Salute 18 Giugno 2020

Covid-19, Cricelli (Simg): «A novembre le prime dosi-test vaccino. Non si può rimproverare nulla al SSN per gestione epidemia»

Andreoni (Simit): «L’uso del cortisonico desametasone non è una grande scoperta, lo avevamo all’interno delle linee guida»

Immagine articolo

Le prime 500mila dosi-test del vaccino anti-Covid dovrebbero arrivare a novembre. Per evitare assembramenti negli studi medici sul dove verranno effettuati si sta pensando ai drive-in. Non si può rimproverare nulla al Sistema sanitario per come ha gestito la pandemia. E l’uso del cortisonico desametasone, per i clinici, non è una grande scoperta. Queste le novità principali emerse dalla conferenza stampa promossa dalla Società italiana medicina generale e delle cure primarie (Simg) e dalla Società italiana di malattie infettive e  tropicali (Simit) in vista del live webinar ‘Covid-19 updates’ in programma per il prossimo 23 giugno.

«Ci stiamo attrezzando per la fase post-Covid – ha spiegato Claudio Cricelli, presidente Simg -. È necessaria la revisione totale delle modalità con cui assistiamo le persone, e nei mesi dedicati alle vaccinazioni non si può pensare di ospitare 40-50 persone negli studi. I vaccini vanno prenotati e ci vorrà 3-4 volte più del tempo che occorreva prima. Se poi raddoppiamo i vaccini, perché ci sarà quello anti-Covid, dobbiamo pensare a delle soluzioni alternative: stiamo pensando ai drive-in» ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: VACCINO COVID-19, SPERANZA: «PRIME DOSI ENTRO FINE ANNO»

All’attuale dibattito relativo ad eventuali cambiamenti del virus ha risposto il presidente della Simit Marcello Tavio: «Diamo alle persone delle certezze. Il virus non è scomparso, i nuovi focolai lo dimostrano – ha puntualizzato -. Certamente in Italia il paradigma si è modificato. Le malattie infettive – ha continuato il presidente Tavio – sono un tesoro del SSN di raro riscontro in altre parti del mondo. In Italia avevamo già a disposizione 3mila posti letto distribuiti nella rete».

Gli infettivologi sono tenuti a collaborare con gli altri specialisti per trattare nel modo migliore ogni paziente, e in questa pandemia «è stato necessario farlo ancora di più – ha sottolineato -. È stato un momento splendido di integrazione e non si può rimproverare niente al sistema sanitario, che ha reagito in maniera rapida e coordinata, a quella che è stata un’onda d’urto senza precedenti nella storia della medicina recente. Ma la rete può essere migliorata – ha evidenziato -. Dobbiamo riflettere con calma su quanto fatto e valutare anche gli errori: questo è il senso del lavoro scientifico».

La gestione di Covid-19 si basa sulla centralità dell’ospedale e per questo va creata «una rete per il trattamento dei pazienti adeguata alla gravità – ha puntualizzato Tavio -. Ma c’è un polo altrettanto importante fuori dall’ospedale: il territorio e la rete dei medici di Medicina Generale». L’obiettivo è impedire il più possibile la trasmissione secondaria del virus e l’avanzare della malattia nei pazienti. «Serviranno protocolli ad hoc anche fuori dall’ospedale, dunque, per rallentare e monitorare l’andamento dell’epidemia. Come società scientifica – ha concluso Tavio – stiamo cercando di rinforzare le reti Simit regionali, perché ci sono una ventina di politiche regionali, ma la rete è unica e dobbiamo articolare meglio la nostra presenza sul territorio».

LEGGI ANCHE: VACCINI, ITALIA LONGEVA: «PUNTIAMO A RADDOPPIARE LE COPERTURE DEGLI ANZIANI»

Un altro argomento di cui si è discusso molto è se è cambiato o meno l’approccio terapeutico, o se si basa su protocolli nuovi. Su questo, Massimo Andreoni, direttore scientifico Simit, è stato chiaro: «Lo scenario delle terapie non è cambiato. Abbiamo definito meglio la terapia antivirale: l’unico farmaco che ci può aiutare sotto questo aspetto è il remdesivir. Ancora oggi, una strategia valida e certa, con garanzie di fronte ad ogni caso, non l’abbiamo. La ricerca deve fare ancora tanto. Gli infettivologi – ha evidenziato – devono farsi trovare pronti per contrastare il virus e tenerlo sotto controllo». E sul desametasone, un farmaco corticosteroide definito l’ultima frontiera contro Covid-19 secondo i risultati di uno studio inglese, ha precisato: «L’uso del cortisonico desametasone non è una grande scoperta, lo avevamo all’interno delle linee guida. Per noi clinici non sono notizie nuove, non modificheranno quello che abbiamo fatto finora».

Ma con il vaccino il Sars-Cov-2 scomparirà?  «Il vaccino sarà la vera arma per bloccarlo, ma non sappiamo quando arriverà quello buono e sicuro. Nell’attesa, dobbiamo reggerci sui capisaldi che hanno dimostrato di essere efficaci» ha concluso Andreoni.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...