Salute 4 Luglio 2019 10:43

L’acqua aiuta a dimagrire: a parità di dieta una corretta idratazione fa perdere due chili in più

L’esperta: «Bere durante i pasti non è dannoso, anzi. Aiuta a saziarci prima e quindi ad abbuffarci di meno. L’assunzione di fibre, l’abitudine a mangiare lentamente e l’incremento della massa magra sono gli altri ingredienti del successo»

di Isabella Faggiano

«A parità di dieta una corretta idratazione fa perdere due chili in più». Lo assicura Elisabetta Bernardi, biologa specialista in Scienza dell’Alimentazione che, ai microfoni di Sanità Informazione, svela alcuni segreti per rimettersi in forma durante questa stagione estiva.

«Un recente studio – continua l’esperta – ha dimostrato che l’acqua ha un ruolo essenziale per la perdita di peso, sia perché facilità il raggiungimento del senso di sazietà, sia perché stimola il consumo delle calorie per la produzione di energia. Inoltre, quando siamo disidratati ed abbiamo sete possiamo scambiare questa sensazione con quella di fame e quindi mangiare anche quando in realtà sarebbe sufficiente bere un bicchiere d’acqua».

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno messo a confronto due gruppi di persone che, per tre mesi, hanno seguito una dieta dallo stesso apporto calorico. Risultato? «Chi aveva l’abitudine di anticipare il pasto con due bicchieri di acqua è dimagrito due kg in più, che tradotto in percentuale – sottolinea Bernardi – è circa il 44% del totale. Una buona abitudine è quella di non aspettare lo stimolo della sete – che di solito arriva “troppo tardi”, quando la perdita di acqua supera lo 0,5% del peso del corpo  – ma di bere costantemente lungo l’intero arco della giornata».

LEGGI ANCHE: ALLA FAO L’ELOGIO DELLA DIETA MEDITERRANEA: PREVIENE LE MALATTIE NON TRASMISSIBILI E GARANTISCE SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Da non trascurare, ovviamente, l’attività fisica: «Ci permette di spendere energie in modo sano e, soprattutto, di aumentare la massa magra, quella metabolicamente più attiva che ha bisogno di maggiori energie, persino quando dormiamo. Di conseguenza – aggiunge la specialista – possedere una buona massa magra significa avere un metabolismo più elevato che ci facilita nelle diete, non costringendoci a regimi alimentari troppo poveri di calorie».

Attenzione anche al modo in cui si mangia: «Lentamente – suggerisce l’esperta  dell’Osservatorio Sanpellegrino – gustandosi la pietanza. Ogni boccone va masticato almeno dieci volte, in modo che si possa raggiungere facilmente il senso di sazietà, non rischiando di mangiare troppo». E di quali alimenti dovrebbero essere pieni i nostri piatti? «Soprattutto di fibra – risponde Bernardi – in particolare derivanti da cereali integrali, frutta ed ortaggi. La fibra è utile per evitare di assorbire troppi grassi, ma anche per la regolarità intestinale, fondamentale per la buona riuscita delle diete dimagranti. Quando si consumano alimenti ricchi di fibre, però, è necessario introdurre la giusta quantità di acqua, almeno otto bicchieri distribuiti durante tutto l’arco della giornata, per aiutare l’apparato digerente ad assimilarle. Per questo una corretta idratazione – conclude – risulta ancora una volta un elemento fondamentale per tutto l’organismo».

LEGGI ANCHE: ACQUA DI CASA: I DIECI CONSIGLI PER MIGLIORARNE LA QUALITÀ E NON SPRECARLA

Articoli correlati
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Stili di vita, alimentazione e sport: 7 italiani su 10 predicano bene ma razzolano male
I risultati del nuovo report «NUOVO REPORT ASIM- AIRC», realizzato da Fondo ASIM in collaborazione con la Fondazione AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Zero non vuol dire sano: gli alimenti ultra-processati aumentano il rischio di mortalità. Lo studio
I ricercatori dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) hanno monitorato per 12 anni lo stato di salute di oltre 22 mila persone e lo hanno correlato con le loro abitudini alimentari, prendendo in considerazione sia gli aspetti nutrizionali che quelli legati al grado di trasformazione dei cibi. Il primo autore dello studio: «L’etichetta dovrebbe indicare anche il livello di trasformazione degli alimenti e non solo ingredienti e valori nutrizionali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...