza Covid-19 e la chiusura degli ambulatori è stato inevitabile escogitare un’alternativa per restare accanto a tutti i nostri pazienti», sottolinea il presidente SIA.

Formazione: l’investimento numero 1

Gli interventi a distanza sono stati in molti casi “improvvisati” e limitati a causa di una scarsa alfabetizzazione digitale sia dei professionisti sanitari, che dei pazienti. «Il potenziamento della formazione del personale che utilizza le nuove tecnologie è un intervento prioritario, tanto che, oltre ad essere oggetto di aggiornamento professionale, dovrebbe diventare materia universitaria. Non si tratta dell’informatica base, già prevista negli atenei, ma della digital health. L’abilitazione digitale è, ovviamente, necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani, la cui cultura informatica è generalmente scarsa. Questo perché – spiega l’audiometrista -, avvalerci di infrastrutture digitali avanzate servirebbe davvero a poco se i soggetti chiamati ad usufruirne non sono istruiti all’utilizzo».

La tele-audiologia sopravvivrà nel post-pandemia?

«La telemedicina non solo è un valore aggiunto, ma è il futuro della medicina», dice Sardone. Molti degli interventi attualmente previsti in sanità, compresi quelli inseriti nel Recovery Plan, puntano al rafforzamento della medicina territoriale. «E – assicura il presidente Sia – non esiste nulla che possa essere più prossimo al paziente della telemedicina. Quanto il 5G sarà diffuso in modo capillare su tutto il territorio nazionale e le apparecchiature in dotazione ai pazienti provviste di connessione internet, allora potremmo davvero offrire una medicina realmente prossima al paziente. L’intelligenza artificiale non sostituirà il clinico, ma rendere il suo lavoro sempre più preciso, efficace ed efficienti, conducendoci – conclude lo specialista – verso la diffusione del concetto di “delivery” anche in sanità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
La dieta della tiroide, ecco gli alimenti consigliati e quelli da evitare
Nell’intervista a Sanità Informazione, l’endocrinologa Serena Missori spiega quali sono i cibi che aiutano la tiroide e come lo stress influisce negativamente sulla salute di questa ghiandola. La chef Marisa Maffeo: «Mangiare bene senza rinunciare al gusto»
Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN
Oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti
ICT, domotica, sensoristica e robotica: ecco il futuro tecnologico della geriatria
Pilotto (Sigot): «Tra i robot di ultima generazione c’è quello Anticaduta: individua le carenze dell’individuo che lo espongono al rischio di caduta ed elabora un training personalizzato per rinforzare gli aspetti risultati deficitari, che siano muscolari, sensoriali o di equilibrio»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM