Salute 14 Settembre 2020 11:32

Influenza, in aumento copertura vaccinale ma l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi Oms

Nella campagna 2019-20 si è arrivati al 16,8%. Gli esperti raccomandano il vaccino per l’inverno, sopratutto a over 65 e persone a rischio. Preoccupa la co-circolazione con Sars-CoV-2

Influenza, in aumento copertura vaccinale ma l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi Oms

Si conferma il trend in aumento per le coperture vaccinali. Nella stagione 2019/2020 i dati mostrano la vaccinazione antinfluenzale passare dal 15,8% della stagione precedente al 16,8%. Specie negli anziani, il Ministero della Salute ha rilevato un aumento costante a partire dall’annata 2015/16: sono stati il 54,6% gli anziani che hanno aderito alla vaccinazione.

L’aumento maggiore si registra in Sicilia, dove da 16% si è passati a 18,1%. Seguita da Molise e Friuli Venezia Giulia. Ancora il Molise a registrare la percentuale più alta di copertura sulla popolazione anziana, 65,4%. Sopra il 60% ci sono anche Friuli Venezia Giulia, Campania, Umbria, Basilicata e Calabria.

SARS-COV-2 E INFLUENZA, RISCHIO DI CO-CIRCOLAZIONE

Non è ancora raggiunta, tuttavia, la soglia indicata dall’Organizzazione mondiale della Sanità e dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale, che punta al 75% come obiettivo minimo perseguibile e al 95% come obiettivo ottimale per persone a rischio e over 65. Nell’attuale situazione epidemiologica, con la circolazione di Sars-CoV-2, è importante che chi rientra nelle categorie a rischio si vaccini. Non è lontana la possibilità di una co-circolazione tra Covid-19 e influenza nei mesi invernali, che renderebbe la diagnosi ancora più complessa per i professionisti sanitari. Il vaccino potrebbe essere un’arma per proteggersi da uno dei due e ridurre gli accessi al pronto soccorso e ai laboratori per i tamponi.

La campagna 2020-21 offre la possibilità di vaccinazione gratuita anche nella fascia 60-64 anni. È inoltre raccomandata agli operatori sanitari e socio-sanitari e agli anziani che vivono in strutture residenziali o a lunga degenza. In attesa che una legge ne confermi l’obbligatorietà. Dal Ministero è intanto arrivata la raccomandazione di anticipare la campagna all’inizio di ottobre e di offrire il vaccino anche ai ritardatari.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, l’appello dei medici: «Ospedali ancora sovraccarichi, no a un allentamento prematuro delle restrizioni»
L'intersindacale: «Rallentamento delle restrizioni possibile solo con contagi giornalieri al di sotto di 5.000 casi, ricoveri in area Covid medica e intensiva al di sotto del 40% e 30% e vaccinazione completata almeno per fragili e ultra 60enni»
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...