Salute 1 Luglio 2020 12:00

Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»

«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»

di Isabella Faggiano
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»

C’è chi fatica ad addormentarsi, chi si risveglia nel cuore della notte e chi si alza al mattino troppo presto. In Italia 9 milioni di persone non riescono ad avere un sonno tranquillo e restauratore, compromettendo, in modo più o meno determinante, la qualità della vita durante il giorno. «Oggi, infatti – specifica Giuseppe Plazzi, neurologo, responsabile dei Laboratori per lo studio e la cura dei disturbi del sonno al dipartimento di Scienze biomediche e neuromotorie dell’università di Bologna e presidente dell’Associazione Italiana Medicina del Sonno (AIMS), affiliata alla Società Italiana di Neurologia (Sin) – per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno, come disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna. Tutte conseguenze di una scarsa qualità e quantità del sonno notturno».

Disturbi del sonno che, stando allo “stressometro”, l’ultima fotografia post-lockdown, scattata dall’Istituto Piepoli per il Consiglio nazionale Ordine degli Psicologi, sono anche peggiorati: il 24% degli italiani ha disturbi del sonno a seguito della pandemia.

LEGGI ANCHE: “PASSANDO LA NOTTE SOTT’ACQUA”, QUANDO L’INSONNIA A TEATRO DIVENTA SPIA DEL MALE DI VIVERE

«Molte persone – continua lo specialista – durante il lockdown si sono adagiate su un ritmo sonno veglia che non è quello compatibile con la vita di tutti i giorni. Il nostro sonno ha dei sincronizzatori importantissimi: da una parte c’è la luce, dall’altro la vita sociale. La pandemia ha totalmente compromesso quest’ultimo sincronizzatore».

IL CALDO

In questo periodo, l’esplosione del gran caldo non ha di certo migliorato la situazione. Una delle prime regole per dormire bene, infatti, è trascorrere la notte in una stanza dalla temperatura mite: «Se necessario, anche il condizionatore può essere di aiuto a mantenere una temperatura costante per tutta la notte, ma che non sia troppo fredda. Pure la luce della camera da letto deve essere controllabile», suggerisce il presidente AIMS.

RISPETTARE GLI ORARI E SEGUIRE DEI RITUALI

«Dobbiamo cercare di coricarci sempre alla stessa ora, né troppo presto né troppo tardi, tra le ventitré e mezza notte e trenta. La sveglia – continua Plazzi – va fissata dopo un sonno non più lungo di 7-8 ore. Restare a lungo a letto, anche soltanto durante il weekend, peggiora la qualità del sonno del giorno successivo. Tra i rituali più consigliati: ascoltare della musica o leggere un libro. Entrambi devono rispecchiare il gusto personale dell’individuo, ma devono avere un contenuto non attivante dal punto di vista cognitivo».

LEGGI ANCHE: NERVOSI, DECONCENTRATI E STANCHI? NON È TUTTA COLPA DEL POST-LOCKDOWN. LA SOLUZIONE “IN UN BICCHIER D’ACQUA”

NO A TECNOLOGIA E STIMOLI LUMINOSI

«È importante evitare l’uso di tablet, telefonini, così come l’attività fisica prima di andare a letto», aggiunge il neurologo. E se regole e rituali non dovessero essere sufficienti è possibile ritrovare un buon sonno anche attraverso alcune terapie specifiche: «Il trattamento cognitivo comportamentale è la terapia psicologica più efficace. Altrimenti – spiega l’esperto – esistono validi farmaci e sostanze naturali».

LE DONNE PIÙ COLPITE

«L’insonnia ha una preferenza di genere: colpisce molto più le donne che gli uomini, soprattutto tra i 35 e i 45 anni. Ma per entrambi i sessi – dice Plazzi – un progressivo deterioramento del sonno con l’avanzare degli anni fa parte del naturale processo di invecchiamento. Allo stesso tempo, però l’insonnia può presentarsi anche nei bambini e diventa un problema quando il sonno di cattiva qualità determina un’irritabilità diurna, difficoltà di attenzione o aggressività. I bambini hanno bisogno di dormire circa due ore in più degli adulti ed è bene che si abituino a compiere dei rituali prima di andare a letto: lavarsi, cambiarsi, leggere un libro dal contenuto rilassante. Ovviamente – conclude Plazzi – rispettando orari regolari sia per addormentarsi che per risvegliarsi».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Direttore Ps Gubbio): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Caldo record: a luglio +21% di decessi. Anziani categoria più a rischio, soprattutto se malati cronici
I dati sono emersi dall’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza del Ministero della Salute, che esamina i decessi tra le persone con oltre 65 anni di età in 33 città. Temperature e mortalità superiori alla media stagionale già dal mese di maggio, con picchi, tra fine giugno e la prima settimana di luglio, tra i 37 e i 40 gradi
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
L’estate italiana 2022 è la più calda di sempre. Bollino rosso in 16 città
L’ondata di calore sarà molto intensa, ma di durata inferiore rispetto alle precedenti. Coldiretti: «La tendenza al surriscaldamento in Italia è evidente e la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell’ultimo decennio»
Corno d’Africa, per la siccità è allarme malnutrizione. Il racconto di Josephine: «Qui si muore di fame»
A raccogliere la testimonianza di Josephine è stata CESVI, al centro nutrizionale di Ngaremara gestito dalla stessa Fondazione, dove si trova il suo ultimo figlio, gravemente malnutrito. Se entro settembre la siccità non dovesse dare tregua a rischio 20 milioni di persone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...