Salute 18 Settembre 2020 10:00

Vaccino influenza, Aifa: «Alta copertura assicurata da oltre 17 milioni di dosi disponibili»

L’annuncio di Aifa sulla piena risposta al fabbisogno della popolazione italiana per il vaccino anti-influenza. Avviata anche una task force di monitoraggio approvvigionamenti e distribuzioni

Vaccino influenza, Aifa: «Alta copertura assicurata da oltre 17 milioni di dosi disponibili»

Con oltre 17 milioni di dosi disponibili, la copertura vaccinale contro l’influenza risponde ampiamente al fabbisogno della popolazione italiana, rispettando le nuove raccomandazioni del Ministero della Salute. Il dato rassicurante viene da Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, ed è supportato dai risultati del 2019, quando erano state distribuite 12,5 milioni di dosi sufficienti per poco più della metà della popolazione.

Si tratta quindi di un «consistente aumento della disponibilità del vaccino e offre una solida prospettiva per rispondere alla domanda di immunizzare le popolazioni a rischio. È stata inoltre formata una task force per monitorare costantemente approvvigionamenti e distribuzione», si legge in una nota.

MAGRINI: «SI LAVORA PER LIMITARE CRITICITÀ»

«Aifa – ha affermato il Direttore Generale Nicola Magrini – sta lavorando anche per prevenire ogni possibile criticità legata sia all’approvvigionamento che alla distribuzione del vaccino antinfluenzale, potendo contare sulla collaborazione concreta di Farmindustria, Assogenerici e dei loro associati, ribadita oggi in un incontro nella sede dell’Agenzia del Farmaco».

«Abbiamo fatto e continuiamo a fare tutto il possibile, nello spirito della massima sinergia con il Ministero della Salute, l’Aifa e le Regioni, per offrire una risposta adeguata alla maggiore domanda di vaccini anti-influenzali. Siamo pronti a collaborare per cercare soluzioni a eventuali criticità», ha aggiunto Marcello Cattani, coordinatore del Gruppo Prevenzione di Farmindustria, a nome dei produttori di vaccini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Quarta dose, AIFA frena su allargamento a over 70: «Necessari ulteriori approfondimenti»
Per ora la quarta dose resta indicata per gli immunodepressi. La CTS di Aifa ha ribadito che è essenziale completare il ciclo vaccinale seguito dalla dose booster già autorizzata
Rapporto AIFA 2020 su uso antibiotici in Italia, trend in calo ma il Covid-19 spariglia le carte
Ancora lontani dall’inversione di tendenza auspicata nel PNCAR. Magrini (AIFA): «La lotta alle antibioticoresistenze una priorità di salute globale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi