Lavoro 16 Giugno 2020

Vaccini, Italia Longeva: «Puntiamo a raddoppiare le coperture degli anziani»

Per raggiungere il 95% suggerito dal ministero della Salute, è necessario avere a disposizione più vaccini e prima, già da settembre. Il presidente Bernabei: «Vaccinare tutti gli anziani contro l’influenza stagionale, pneumococco, pertosse e herpes zoster»

Immagine articolo

Elevare le coperture vaccinali di adulti anziani e fragili, i soggetti più a rischio rispetto all’emergenza sanitaria in corso, è una necessità ormai largamente riconosciuta e condivisa sia dalle istituzioni che dalla comunità medico-scientifica. Questo il tema al centro del virtual meeting Anziani, fragili, vaccinati: se non ora quando? organizzato da Italia Longeva, durante il quale esperti e decisori si sono confrontati sulla programmazione ed organizzazione della campagna vaccinale ai tempi del coronavirus, in un’ottica di dialogo e scambio fra gli attori del sistema.

«La pandemia ci ha ricordato che per i virus la fragilità è un terreno fertile dove attecchire – ha spiegato Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva -. Un motivo in più per vaccinare tutti gli anziani contro l’influenza stagionale ma anche contro pneumococco, pertosse e herpes zoster» ha precisato.

Le vaccinazioni rappresentano il passo fondamentale per centrare il doppio obiettivo di promozione dell’invecchiamento attivo e di sostenibilità del sistema sanitario pubblico, in difficoltà ora più che mai. L’Italia ha avviato la revisione e l’adeguamento della prossima campagna vaccinale alla luce dell’attuale quadro epidemiologico, ma le tempistiche e i modelli organizzativi sono fortemente differenziati fra le Regioni sia in termini di approvvigionamento che di logistica, distribuzione ed erogazione; questo potrebbe pregiudicare la concreta disponibilità dei vaccini sul territorio.

LEGGI ANCHE: VACCINO COVID-19, SPERANZA: «PRIME DOSI ENTRO FINE ANNO»

Una seconda ondata di infezione da coronavirus, prevista in autunno, e la stessa influenza stagionale che può provocare serie conseguenze nei soggetti a rischio, richiedono senza dubbio l’estensione e il potenziamento delle coperture vaccinali antinfluenzali degli anziani, ferme a poco più del 50% dello scorso anno. I sintomi simili e sovrapponibili rischiano, infatti, di creare confusione tra le due patologie. Inoltre, le categorie più a rischio per entrambe – influenza e Sars-Cov-2 – sono proprio i malati cronici e con comorbidità che spesso individuiamo negli anziani.

Il ministero della Salute, per la prossima campagna di vaccinazione antinfluenzale, ha abbassato da 65 a 60 anni l’età per effettuarla gratuitamente, raccomandando fortemente il vaccino a bambini da 6 mesi a 6 anni, familiari e caregiver e operatori sanitari. «Oggi più che mai – ha evidenziato il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa – le persone anziane hanno diritto ad essere tutelate per tornare ad una vita piena e quanto più normale possibile. Per questo – ha sottolineato – l’arma di difesa più utile è sicuramente il vaccino. Ricordiamoci – ha aggiunto – che il virus non è sconfitto. Dobbiamo, in attesa del vaccino, imparare a conviverci».

Il ministero della Salute, quest’anno, spera di raggiungere il 95% delle coperture come traguardo ottimale e il 75% come obiettivo minimo. Questo significa che non c’è tempo da perdere: i vaccini devono essere effettuati prima e le regioni devono organizzarsi da subito per non trovarsi indietro nell’approvvigionamento dei vaccini e provocare così la “corsa” dell’ultimo minuto da parte dei pazienti. Sulle strategie vaccinali contro influenza e pneumococco, nove Regioni hanno già previsto regolamenti ad hoc e avviato le gare per la fornitura dei lotti vaccinali. Il Lazio ha già bandito la gara ed ha deliberato – così come la Campania – l’obbligatorietà per chi ha più di 65 anni e per gli operatori sanitari: «La Regione Lazio si è mossa per tempo sia per il reperimento delle scorte, sia prevedendo l’obbligatorietà vaccinale per gli ultra 65enni – ha specificato l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato -. Abbiamo attivato tutte le procedure e bandito la gara. Bisogna agire per tempo evitando che in autunno si determini una crisi molto seria. È una grande operazione di tutela della salute pubblica».

LEGGI ANCHE: PEDIATRI, BIASCI (FIMP): «CHIEDIAMO L’ESTENSIONE DEL VACCINO ANTINFLUENZALE AI BAMBINI E DI POTER PRESCRIVERE I TAMPONI PER SARS-COV-2»

«Per quest’anno – ha dichiarato Roberto Ieraci del Gruppo di Lavoro “Strategie Vaccinali” della Regione Lazio – si è pensato a un’organizzazione più snella e accessibile possibile per far capire l’importanza di avere una buona copertura vaccinale ai tempi del Covid all’opinione pubblica. L’obbligo per gli operatori sanitari è un dovere etico; fortissima la raccomandazione per bambini e pediatri di libera scelta. Bisogna lavorare per ampliare la cultura vaccinale ed estenderla anche ai pazienti oncologici, cronici e trapiantati».

I servizi sanitari regionali, dunque, non possono farsi trovare impreparati: bisogna chiudere le gare d’acquisto e identificare quanto prima le soluzioni logistiche per vaccinare in sicurezza. Sulle strategie da mettere in atto, è intervenuto Claudio Cricelli, presidente SIMG (Società Italiana Medicina Generale e delle Cure Primarie): «In autunno-inverno ci troveremo ad avere le due patologie, influenza e Covid, sovrapposte. Noi stiamo preparando un kit per i nostri iscritti e ci stiamo occupando di come si deve organizzare la vaccinazione antinfluenzale. Il successo della vaccinazione antinfluenzale dipende dal luogo deve viene fatta – ha spiegato -, stiamo valutando di vaccinare in modalità drive-in. Ad ogni modo, ci vorrà più tempo e più distanziamento. Va ripensata la professione».

Dello stesso avviso, Tommasa Maio, responsabile area vaccini FIMMG: «In italia ci sono 46mila medici di famiglia e 65mila studi medici. L’emergenza Covid ci ha costretto a riadattare la medicina generale ai tempi difficili che attraversiamo. La medicina generale ha ottimizzato i propri strumenti grazie ai supporti informatici con la scheda vaccinale personalizzata. Ci stiamo organizzando per vaccinare i pazienti negli studi con le seguenti modalità: triage telefonico, accessi programmati su appuntamento, rilevazione temperatura, ingresso e uscita separati e sanificazione. Bisogna promuovere le vaccinazioni, estendere la campagna vaccinale e recuperare quelle perse per il Covid-19» ha concluso.

Secondo Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia, «le farmacie possono fare molto in termini di prevenzione e diffusione – ha evidenziato – . Dobbiamo aumentare i punti vaccinali e in tanti Paesi europei la vaccinazione viene fatta in farmacia. Vanno tolti i dubbi delle persone sulla sicurezza delle vaccinazioni: la gente deve sapere che il vaccino è il successo della scienza. Ecco, questo è il messaggio che vorrei lasciare: lavoriamo insieme e vacciniamoci tutti» ha concluso.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...