Voci della Sanità 10 Ottobre 2019

“Passando la notte sott’acqua”, quando l’insonnia a teatro diventa spia del male di vivere

A Roma lo spettacolo con protagoniste due giovani attrici della scena romana, Federica Valloni e Giorgia Ferrara. L’insonnia della protagonista, Kay, è solo la punta dell’iceberg di un disagio interiore che si manifesta nella vita reale in modo imprevedibile

 L’insonnia è un atto di protesta contro il grigiore della vita. È forse questa la frase-manifesto di “Passando la notte sott’acqua”, lo spettacolo teatrale diretto da Stefano Patti e scritto da Lorenzo De Liberato con protagoniste due giovani talenti della scena teatrale romana, Federica Valloni e Giorgia Ferrara. Al centro dello spettacolo, andato in scena prima nel corso del Festival InDivenire allo Spazio Diamante di Roma e poi al Nuovo Teatro San Paolo della Capitale, proprio lei, l’insonnia di cui soffre la protagonista, una giovane professoressa che vedrà giorno dopo giorno andare in frantumi la sua vita lavorativa, sentimentale e familiare.

L’insonnia della protagonista, Kay, è solo la spia di un disagio interiore che si manifesta nella vita reale in modo imprevedibile: le forti incomprensioni con la sua compagna, i litigi con la madre, la sospensione dal lavoro dove viene accusata di fatti gravi. Inevitabile il ricorso allo psicologo che indagando nei sogni della sfortunata protagonista trova forse la chiave di lettura corretta di questo disagio. I lunghi silenzi, le atmosfere rarefatte, l’aria tesa, i gesti inconsulti, le allucinazioni sono tutte situazioni che chi ha sofferto d’insonnia conosce bene e che le attrici hanno saputo trasmettere al pubblico.

Sullo sfondo le sconclusionate parole del cronista radiofonico Billie the best che la protagonista ascoltava nei momenti di solitudine legata alla mancanza di sonno, quando, sola con se stessa, riesce a distrarsi solo in qualcosa che è lontano da lei e che spesso non ha alcun senso logico. Pubblico e giuria hanno gradito: allo spettacolo è andata la menzione speciale per la Regia (Stefano Patti) e quella per Miglior Attrice (Giorgia Ferrara).

(foto di Morris Paganotti)

Articoli correlati
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
Insonnia: cromoterapia efficace? Cosa dice la scienza. Ma la luce influenza la melatonina
Numerosi studi negli ultimi anni hanno dimostrato l’efficacia di un tipo di occhiali che, bloccando le frequenze della luce blu, permettono di mantenere nella norma i livelli di melatonina e migliorare la qualità del sonno
Osas, Tavalazzi: «Grazie alla tecnologia, oggi diagnosi e trattamento apnee del sonno in casa e senza ricovero»
Per i medici la sindrome delle apnee notturne è una patologia troppo sottovalutata. Lo specialista in malattie dell’apparato respiratorio: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia che sono l’anello di congiunzione con gli specialisti. Grazie alle nuove tecnologie oggi le diagnosi e i trattamenti sono più semplici da gestire»
OSAS e apnee notturne, parla W.K. Thornton (Baylor College Tex): «Una vera e propria epidemia negli Usa e in Italia»
Sindrome delle apnee ostruttive del sonno, una malattia molto diffusa che mette a rischio quasi due milioni di italiani. Ce ne parla il professore texano W.K. Thornton, massima autorità in campo di medicina del sonno: «Osas causa di obesità, problemi di apprendimento e colpi di sonno alla guida»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...