Salute 14 Settembre 2020 11:32

Influenza, in aumento copertura vaccinale ma l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi Oms

Nella campagna 2019-20 si è arrivati al 16,8%. Gli esperti raccomandano il vaccino per l’inverno, sopratutto a over 65 e persone a rischio. Preoccupa la co-circolazione con Sars-CoV-2

Influenza, in aumento copertura vaccinale ma l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi Oms

Si conferma il trend in aumento per le coperture vaccinali. Nella stagione 2019/2020 i dati mostrano la vaccinazione antinfluenzale passare dal 15,8% della stagione precedente al 16,8%. Specie negli anziani, il Ministero della Salute ha rilevato un aumento costante a partire dall’annata 2015/16: sono stati il 54,6% gli anziani che hanno aderito alla vaccinazione.

L’aumento maggiore si registra in Sicilia, dove da 16% si è passati a 18,1%. Seguita da Molise e Friuli Venezia Giulia. Ancora il Molise a registrare la percentuale più alta di copertura sulla popolazione anziana, 65,4%. Sopra il 60% ci sono anche Friuli Venezia Giulia, Campania, Umbria, Basilicata e Calabria.

SARS-COV-2 E INFLUENZA, RISCHIO DI CO-CIRCOLAZIONE

Non è ancora raggiunta, tuttavia, la soglia indicata dall’Organizzazione mondiale della Sanità e dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale, che punta al 75% come obiettivo minimo perseguibile e al 95% come obiettivo ottimale per persone a rischio e over 65. Nell’attuale situazione epidemiologica, con la circolazione di Sars-CoV-2, è importante che chi rientra nelle categorie a rischio si vaccini. Non è lontana la possibilità di una co-circolazione tra Covid-19 e influenza nei mesi invernali, che renderebbe la diagnosi ancora più complessa per i professionisti sanitari. Il vaccino potrebbe essere un’arma per proteggersi da uno dei due e ridurre gli accessi al pronto soccorso e ai laboratori per i tamponi.

La campagna 2020-21 offre la possibilità di vaccinazione gratuita anche nella fascia 60-64 anni. È inoltre raccomandata agli operatori sanitari e socio-sanitari e agli anziani che vivono in strutture residenziali o a lunga degenza. In attesa che una legge ne confermi l’obbligatorietà. Dal Ministero è intanto arrivata la raccomandazione di anticipare la campagna all’inizio di ottobre e di offrire il vaccino anche ai ritardatari.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Varianti coronavirus, l’immunologo Abrignani: «Già al lavoro per nuovi vaccini»
Presentato il Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del virus Sars-CoV-2. Il direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare del Policlinico di Milano: «La sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio è fondamentale»
di Federica Bosco
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 gennaio, sono 100.886.015 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.174.486 i decessi. Ad oggi, oltre 80,29 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...