Salute 28 Agosto 2020

Vaccino antinfluenzale, Tinelli (Simit): «Tassativo per gli anziani. Con coperture elevate ci eviteremmo tanti guai»

L’infettivologo: «L’anno scorso si è vaccinato meno del 20% della popolazione e gli anziani non hanno superato il 70%. Questi numeri devono salire. Senza tampone, impossibile distinguere influenza da Covid»

Vaccino antinfluenzale, Tinelli (Simit): «Tassativo per gli anziani. Con coperture elevate ci eviteremmo tanti guai»

«I vaccini sono l’arma più potente che abbiamo contro le malattie infettive. È sempre importante fare il vaccino antinfluenzale; ma tanto più quest’anno, a causa della pandemia, sarà di aiuto per discriminare un’infezione da Covid da una che non lo è». Non lascia spazio a dubbi il professor Marco Tinelli, componente del consiglio nazionale della Simit (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) e medico infettivologo presso l’IRCCS Auxologico San Luca di Milano.

L’IMPORTANZA DEL VACCINO ANTINFLUENZALE

Il professor Tinelli, raggiunto al telefono da Sanità Informazione, tiene a sottolineare il valore della vaccinazione per over 65 e lavoratori a rischio contagio in questo momento storico: «Quest’anno deve essere tassativo. Gli anziani sono estremamente a rischio per l’influenza e per il coronavirus. E devono seguire le indicazioni del Ministero della salute, dei medici e degli infettivologi. Non è obbligatorio ma fortemente raccomandato anche a medici e operatori sanitari, forze dell’ordine e bambini sopra i sei mesi, per proteggere loro e chi li accudisce, che spesso sono i nonni, molto esposti al rischio di contagio».

LE COPERTURE VACCINALI

«Il vaccino dovrebbe raggiungere il 95% di copertura – ha spiegato il professore -. L’anno scorso si è vaccinato meno del 20% della popolazione e gli anziani non hanno superato il 70%. Questi numeri devono salire: io sono assolutamente convinto che se la le persone faranno il vaccino antinfluenzale ci eviteremo tanti guai: intanto, l’influenza provoca migliaia di morti ogni anno, non è esente da rischi. Inoltre, dal momento che i sintomi possono confondersi con quelli del coronavirus, con il vaccino si eviterebbe l’intasamento dei pronto soccorso per l’influenza nel prossimo autunno-inverno».

COME DISTINGUERE IL COVID-19 DALL’INFLUENZA?

«La sintomatologia è simile, soprattutto all’inizio: febbre, mal di gola, cefalea. Nelle forme gravi di coronavirus ci sono compromissioni polmonari, la dispnea respiratoria e i pazienti sono sottoposti a ventilazione assistita. I sintomi delle due patologie sono purtroppo sovrapponibili e si può distinguere l’una dall’altra solo con il tampone».

COSA FARE IN CASO DI SINTOMI SOSPETTI?

«Come sempre succede, in caso di sintomi influenzali come febbre, mal di gola, astenia, mal di testa, sarebbe opportuno contattare il medico prima di iniziare ad assumere farmaci, soprattutto antibiotici che sono inefficaci per le malattie virali».

I COMPITI DEL MEDICO DI FAMIGLIA

«Già fa molto: da anni il ministero ha istituito la figura del medico sentinella che accede a un database nazionale del ministero – influnet – e segnala la sintomatologia delle persone che accedono al loro studio privato e registrano la casistica dei casi di influenza annuale. Il medico di medicina generale dovrà visitare il paziente e a seconda delle manifestazioni indirizzarlo alle Asl per fare il tampone ed escludere l’infezione da Sars-Cov-2. Inoltre, i medici sono pronti ad offrire la vaccinazione agli over 65 direttamente nei loro studi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus
L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19
Covid-19, l’uso dell’aspirina potrebbe essere associato a un minore rischio di ricovero in terapia intensiva e mortalità
I risultati di due analisi condotte a Yale e all'università del Maryland sembrano essere promettenti, ma devono essere confermati da studi randomizzati controllati
di Peter D'Angelo
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
«Ospedali sovraccarichi, non allentare le restrizioni». L’appello di medici e dirigenti sanitari
L’Intersindacale Medica, Sanitaria e Veterinaria prende posizione nel dibattito sulle possibili riaperture, in particolare in prossimità delle festività natalizie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli