Covid-19, che fare se...? 12 Gennaio 2021 15:32

Influenza e Covid-19, come distinguerli?

Influenza e Covid-19 si presentano in maniera abbastanza simile. Quali sono i sintomi e come comportarsi?

Influenza e Covid-19, come distinguerli?

Uno dei motivi per cui il SARS-CoV-2 si è diffuso così tanto ad inizio pandemia è relativo alla grande similitudine tra i sintomi del Covid-19 e quelli dell’influenza stagionale. E questa sostanziale e possibile sovrapposizione delle patologie è alla base dei principali timori relativi ad un nuovo incremento della pressione sulle strutture sanitarie. Se l’unico modo per avere la certezza che una persona con febbre si sia beccata una banale influenza o il Covid-19 è il tampone molecolare, come risponderà il Ssn ora che stiamo entrando nella stagione influenzale?

La speranza è che quest’anno l’influenza stagionale faccia registrare un numero di casi di molto inferiore rispetto al passato. Questo perché le attenzioni (e gli obblighi di legge) che stiamo mantenendo per evitare il contagio da Covid (mascherine, distanziamento, pulizia delle mani, ecc.) funzionano anche nella prevenzione dell’influenza stagionale.

Influenza o Covid-19? I sintomi dell’influenza stagionale

Detto ciò, è possibile distinguere influenza e Covid-19? Premesso che quando parliamo di influenza stiamo in realtà parlando di una famiglia composta da tantissimi virus diversi (ma in qualche modo simili e accomunabili), questa si manifesta generalmente per la temperatura corporea che supera rapidamente i 38 gradi, la presenza di almeno un sintomo respiratorio (ad esempio, naso chiuso) e di almeno un sintomo sistemico generale (come dolori ossei, debolezza, ecc.).

I sintomi del Covid-19

I sintomi sin qui descritti possono comparire anche in caso di contagio da SARS-CoV-2. Il Covid-19, però, presenta anche alcuni sintomi più particolari. Parliamo di anosmia (perdita della capacità di percepire gli odori) e ageusia (perdita del gusto), la quale può manifestarsi anche come disgeusia (distorsione del senso del gusto).

In ogni caso, come detto, solo il tampone nasofaringeo può dare certezze sul proprio stato di salute. È per questo necessario, al momento dell’insorgere dei sintomi, contattare il proprio medico di medicina generale. Questi, nel caso in cui dovesse ravvisare un caso sospetto di Covid-19, provvederà a prescrivere il tampone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Green pass e badanti, le FAQ del Governo. Cosa c’è da sapere
Come comportarsi con badanti conviventi senza Green pass o positive al Covid-19? Le risposte di Palazzo Chigi
Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»
L'ex ministra della Salute ha partecipato all'ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»
Estensione Green Pass, depressione, fine vita e commissione d’inchiesta su origine Sars-CoV-2 nella settimana in Parlamento
Attesa per l’esame in commissione Affari costituzionali del Senato del decreto legge che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro. A Montecitorio in discussione due mozioni: una per la cura delle cerebrolesioni e una per potenziare gli strumenti per la diagnosi e la cura della depressione
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?