Voci della Sanità 10 Ottobre 2019 12:45

“Passando la notte sott’acqua”, quando l’insonnia a teatro diventa spia del male di vivere

A Roma lo spettacolo con protagoniste due giovani attrici della scena romana, Federica Valloni e Giorgia Ferrara. L’insonnia della protagonista, Kay, è solo la punta dell’iceberg di un disagio interiore che si manifesta nella vita reale in modo imprevedibile

 L’insonnia è un atto di protesta contro il grigiore della vita. È forse questa la frase-manifesto di “Passando la notte sott’acqua”, lo spettacolo teatrale diretto da Stefano Patti e scritto da Lorenzo De Liberato con protagoniste due giovani talenti della scena teatrale romana, Federica Valloni e Giorgia Ferrara. Al centro dello spettacolo, andato in scena prima nel corso del Festival InDivenire allo Spazio Diamante di Roma e poi al Nuovo Teatro San Paolo della Capitale, proprio lei, l’insonnia di cui soffre la protagonista, una giovane professoressa che vedrà giorno dopo giorno andare in frantumi la sua vita lavorativa, sentimentale e familiare.

L’insonnia della protagonista, Kay, è solo la spia di un disagio interiore che si manifesta nella vita reale in modo imprevedibile: le forti incomprensioni con la sua compagna, i litigi con la madre, la sospensione dal lavoro dove viene accusata di fatti gravi. Inevitabile il ricorso allo psicologo che indagando nei sogni della sfortunata protagonista trova forse la chiave di lettura corretta di questo disagio. I lunghi silenzi, le atmosfere rarefatte, l’aria tesa, i gesti inconsulti, le allucinazioni sono tutte situazioni che chi ha sofferto d’insonnia conosce bene e che le attrici hanno saputo trasmettere al pubblico.

Sullo sfondo le sconclusionate parole del cronista radiofonico Billie the best che la protagonista ascoltava nei momenti di solitudine legata alla mancanza di sonno, quando, sola con se stessa, riesce a distrarsi solo in qualcosa che è lontano da lei e che spesso non ha alcun senso logico. Pubblico e giuria hanno gradito: allo spettacolo è andata la menzione speciale per la Regia (Stefano Patti) e quella per Miglior Attrice (Giorgia Ferrara).

(foto di Morris Paganotti)

Articoli correlati
Insonnia estiva: cause e rimedi di un disturbo che il Covid ha peggiorato
Sono oltre 18 milioni gli italiani che lamentano disturbi del sonno, in particolare durante l’estate
Il sonno e la sua evoluzione. Quando parliamo di insonnia?
La quantità di tempo che trascorriamo svegli e addormentati rispetto ai nostri antenati vedi le grandi scimmie e i lemuri potrebbe aver giocato un ruolo chiave nella nostra evoluzione. Nelle notti secche, i cacciatori-raccoglitori San (o Boscimani ) della Namibia dormono spesso sotto le stelle. Non hanno luci elettriche o nuove uscite di Netflix a tenerli svegli. Eppure, quando si svegliano al mattino, non hanno dormito più ore di un tipico abitante di città del Nord America o dell'Europa che è rimasto sveglio a guardare il proprio smartphone
di Stefano Piazza
Insonnia: un sabotatore del benessere
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Covid: insonnia in aumento del 40%. Ecco i consigli naturali per contrastarla
In crescita +28,8% gli integratori per favorire il sonno. In occasione della Giornata Mondiale del Sonno consigli su comportamenti virtuosi da tenere. Per combattere l'insonnia utili anche gli integratori naturali, 'attivatori delle sirtuine' che favoriscono il rilassamento
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola