Salute 12 Gennaio 2021 16:30

Vaccini, dpi e distanziamento hanno abbattuto l’influenza stagionale. Cricelli (Sigm): «C’è, ma non si trasmette»

L’ultimo report settimanale dell’ISS rileva un’incidenza delle sindromi simil-influenzali sotto la soglia basale con un valore pari a 1,4 casi per mille assistiti. L’anno scorso, di questi tempi, era pari a 4,9

Vaccini, dpi e distanziamento hanno abbattuto l’influenza stagionale. Cricelli (Sigm): «C’è, ma non si trasmette»

La seconda ondata non si può dire conclusa, si teme l’arrivo della terza, ma non c’è nessuna traccia dell’influenza stagionale in Italia. Almeno finora. E tutto fa pensare che non ci saranno grandi cambiamenti nemmeno nelle prossime settimane.

Incidenza dell’influenza sotto la soglia basale: 1,4 casi per mille assistiti

Mentre si registra un incremento dei contagi da Covid-19 e in attesa del prossimo Dpcm che aggiungerà nuove restrizioni, l’incidenza delle sindromi simil-influenzali in tutte le regioni che hanno attivato la sorveglianza si mantiene stabilmente sotto la soglia basale. Nell’ultima settimana del 2020, infatti, è stata di 1,4 casi ogni 1000 assistiti; lo scorso anno, in questa stessa settimana, il livello di incidenza era pari a 4,9 casi per mille assistiti.

Dall’inizio della stagione nessun virus influenzale segnalato in Italia

Sono i dati raccolti dal sistema InfluNet, il portale coordinato da Istituto Superiore di Sanità e ministero della Salute che si avvale del contributo di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta e dei referenti presso le Asl di tutte le regioni italiane. Secondo l’ultimo rapporto Influnet, dal 28 dicembre al 3 gennaio 2020 la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali è stabile e sottosoglia epidemica. Sono stati segnalati circa 85.000 casi per un totale di 1.313.000 a partire dall’inizio della sorveglianza. Tra i 100 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori collegati alla rete InfluNet nessuno è risultato positivo al virus influenzale (su un totale di 1.258 campioni analizzati dall’inizio della sorveglianza) e 9 sono risultati positivi al SARS-CoV-2 (170 dall’inizio della sorveglianza).

L’influenza c’è, circola, ma non si diffonde. Cricelli (Simg): «Ecco le due ragioni»

I dati confermano che, nell’anno della pandemia, a causa dell’emergenza sanitaria causata dal SARS-CoV-2, l’influenza stagionale colpisce molto meno rispetto alla media stagionale sia a livello nazionale che globale. Ma quali sono le motivazioni? «L’influenza quest’anno ancora non c’è, così come le sindromi simil-influenzali – commenta Claudio Cricelli, Presidente SIMG (Società italiana di medicina generale e delle cure primarie) a Sanità Informazione –. O meglio, è stata rilevata, circola, ma non si diffonde. E questo per due ragioni fondamentali: l’aumento delle vaccinazioni e gli effetti di lockdown, mascherine e distanziamento sociale».

Un meccanismo «già visto in Australia», precisa Cricelli: «Le persone si sono spostate molto meno, hanno indossato le mascherine e si sono lavate spesso le mani. Queste protezioni hanno impedito la circolazione di tutti i batteri e i virus respiratori invernali tradizionali – anche quelli che non sono sensibili al vaccino- e hanno determinato una bassissima diffusione nella popolazione».

Vaccinazione antinfluenzale, Cricelli: «Siamo intorno ai 15 milioni»

La vaccinazione antinfluenzale si può dire conclusa «perché non ci sono più dosi da somministrare»; i dati non sono ufficiali, ma si parla almeno di 15 milioni di vaccini effettuati. «L’incremento c’è stato, anche se ci aspettavamo di raggiungere i 18 milioni – aggiunge il Presidente Cricelli –. L’anno scorso, tra gli 11 milioni offerti gratuitamente dal SSN e i 2 milioni venduti in farmacia, siamo arrivati a 13 milioni di vaccini. Quest’anno, dai nostri calcoli, dovrebbero essere quasi tre milioni in più».

«I virus dell’influenza di quest’anno sono fermi, non si trasmettono da persona a persona e non c’è l’epidemia influenzale – sottolinea Cricelli –. Non sappiamo cosa succederà nelle prossime settimane ma sicuramente il numero delle persone colpite non raggiungerà i 16 milioni di ammalati dello scorso anno. Siamo ancora sotto la soglia epidemica: l’influenza c’è, ma è ferma» conclude.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
Nasce HERA, l’Autorità europea per la risposta alle emergenze sanitarie che verranno
L'UE ha annunciato la nascita di HERA, l'Autorità che si occuperà di prevedere i disastri sanitari come quello causato da Covid-19 e ne gestirà la reazione immediata
Covid-19, l’80% dei sanitari non vaccinati ancora lavora. Anelli (FNOMCeO): «Esercizio abusivo della professione»
Sono solo venti gli Ordini dei Medici che hanno ricevuto dalle Asl gli elenchi dei non immunizzati. Il presidente della Federazione nazionale: «La legge è chiara, oggi chi lavora senza la vaccinazione commette un reato e la magistratura deve intervenire»
Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?
Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o rinviabile
Contagi record in Giappone, nuove restrizioni per 70% degli abitanti
Casi gravi raddoppiati nelle ultime due settimane. A Tokyo oltre 5mila contagi nelle ultime 24 ore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco