Salute 14 Settembre 2020 09:55

Troppe fratture ai denti e dolori alla mascella durante il lockdown, una dentista spiega cosa li causa

Anche voi avete avuto mal di denti durante il lockdown? Fino ad arrivare a vere e proprie fratture. Una dentista spiega perché e che fare per limitarle

Troppe fratture ai denti e dolori alla mascella durante il lockdown, una dentista spiega cosa li causa

Mascella dolorante, emicranie, ipersensibilità dei denti e addirittura fratture. Se avete notato un aumento dei fastidi dentali durante e dopo il lockdown non siete gli unici, e forse c’è una spiegazione. Da quando gli studi dentistici hanno riaperto, i professionisti hanno registrato un’insolita presenza di fratture dentali e disturbi da sfregamento. È il nostro corpo che cerca di somatizzare lo stress e i cambiamenti, senza nemmeno avvertirci. Sul New York Times ne ha parlato la dentista Tammy Chen, fornendo anche qualche consiglio utile.

Per la dottoressa Chen è cominciato tutto da una serie di chiamate preoccupate durante il lockdown che ha investito New York tra marzo e aprile. Pazienti preoccupati con guance indolenzite, mal di testa improvvisi e inspiegabili che chiedevano cosa poteva aver causato il disturbo. Persone che l’odontoiatra ha curato con la telemedicina finché è stato necessario, per poi ritrovarsi decine di casi di denti fratturati appena riaperto lo studio. Troppi per essere una coincidenza. Due o tre al giorno, fino a sei se va male. Perché?

STRESS, POSIZIONE A “C” E INSONNIA: C’ENTRANO I DENTI

Chen se lo è chiesto consultandosi con altri esperti ed è arrivata alla conclusione che l’aumento di denti rotti e di problemi mandibolari è il frutto delle difficoltà che stiamo avendo nell’affrontare la pandemia e il lockdown. Tre i fattori da tenere sotto controllo. Lo stress prima di tutto, responsabile di tutti quei dolori e quelle sensazioni inspiegabili che ci tormentano quando siamo particolarmente agitati. Nel caso dell’accettazione della nuova realtà con il virus, infatti, molti hanno interiorizzato le ansie digrignando i denti e mantenendo il volto in tensione costantemente durante il giorno.

Il secondo fattore è la posizione del corpo. Negli scorsi mesi le modalità di smart-working sono state le più scelte tra le aziende per i propri lavoratori. Nonostante il vantaggioso livello di sicurezza, però, lavorare da casa significa nuovi luoghi in cui sostare, nuove superfici e nuove abitudini corporee. L’uso del portatile poi, spiega la dottoressa, porta spesso ad adottare posizioni sbagliate. Piegandosi su se stessi si raggiunge la “forma C”, con il collo incavato tra le spalle. Una postura così sofferente porta poi il corpo a doversi “rettificare” durante la notte.

Questo ci porta al terzo fattore: l’insonnia. Proprio perché il corpo si è trovato in sofferenza tutto il giorno, di notte la colonna vertebrale resta in tensione e non riesce a rilasciare lo stress caricato durante il giorno. Da questo gli incubi frequenti, l’aumento inspiegabile del battito cardiaco, i risvegli di soprassalto e le lunghe ore passate doloranti a digrignare i denti.

DIGRIGNARE I DENTI DURANTE IL GIORNO, POCHI SE NE ACCORGONO

Anche chi pensa di non digrignare spesso non si ferma mai durante tutto il giorno. Provate a fare caso se, mentre siete impegnati a lavorare, i vostri denti si toccano: significa che la vostra mascella è in tensione. «I denti non dovrebbero mai toccarsi – chiarisce Chen – se non quando mangiamo. Se durante il giorno avete la bocca serrata significa che state affidando ai denti il compito di conservare la tensione». A lungo andare un simile atteggiamento può generare la frattura dei denti e la corsa dal dentista.

Per concedere una pausa alle nostre mascelle ci sono alcuni accorgimenti che si possono adottare in casa, anche mentre si lavora. Trovare una posizione corretta, per esempio. Ricordando che lo schermo del pc deve essere sempre dritto davanti agli occhi, che la seduta deve disegnare un angolo retto e che i fianchi devono sempre trovarsi più il alto delle ginocchia. Quando si fanno delle pause dallo smart-working è bene approfittare per camminare lungo la casa il più possibile, per concedere al corpo un cambiamento. Se non si riesce, dopo aver staccato la dentista consiglia di sdraiarsi a terra e cominciare a dimenarsi “come un pesce”, lasciando tutti i muscoli liberi di muoversi. La tensione alleviata permetterà di dormire meglio.

Per chi dispone di una vasca, un bagno serale di 20 minuti nei sali può aiutare il corpo a prepararsi al sonno. Prima di dormire poi, cinque minuti per dimenticare le notizie preoccupanti, ritrovare la propria dimensione e spostare il proprio corpo sulla funzione rest and digest, ovvero “riposa e digerisci”. «I denti possono affrontare molti traumi – ricorda la dottoressa – ma se si rompono significa che questo è troppo anche per loro. Vi stupirebbe di sapere quanto sono responsabili del vostro benessere, prendetevene cura».

 

 

Articoli correlati
Sydney dice addio al lockdown, dopo quasi quattro mesi
Oltre 100 giorni di lockdown, chiusure e limitazioni. Sydney riemerge dalla sua quarantena dopo aver superato il 70% di popolazione over 16 vaccinata, ma l'Australia tiene chiusi i confini
Un adolescente su tre è un ragazzo vampiro: come riconoscerli e aiutarli
In crescita durante il lockdown, gli adolescenti affetti da vamping trascorrono la notte svegli sul Pc. Per la dottoressa Emanuela Malorgio, (OMCeO Torino) pediatra esperta di disturbi del sonno occorre una terapia personalizzata
di Federica Bosco
Minority Stress, lo stress delle minoranze “rifiutate” dalla società
Alfaro (pediatra): «Ne soffrono soprattutto i minori LGBT+ esposti ad alti tassi di discriminazione e maltrattamento già in famiglia ed a scuola». Tra i giovani dai 10 ai 24 anni appartenenti alla comunità LGBT+ i tentativi di suicidio sono 4 volte maggiori
di Isabella Faggiano
Covid-19, con l’introduzione delle ‘zone’ evitati 25mila ricoveri solo nel primo mese
È questo il risultato principale di uno studio congiunto tra Fondazione Bruno Kessler, Istituto Superiore di Sanità e INAIL pubblicato sulla rivista Nature Communications
La musica che migliora il sonno dei bambini disabili e riduce lo stress dei genitori
La tecnica riabilitativa è stata sviluppata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Creati componimenti audio-video personalizzati con suoni a particolari frequenze, musiche originali, la voce della mamma e del bambino stesso, immagini legate a momenti piacevoli, canzoni e ninne nanna familiari
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...