Covid-19, che fare se...? 12 Gennaio 2021 15:32

Influenza e Covid-19, come distinguerli?

Influenza e Covid-19 si presentano in maniera abbastanza simile. Quali sono i sintomi e come comportarsi?

Influenza e Covid-19, come distinguerli?

Uno dei motivi per cui il SARS-CoV-2 si è diffuso così tanto ad inizio pandemia è relativo alla grande similitudine tra i sintomi del Covid-19 e quelli dell’influenza stagionale. E questa sostanziale e possibile sovrapposizione delle patologie è alla base dei principali timori relativi ad un nuovo incremento della pressione sulle strutture sanitarie. Se l’unico modo per avere la certezza che una persona con febbre si sia beccata una banale influenza o il Covid-19 è il tampone molecolare, come risponderà il Ssn ora che stiamo entrando nella stagione influenzale?

La speranza è che quest’anno l’influenza stagionale faccia registrare un numero di casi di molto inferiore rispetto al passato. Questo perché le attenzioni (e gli obblighi di legge) che stiamo mantenendo per evitare il contagio da Covid (mascherine, distanziamento, pulizia delle mani, ecc.) funzionano anche nella prevenzione dell’influenza stagionale.

Influenza o Covid-19? I sintomi dell’influenza stagionale

Detto ciò, è possibile distinguere influenza e Covid-19? Premesso che quando parliamo di influenza stiamo in realtà parlando di una famiglia composta da tantissimi virus diversi (ma in qualche modo simili e accomunabili), questa si manifesta generalmente per la temperatura corporea che supera rapidamente i 38 gradi, la presenza di almeno un sintomo respiratorio (ad esempio, naso chiuso) e di almeno un sintomo sistemico generale (come dolori ossei, debolezza, ecc.).

I sintomi del Covid-19

I sintomi sin qui descritti possono comparire anche in caso di contagio da SARS-CoV-2. Il Covid-19, però, presenta anche alcuni sintomi più particolari. Parliamo di anosmia (perdita della capacità di percepire gli odori) e ageusia (perdita del gusto), la quale può manifestarsi anche come disgeusia (distorsione del senso del gusto).

In ogni caso, come detto, solo il tampone nasofaringeo può dare certezze sul proprio stato di salute. È per questo necessario, al momento dell’insorgere dei sintomi, contattare il proprio medico di medicina generale. Questi, nel caso in cui dovesse ravvisare un caso sospetto di Covid-19, provvederà a prescrivere il tampone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccinazione antinfluenzale, Salutequità: «Regioni in ordine sparso per vaccinare 14 milioni di over 65»
«Vaccinare e vaccinarsi è doppiamente importante, sia per proteggere le persone, sia per evitare di sovraccaricare i Pronto Soccorso, già alle prese con enormi carenze di personale», sottolinea Maria Pia Ruggieri, consigliera di Salutequità
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni