Covid-19, che fare se...? 27 Ottobre 2020

Guida pratica all’uso delle mascherine: quali indossare, come conservarle, ogni quanto cambiarle e come lavarle

Botta e risposta con Paolo D’Ancona, epidemiologo delle malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità

di Peter D'Angelo
Guida pratica all’uso delle mascherine: quali indossare, come conservarle, ogni quanto cambiarle e come lavarle

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto durante uno dei suoi ultimi dibattiti pre-elettorali che l’85% delle persone che indossavano le mascherine sono comunque state contagiate dal coronavirus. Per rispondere a questa affermazione Sanità Informazione ha intervistato Paolo D’Ancona, epidemiologo delle malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità.

Dott. Paolo D’Ancona, è vero che le persone che usano le mascherine si contagiano lo stesso? Insomma, sono inutili?

«Non direi proprio. Le mascherine chirurgiche sono uno dei presidi medici utilizzati per proteggersi dal Covid anche durante l’assistenza medica. Le persone si contagiano perché non rispettano tutte le altre misure di prevenzione. Anche il bere un caffè senza la mascherina può diventare una occasione di contagio se non rispettiamo ad esempio le distanze. In questo periodo la maggior parte dei contagi avviene in famiglia dove non indossiamo la mascherina: certamente è impensabile utilizzare la mascherina anche a casa, quindi dobbiamo essere prudenti e cercare di non fare entrare il virus in casa attraverso contagi avvenuti in altri momenti della giornata, dove non utilizziamo la mascherina, o tramite altre modalità di contagio (ad esempio attraverso le mucose oculari)».

Quali sono i comportamenti più scorretti e comuni che vede fare dalle persone che indossano la mascherina? Ad esempio, aggiustare la mascherina toccandola sulla superficie esterna è rischioso?

«Prima regola, indossarla correttamente: deve coprire dal naso al mento e tutta la bocca. E deve essere possibilmente aderente. Gli errori sono indossare una mascherina che non si adatta bene al nostro viso, toccare la superficie esterna con le mani che useremo per toccare altri oggetti o addirittura gli occhi, mettersi la mascherina in tasca o in altro luogo senza rispettare l’igiene e comunque facendo toccare la parte esterna (potenzialmente contaminata) ad altri oggetti personali. Ad esempio, meglio poggiare la parte esterna su un foglio di carta quando si poggia la mascherina usata sulla propria scrivania».

Quali sono le situazioni in cui è consigliata la mascherina di stoffa e quali quelle in cui è consigliata la chirurgica?

«Le chirurgiche vanno usate tutte le volte che vogliamo essere sicuri della protezione: persone fragili, luoghi particolarmente affollati, assistenza a persone malate o anziani, sui mezzi pubblici, dove le persone gridano, luoghi chiusi piccoli in presenza di altre persone. Queste mascherine certificate ci danno una certezza. Esistono anche quelle certificate di stoffa lavabili, l’importante è che riportino sulla confezioni le norme UNI EN 14683 (mascherine chirurgiche) o quella EN149 (filtranti facciali come le FFP2 o FFP3). Le mascherine di comunità (quelle non certificate) possono essere usate in tutte le altre occasioni con minor rischio, in cui riusciamo a mantenere le distanze».

Come vanno conservate in borsa o in tasca? In una bustina?

«Bisogna considerare i due aspetti: l’igiene generale (non si può mettere in tasca qualcosa che poi va nella nostra bocca) e la possibile contaminazione della parte esterna. Una bustina, un contenitore di plastica, un quaderno sono delle possibilità, ma la parte potenzialmente contaminata va ripiegata su se stessa. E se usiamo un contenitore riciclabile va lavato anch’esso con un po’ di sapone».

Come si possono abbassare per bere e mangiare senza che si rischi di far passare il virus dalla superficie esterna al nostro mento, abbassandola in modo scorretto?

«Premetto che per mangiare e bere la principale cautela è rispettare la distanza con le altre persone; riguardo la mascherina basta prenderla dagli elastici. L’importante è non poggiare il lato che metteremo verso la bocca su una superficie che potrebbe essere contaminata».

Ogni quanto è necessario cambiare la mascherina chirurgica? Ogni 4 ore?

«Le mascherine chirurgiche con l’umidità del respiro perdono gradualmente la loro funzionalità. Convenzionalmente si è sempre indicato quattro ore in ambito professionale cioè di assistenza sanitaria. Nell’ambito comunitario, per il tipo di uso e per il tipo di rischio, si può pensare di utilizzarla anche per più ore. Bisogna però cambiarla se si è sia bagnata, rovinata, sporcata, o contaminata».

Le maschere chirurgiche si possono lavare?

«Assolutamente no. Perdono le loro caratteristiche. Non esistono al momento procedure standardizzate di riuso dopo trattamento, neanche con soluzioni alcoliche».

Una mascherina chirurgica quante volte può essere usata?

«Professionalmente una sola volta. In comunità non c’è un limite ben preciso nell’arco della giornata, perché dipende da come viene rimossa, conservata e rimessa. Non è solo una questione di contaminazione con il virus SARS-CoV-2, ma anche una questione igienica. Si tratta di qualcosa che mettiamo a contatto con la nostra bocca. Più passa il tempo più rischia di sporcarsi».

Se si continua ad usare la stessa dopo 8-10 ore oltre il limite, che succede?

«L’umidità del respiro fa perdere allo stato filtrante della mascherina (quello che in genere sta in mezzo) parte della sua funzionalità. L’effetto barriera viene conservato, ma non si tratta più di quello ottimale. Il problema è anche comunque igienico perché sulla mascherina possono depositarsi altri batteri».

Ogni quanto cambiare la mascherina in stoffa?

«Le mascherine in stoffa possono essere certificate oppure di comunità. Per le prime bisogna seguire le indicazioni del produttore in termini di lavaggi, per le seconde non c’è limite, perché si tratta di oggetti che hanno una mera funzione di barriera più o meno efficace. Direi che vanno cambiate quando il tessuto mostra cedimento e lascia passare l’aria troppo facilmente».

Come si lavano quelle in stoffa?

«Anche qui, se sono certificate bisogna seguire le istruzioni del produttore. Se sono di comunità dipende dal tessuto. Idealmente in lavatrice a 60° oppure un lavaggio a mano seguito da una buona stiratura, oppure un lavaggio con un prodotto disinfettante per tessuti. L’importante è lavarle almeno ogni giorno oppure quando pensiamo di essere stati troppo vicini ad altri».

Se la mascherina di stoffa viene usata per una o due settimane senza mai lavarla, che si rischia?

«Oltre all’evidente problema igienico, aumentano i rischi di una contaminazione da SARS-CoV-2. Infatti le mascherine hanno anche un effetto barriera contro eventuali goccioline che trasportano virus emessi dalle persone vicino a noi. Se incontrassimo una persona malata la mascherina ci proteggerebbe. Però toccando una mascherina contaminata, mettendola in tasca, riponendola a casa e non lavandola, c’è il rischio che con le continue manipolazioni contaminiamo non solo le nostre mani, ma anche il lato che poggiamo sulla bocca, il che ovviamente causerebbe una infezione».

È vero che le mascherine riducono la capacità di respirare ossigeno?

«Assolutamente no. Le mascherine chirurgiche sono stata progettate per farci respirare in sicurezza. Le altre mascherine dette filtranti facciali come la FFP2 o la FFP3 sono ugualmente sicure, ma a causa della totale filtrazione dell’aria in inspirazione, rendono la respirazione più faticosa».

È vero che si creano funghi e che si depositano virus e batteri nelle mascherine?

«Assolutamente si. Ovviamente questo può accadere sia sulla parte interna della mascherina che su quella esterna. Ci sono persino studi che hanno permesso di studiare la qualità dell’aria attraverso batteri e funghi depositati sulle mascherine dei lavoratori. All’interno della mascherina il deposito di batteri può altresì avvenire e le condizioni umide possono addirittura facilitarne la crescita».

Le mascherine FFP2 e FFP3 possono essere igienizzate con soluzioni alcoliche nebulizzate e riutilizzate?

«Ci sono diversi studi che provano che in emergenza possono essere riutilizzate nel settore professionale, ma con sostanze e apparecchiature normalmente non di uso domestico. Le soluzioni alcoliche non sono adeguate. Sconsiglierei quindi la pratiche di igienizzazione fai-da-te…».

Quando si lavora al chiuso con altre persone, e non si può sempre rispettare il distanziamento di 1,8 metri (aggiornato dalle linee guida americane) è consigliabile indossare una mascherina di stoffa o quella chirurgica?

«Deve essere il datore di lavoro a fare una valutazione del rischio e decidere quale distanza tra le postazioni, in quali condizioni lavorative e che tipo di dispositivi di protezione. Quindi non c’è una regola fissa perché non tutti i lavori sono uguali. Tuttavia ricordiamo che le mascherine chirurgiche (e quelle di stoffa certificate) offrono una protezione affidabile, quelle di comunità  invece non possono garantire alcun livello preciso».

Stanno circolando molto queste mascherine trasparenti, alcune in materiale rigido. Sono sicure? Servono a qualcosa o meno?

«Sicuramente la parte rigida fa da barriera. L’importante è che rispettino gli altri criteri: permettono una buona respirabilità attraverso i filtri? Sono questi abbastanza spessi da filtrare l’aria? Sono aderenti al viso? Sono facilmente lavabili? Sono questi i criteri che dobbiamo guardare. Comunque anche in questo caso bisognerà cambiare i filtri secondo la raccomandazione del produttore».

 

Articoli correlati
Congresso SIDeMaST, i dermatologi: «Nessuna controindicazione per le mascherine, attenzione alle mani»
«Chi soffre di acne, rosacea o altre malattie della cute può indossare la mascherina protettiva senza rischiare fastidi o peggioramenti» spiega il prof. Giuseppe Monfrecola del’Università Federico II di Napoli. Sulle mani: «Meglio con acqua e sapone anziché il gel sanificante» precisa la Prof.ssa Bianca Maria Piraccini dell’Università degli studi di Bologna
Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»
Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»
Coronavirus, nuovo report GIMBE: «Obbligo mascherine scelta coerente con impennata contagi»
Il progressivo aumento dei casi attualmente positivi ha prima innescato l’incremento di pazienti ospedalizzati con sintomi e in terapia intensiva, e adesso inizia a riflettersi anche sui decessi
Speranza al Congresso Fimmg: «Sbloccare i 235 milioni per diagnostica primo livello, anche con poteri straordinari»
«I contagi crescono, alzare il livello di attenzione. Considerato lo scenario europeo, sarebbe un’illusione pensare che siamo fuori pericolo». E sui tamponi rapidi dai medici di famiglia: «Se c’è questa disponibilità Governo e Regioni lavorino subito per dar loro gli strumenti necessari e garantire sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli