Salute 1 Luglio 2020 12:00

Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»

«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»

di Isabella Faggiano
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»

C’è chi fatica ad addormentarsi, chi si risveglia nel cuore della notte e chi si alza al mattino troppo presto. In Italia 9 milioni di persone non riescono ad avere un sonno tranquillo e restauratore, compromettendo, in modo più o meno determinante, la qualità della vita durante il giorno. «Oggi, infatti – specifica Giuseppe Plazzi, neurologo, responsabile dei Laboratori per lo studio e la cura dei disturbi del sonno al dipartimento di Scienze biomediche e neuromotorie dell’università di Bologna e presidente dell’Associazione Italiana Medicina del Sonno (AIMS), affiliata alla Società Italiana di Neurologia (Sin) – per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno, come disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna. Tutte conseguenze di una scarsa qualità e quantità del sonno notturno».

Disturbi del sonno che, stando allo “stressometro”, l’ultima fotografia post-lockdown, scattata dall’Istituto Piepoli per il Consiglio nazionale Ordine degli Psicologi, sono anche peggiorati: il 24% degli italiani ha disturbi del sonno a seguito della pandemia.

LEGGI ANCHE: “PASSANDO LA NOTTE SOTT’ACQUA”, QUANDO L’INSONNIA A TEATRO DIVENTA SPIA DEL MALE DI VIVERE

«Molte persone – continua lo specialista – durante il lockdown si sono adagiate su un ritmo sonno veglia che non è quello compatibile con la vita di tutti i giorni. Il nostro sonno ha dei sincronizzatori importantissimi: da una parte c’è la luce, dall’altro la vita sociale. La pandemia ha totalmente compromesso quest’ultimo sincronizzatore».

IL CALDO

In questo periodo, l’esplosione del gran caldo non ha di certo migliorato la situazione. Una delle prime regole per dormire bene, infatti, è trascorrere la notte in una stanza dalla temperatura mite: «Se necessario, anche il condizionatore può essere di aiuto a mantenere una temperatura costante per tutta la notte, ma che non sia troppo fredda. Pure la luce della camera da letto deve essere controllabile», suggerisce il presidente AIMS.

RISPETTARE GLI ORARI E SEGUIRE DEI RITUALI

«Dobbiamo cercare di coricarci sempre alla stessa ora, né troppo presto né troppo tardi, tra le ventitré e mezza notte e trenta. La sveglia – continua Plazzi – va fissata dopo un sonno non più lungo di 7-8 ore. Restare a lungo a letto, anche soltanto durante il weekend, peggiora la qualità del sonno del giorno successivo. Tra i rituali più consigliati: ascoltare della musica o leggere un libro. Entrambi devono rispecchiare il gusto personale dell’individuo, ma devono avere un contenuto non attivante dal punto di vista cognitivo».

LEGGI ANCHE: NERVOSI, DECONCENTRATI E STANCHI? NON È TUTTA COLPA DEL POST-LOCKDOWN. LA SOLUZIONE “IN UN BICCHIER D’ACQUA”

NO A TECNOLOGIA E STIMOLI LUMINOSI

«È importante evitare l’uso di tablet, telefonini, così come l’attività fisica prima di andare a letto», aggiunge il neurologo. E se regole e rituali non dovessero essere sufficienti è possibile ritrovare un buon sonno anche attraverso alcune terapie specifiche: «Il trattamento cognitivo comportamentale è la terapia psicologica più efficace. Altrimenti – spiega l’esperto – esistono validi farmaci e sostanze naturali».

LE DONNE PIÙ COLPITE

«L’insonnia ha una preferenza di genere: colpisce molto più le donne che gli uomini, soprattutto tra i 35 e i 45 anni. Ma per entrambi i sessi – dice Plazzi – un progressivo deterioramento del sonno con l’avanzare degli anni fa parte del naturale processo di invecchiamento. Allo stesso tempo, però l’insonnia può presentarsi anche nei bambini e diventa un problema quando il sonno di cattiva qualità determina un’irritabilità diurna, difficoltà di attenzione o aggressività. I bambini hanno bisogno di dormire circa due ore in più degli adulti ed è bene che si abituino a compiere dei rituali prima di andare a letto: lavarsi, cambiarsi, leggere un libro dal contenuto rilassante. Ovviamente – conclude Plazzi – rispettando orari regolari sia per addormentarsi che per risvegliarsi».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nasce il progetto PMLAb per i pazienti COVID-19 immunocompromessi
La gestione del paziente immunocompromesso con COVID-19 richiede una particolare attenzione, che si concretizza con le Profilassi Pre-Esposizione con anticorpi monoclonali. A questo scopo è nato il progetto Prevention Management LAboratory (PMLAb), presentato oggi a Roma
Nel 2022 il caldo ha ucciso oltre 70mila persone in Europa, più di quanto stimato prima
Durante l'estate del 2022 la mortalità per caldo in Europa è stata piuttosto elevata, più di quanto precedentemente stimato. Uno studio condotto dall’Istituto di Barcellona per la salute globale, pubblicato su The Lancet Regional Health – Europe, ha concluso che, a causa delle temperature elevate, si sarebbero verificati oltre 70.000 decessi nel Vecchio Continente lo scorso anno
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Una notte “in bianco” può ridurre la depressione per diversi giorni
Uno studio dell'Università Northwestern negli Stati Uniti ha scoperto che la perdita di sonno acuta può avere un effetto anti-depressivo grazie alla sua capacità di riconfigurare il cervello
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...