Salute 5 Febbraio 2021 11:30

Vaccini anti-Covid, l’esperta smentisce tutte le fake news e i falsi miti

Dai dubbi sulla sicurezza alle mutazioni genetiche, dall’inefficacia sulle varianti all’immunità che dura solo poche settimane. Barbara Illi, ricercatrice CNR, smonta ad una ad una le bufale che circolano sul web sui vaccini contro il Covid-19

La somministrazione dei vaccini anti Covid-19 nelle varie regioni italiane procede a macchia di leopardo, ma nelle ultime settimane circolano in rete, sui vari network, blog e siti, bugie, allarmismi e bufale di ogni tipo.

Questo genera confusione e diffidenza sui vaccini anti Covid-19 da parte dei cittadini. Per orientarsi nel mare magnum di informazioni e false notizie bisogna affidarsi alla scienza. Lo abbiamo fatto intervistando la dottoressa Barbara Illi, specializzata in Genetica Medica, ricercatrice presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche e responsabile scientifica del corso FAD “Come nasce un vaccino. Progettazione, sviluppo, sperimentazione e commercializzazione”, proposto dal provider ECM Sanità in-Formazione.

È vero che i vaccini contro il Covid-19 sono stati prodotti troppo velocemente per essere sicuri?

«È vero che sono stati prodotti velocemente ma non è vero che non sono sicuri. L’altra falsità è che la tecnologia dell’RNA messaggero per la produzione dei vaccini sia nuova. Non è vero nemmeno questo, è in sperimentazione da circa un decennio, la si sta testando per il virus zika e per il virus dell’influenza ma può essere utilizzata anche nel trattamento di patologie come la fibrosi cistica. Il fatto di essere stati prodotti così velocemente dipende dalla quantità di soldi che sono stati investiti per la produzione di questi vaccini. Inoltre, c’è da ricordare che è stata fornita un’autorizzazione emergenziale che viene data quando non ci sono alternative disponibili per malattie che causano pericolo di vita. L’autorizzazione, ad ogni modo, si basa comunque sul completamento di tutte le fasi del trial clinico: l’unica che manca è la fase quattro della farmacosorveglianza ma, tuttora, i vaccini che siamo abituati a conoscere da sempre sono sorvegliati dall’Aifa, dall’Ema e dai centri integrati di controllo».

È vero che per un soggetto allergico il vaccino contro il Covid è più pericoloso di altri farmaci?

«È pericoloso tanto quanto gli altri farmaci. Un soggetto allergico, soprattutto gli iper-allergici, deve stare molto attento a qualunque cosa mangi e qualunque farmaco ingerisca. Di fatto, la somministrazione del vaccino, qualora si renda necessaria per età o per patologie, deve essere monitorata dal medico».

È vero che dopo il vaccino ci si può ammalare di Covid-19?

«Questi vaccini, sia Pfizer che Moderna, proteggono dalla malattia al 95% dei casi. Quello che ancora non si sa, ma che si ipotizza, è se si continua ad essere infettivi o meno. In realtà, però, i dati di Pfizer sugli anticorpi, anche quelli più recenti di Reithera, ci dicono che gli anticorpi neutralizzanti che impediscono l’attacco del virus alle cellule sono in quantità notevole. Si tratta, di fatto, degli anticorpi che impediscono il propagarsi dell’infezione. Per propagarsi, infatti, il virus ha bisogno di replicarsi e se noi siamo schermati da anticorpi che bloccano direttamente l’ingresso del virus nelle cellule questo non si replica e noi non possiamo essere contagiosi. Ad ogni modo, è un’ipotesi da validare.

È vero che i vaccini a RNA modificano il codice genetico?

«No, questo non è vero. L’Rna messaggero si ferma nel citoplasma e questo è il primo motivo per cui il vaccino non può modificare il codice genetico che è nel nucleo. In più, l’Rna messaggero non può essere trasportato dentro il nucleo: quando entra nelle cellule viene letto da una batteria di ribosomi – le macchine che fanno le proteine nelle nostre cellule – e una volta prodotte le proteine viene degradato. Non è possibile che possa entrare nel nucleo e modificare il codice; peraltro, dovrebbe essere copiato in una molecola di Dna perché altrimenti non si può integrare».

È vero che è inutile farsi il vaccino perché l’immunità dura solo poche settimane?

«No, questo è falso perché soltanto poche settimane fa è stato pubblicato il lavoro su Science Immunology che ha monitorato i malati di Covid a partire da aprile. In questo studio enorme che ha valutato migliaia di pazienti in diversi ospedali è stato osservato che gli anticorpi sono stati rilevati fino a otto mesi dalla malattia ma soprattutto sono state individuate finalmente le cellule di memoria, quei particolari linfociti B che una volta che l’infezione è fondamentalmente conclusa rimangono dormienti ma si riattivano una volta che incontriamo l’antigene. Questo dovrebbe farci ben sperare che non si possa essere reinfettati».

È vero che il vaccino per il Covid-19 è inefficace contro le mutazioni del virus?

«In questo momento no, sia il vaccino Pfizer che Moderna codificano e producono la proteina spike; le varianti che sono state individuate invece colpiscono porzioni particolari della proteina. Di fatto, il sito maggiore che muta è il dominio di legame, la regione di spike che lega il recettore delle nostre cellule ACE2, ma gli anticorpi vedono anche altre porzioni della proteina. Il fatto che i vaccini possano essere inefficaci su queste varianti è improbabile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...