Salute 12 Gennaio 2021 16:30

Vaccini, dpi e distanziamento hanno abbattuto l’influenza stagionale. Cricelli (Sigm): «C’è, ma non si trasmette»

L’ultimo report settimanale dell’ISS rileva un’incidenza delle sindromi simil-influenzali sotto la soglia basale con un valore pari a 1,4 casi per mille assistiti. L’anno scorso, di questi tempi, era pari a 4,9

Vaccini, dpi e distanziamento hanno abbattuto l’influenza stagionale. Cricelli (Sigm): «C’è, ma non si trasmette»

La seconda ondata non si può dire conclusa, si teme l’arrivo della terza, ma non c’è nessuna traccia dell’influenza stagionale in Italia. Almeno finora. E tutto fa pensare che non ci saranno grandi cambiamenti nemmeno nelle prossime settimane.

Incidenza dell’influenza sotto la soglia basale: 1,4 casi per mille assistiti

Mentre si registra un incremento dei contagi da Covid-19 e in attesa del prossimo Dpcm che aggiungerà nuove restrizioni, l’incidenza delle sindromi simil-influenzali in tutte le regioni che hanno attivato la sorveglianza si mantiene stabilmente sotto la soglia basale. Nell’ultima settimana del 2020, infatti, è stata di 1,4 casi ogni 1000 assistiti; lo scorso anno, in questa stessa settimana, il livello di incidenza era pari a 4,9 casi per mille assistiti.

Dall’inizio della stagione nessun virus influenzale segnalato in Italia

Sono i dati raccolti dal sistema InfluNet, il portale coordinato da Istituto Superiore di Sanità e ministero della Salute che si avvale del contributo di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta e dei referenti presso le Asl di tutte le regioni italiane. Secondo l’ultimo rapporto Influnet, dal 28 dicembre al 3 gennaio 2020 la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali è stabile e sottosoglia epidemica. Sono stati segnalati circa 85.000 casi per un totale di 1.313.000 a partire dall’inizio della sorveglianza. Tra i 100 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori collegati alla rete InfluNet nessuno è risultato positivo al virus influenzale (su un totale di 1.258 campioni analizzati dall’inizio della sorveglianza) e 9 sono risultati positivi al SARS-CoV-2 (170 dall’inizio della sorveglianza).

L’influenza c’è, circola, ma non si diffonde. Cricelli (Simg): «Ecco le due ragioni»

I dati confermano che, nell’anno della pandemia, a causa dell’emergenza sanitaria causata dal SARS-CoV-2, l’influenza stagionale colpisce molto meno rispetto alla media stagionale sia a livello nazionale che globale. Ma quali sono le motivazioni? «L’influenza quest’anno ancora non c’è, così come le sindromi simil-influenzali – commenta Claudio Cricelli, Presidente SIMG (Società italiana di medicina generale e delle cure primarie) a Sanità Informazione –. O meglio, è stata rilevata, circola, ma non si diffonde. E questo per due ragioni fondamentali: l’aumento delle vaccinazioni e gli effetti di lockdown, mascherine e distanziamento sociale».

Un meccanismo «già visto in Australia», precisa Cricelli: «Le persone si sono spostate molto meno, hanno indossato le mascherine e si sono lavate spesso le mani. Queste protezioni hanno impedito la circolazione di tutti i batteri e i virus respiratori invernali tradizionali – anche quelli che non sono sensibili al vaccino- e hanno determinato una bassissima diffusione nella popolazione».

Vaccinazione antinfluenzale, Cricelli: «Siamo intorno ai 15 milioni»

La vaccinazione antinfluenzale si può dire conclusa «perché non ci sono più dosi da somministrare»; i dati non sono ufficiali, ma si parla almeno di 15 milioni di vaccini effettuati. «L’incremento c’è stato, anche se ci aspettavamo di raggiungere i 18 milioni – aggiunge il Presidente Cricelli –. L’anno scorso, tra gli 11 milioni offerti gratuitamente dal SSN e i 2 milioni venduti in farmacia, siamo arrivati a 13 milioni di vaccini. Quest’anno, dai nostri calcoli, dovrebbero essere quasi tre milioni in più».

«I virus dell’influenza di quest’anno sono fermi, non si trasmettono da persona a persona e non c’è l’epidemia influenzale – sottolinea Cricelli –. Non sappiamo cosa succederà nelle prossime settimane ma sicuramente il numero delle persone colpite non raggiungerà i 16 milioni di ammalati dello scorso anno. Siamo ancora sotto la soglia epidemica: l’influenza c’è, ma è ferma» conclude.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cani e gatti sono serbatoi di virus, da quello della rabbia al Sars-CoV-2
Gli animali da compagnia sono possibili veicoli di infezioni e malattie, ancora in gran parte sottovalutati. La dinamica dei rischi legati ai contatti tra esseri umani e animali domestici è in continua evoluzione, influenzata dai cambiamenti sociali e ambientali degli ultimi anni. A dirlo è un gruppo di ricercatori internazionale in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...