Salute 18 Giugno 2020 10:02

Nervosi, deconcentrati e stanchi? Non è tutta colpa del post-lockdown. La soluzione “in un bicchier d’acqua”

Bernardi (biologa nutrizionista): «Sbalzi d’umore, confusione e irritabilità sono segni di scarsa idratazione. Quando percepiamo la sete siamo già ad un livello di disidratazione dell’1 o 2% con effetti negativi sul rendimento di corpo e mente»

di Isabella Faggiano

Prima il lockdown, poi la ripresa della routine tra la paura del contagio e nuove regole da seguire. Tutte fonti di stress che hanno messo a dura prova il nostro equilibrio psico-fisico. Eppure, a volte, per ritrovare energia e buonumore basta un semplice gesto, come bere un bicchiere d’acqua.

«Diversi studi hanno dimostrato il legame tra lo stato di idratazione e l’umore nelle diverse fasi della vita – spiega Elisabetta Bernardi, biologa specialista in Scienza dell’Alimentazione e membro dell’Osservatorio Sanpellegrino -. La scarsa idratazione può dare vita a stati di ansia, tensione o depressione. Gli studiosi hanno dimostrato anche come giovani adulti alle prese con una serie di compiti cognitivi si siano sentiti più calmi e quindi più capaci di affrontare i loro impegni subito dopo aver consumato acqua». Più in generale, molte ricerche condotte su uomini e donne hanno evidenziato come cambiamenti dell’umore, confusione o irritabilità siano segni di grave disidratazione.

L’acqua è così importante per il nostro equilibrio psico-fisico poiché noi stessi siamo costituiti da questo elemento fondamentale: «L’acqua – dice l’esperta – rappresenta circa il 65% del nostro peso corporeo. Alcune aree del nostro organismo ne contengono anche di più: ben il 75% del nostro cervello e dei nostri muscoli è costituito da acqua, percentuale che supera l’80%  nei polmoni, sangue e reni». E per evitare che un livello insufficiente di liquidi possa danneggiare il nostro corpo, psiche compresa, non basta bere ogni volta che si ha sete. «Anzi – sottolinea Bernardi – quando percepiamo questa sensazione vuol dire che siamo arrivati ad un livello di disidratazione dell’1 o 2 per cento, percentuale già capace di avere un impatto sul rendimento della nostra mente e del nostro corpo».

LEGGI ANCHE: L’ACQUA AIUTA A DIMAGRIRE: A PARITÀ DI DIETA UNA CORRETTA IDRATAZIONE FA PERDERE DUE CHILI IN PIU’

Per bambini e anziani la situazione si complica ulteriormente. «Nella prima e nell’ultima fase della vita la sensazione di sete può non presentarsi affatto, nemmeno quando la disidratazione ha superato la soglia del 2% – sottolinea Bernardi -. Questo perché nei più piccoli il senso della sete non si è ancora sviluppato, mentre nella terza età può deteriorarsi».

Anche se bambini e nonni sono i soggetti più rischio, sarebbe opportuno che tutta la famiglia rispettasse delle semplici e buone abitudini: «Costruire una routine dell’idratazione fa bene ad ogni età – dice la biologa nutrizionista -, ricordandosi di assumere acqua tra un pasto e l’altro con una cadenza regolare. Che bere durante il pranzo o la cena possa rallentare la digestione, poi, è un falso mito: ogni momento della giornata è buono per idratarsi. Un’ottima abitudine è bere un bicchiere d’acqua appena svegli, per dare una sterzata di energia alla giornata, e prima di andare a letto, per favorire il riposo notturno».

Prima di riempire il bicchiere sarà meglio accertarsi di aver scelto l’acqua giusta: non tutte sono uguali. «Quelle ricche di magnesio sono alleate del buon umore e dei toccasana contro l’insonnia. Il magnesio, infatti – commenta la specialista – è un prezioso micronutriente fondamentale per ripristinare il nostro equilibro psichico ed emotivo, oltre che per proteggere l’apparato cardiovascolare da aritmie e ipertensione».

Bere è importante qualunque sia lo stile di vita che si conduce, dall’iper sportivo al sedentario. «La disidratazione colpisce proprio tutti  – spiega Bernardi -, dagli impiegati seduti otto ore al giorno davanti al pc, agli studenti più irritabili se poco idratati, fino ai maratoneti che durante una competizione possono perdere una quantità di acqua pari all’8% del loro peso». La disidratazione, dunque, interferisce più spesso di quanto si possa immaginare con il nostro cervello. «Nervosi? Deconcentrati? Stanchi? Non vi ricordate le cose? – chiede  Bernardi -. Potreste aver bevuto poca acqua».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
L’acqua aiuta a dimagrire: a parità di dieta una corretta idratazione fa perdere due chili in più
L’esperta: «Bere durante i pasti non è dannoso, anzi. Aiuta a saziarci prima e quindi ad abbuffarci di meno. L’assunzione di fibre, l’abitudine a mangiare lentamente e l’incremento della massa magra sono gli altri ingredienti del successo»
di Isabella Faggiano
Maturità 2019, attenzione alla disidratazione: chi beve poco è meno concentrato e più affaticato
L’esperto: «Per dimostrarlo, alcuni ricercatori hanno sottoposto a risonanza magnetica studenti correttamente idratati ed altri disidratati. Le immagini ottenute hanno mostrato una massa cerebrale ridotta in coloro che non avevano bevuto abbastanza»
di Isabella Faggiano
Giornata dell’Acqua, Uricchio (IRSA-CNR): «Quella italiana in ‘buona salute’, ma attenzione a microplastiche e antibiotici. E sulle minerali…»
Alla Camera celebrata la Giornata Mondiale con l’evento “Acqua pubblica, una sfida globale”. Daga (M5S): «Ridando ai cittadini la gestione del servizio idrico integrato si avrà a cuore la qualità delle acque». Il Direttore IRSA-CNR parla anche delle acque minerali: «Italia terzo consumatore mondiale: giusto equiparare i parametri a quelli delle acque potabili, ora limiti sono troppo diversi»
San Benedetto, Ministero Salute chiede il ritiro di un lotto di acqua contaminata
Il Ministero della Salute ha comunicato l’immediato richiamo del lotto 23LB8137E delle bottigliette da mezzo litro di acqua minerale naturale Fonte Primavera con data di scadenza al 16/11/2019. Il motivo della segnalazione è il rischio clinico per la “presenza consistente di contaminanti idrocarburici come: xilene, etilbenzene, trimetilbenzene e toluene“. Il richiamo del Ministero riguarda solo il lotto indicato, imbottigliato “presso lo […]
Giornata Mondiale Acqua, Lucentini (Iss): «Rubinetto o bottiglia, quelle italiane sono sicure. Beviamo in tranquillità»
Il direttore del Reparto Igiene Acque Interne dell’Istituto Superiore di Sanità rassicura dopo la ricerca che ha individuato microplastiche in alcune marche straniere: «Sistemi di controllo e dati di riscontro epidemiologico affermano il contrario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea