Salute 9 Luglio 2020

Cos’è la terapia EMDR e perché può aiutare il personale sanitario a combattere lo stress post-Covid

Fernandez (Associazione EMDR): «Sono sufficienti poche sedute per aiutare ad elaborare l’impatto emotivo di alcune situazioni stressanti o traumatiche. L’EMDR non cancellerà i ricordi, ma eliminerà le sensazioni negative ad essi associate»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Quando mi hanno detto che un mio collega era stato contagiato ed era in gravi condizioni ho avuto paura. Ho capito che se era capitato a lui, poteva accadere anche a me. Ero vulnerabile, indifeso». È un’immagine indelebile, ricca di emozioni, quella descritta da uno dei tanti operatori sanitari che ha deciso di sottoporsi alla terapia EMDR per superare il trauma vissuto durante la fase più critica dell’emergenza coronavirus.

ANCHE CHI AIUTA HA BISOGNO DI AIUTO

Negli ultimi mesi il personale medico-sanitario è stato esposto a livelli di stress altissimo, con grandi rischi per il proprio equilibrio psichico e per il proprio benessere. Ed è a loro che l’Associazione EMDR Italia ha deciso di dedicare un progetto, realizzato in collaborazione con Boehringer Ingelheim Italia, focalizzato su un programma di supporto psicologico, nella fase finale e post-emergenziale.

«Utilizzeremo la tecnica dell’EMDR, dall’inglese Eye Movement Desensitization and Reprocessing (Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) – spiega Isabel Fernandez, presidente dell’Associazione e direttrice del centro di Psicotraumatologia di Milano (CRSP) -. L’obiettivo è aiutare il loro sistema di elaborazione dello stress, rafforzando la resilienza, ovvero la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà».

LE MODALITÀ DI INTERVENTO

«Garantiremo diversi tipi di supporto – aggiunge Fernandez – sia individuale attraverso il telefono, video-chiamate o di persona, che incontri di gruppo. Questi ultimi avranno l’obiettivo di aiutare gli operatori ad alleviare e gestire gli effetti dello stress e a “decomprimere” la tensione emotiva, elaborando i momenti più traumatici vissuti nell’ambito dell’emergenza coronavirus. Durante gli incontri si individueranno sia le risorse personali che quelle del gruppo. Le sedute individuali, invece, saranno rivolte in particolare a medici, infermieri, operatori che hanno vissuto la quarantena, che sono stati positivi al virus, che hanno subito dei lutti, che hanno familiari malati».

COME ADERIRE AL PROGETTO

«Abbiamo disponibilità per offrire sostegno ad oltre 300 persone, ma se dovessero pervenire più richieste ci adegueremo senz’altro per accoglierle – assicura la psicoterapeuta -. Per contattarci da tutta Italia sarà sufficiente rivolgersi alla nostra segreteria attraverso il nostro sito internet, facendo richiesta di supporto individuale o anche per un intero reparto. Sarà garantita la privacy di tutti coloro che non vorranno far sapere a colleghi, parenti o conoscenti di aver richiesto un sostegno psicologico».

L’EFFICACIA DELL’EMDR

«È dimostrato scientificamente che sono sufficienti poche sedute EMDR (un numero che in media può variare da tre a sei) per aiutare ad elaborare l’impatto emotivo di alcune situazioni stressanti o traumatiche. Grazie a questa tecnica – sottolinea l’esperta – l’individuo potrà ripensare ai momenti vissuti senza riprovare, ogni volta, le emozioni e le sensazioni negative ad essi associati. L’EMDR è in grado di migliorare anche tutti i sintomi post-traumatici: dai disturbi del sonno, alla mancanza di concentrazione, all’essere irritabile, fino a tutti gli altri disturbi neurovegetativi che possono presentarsi a seguito di un trauma».

LE FASI DELLA SEDUTA EMDR

«Si parte dal racconto del paziente – spiega la psicoterapeuta -. Chiediamo di individuare i momenti, le immagini che lo hanno maggiormente colpito. Ricordo, ad esempio, l’angoscia di un’operatrice sanitaria nel ripensare all’espressione degli occhi di una persona affetta da Covid-19 poco prima che morisse. Dopo aver focalizzato il momento su cui lavorare, lasciamo che il paziente si concentri su questa immagine. Successivamente chiediamo quali sono le emozioni tuttora provate che, di solito, vanno dalla paura, all’ansia, fino ad impotenza e rabbia».

«È a questo punto che si effettua la stimolazione bilaterale oculare, movimenti che somigliano molto a quelli che i nostri occhi compiono spontaneamente durante la fase REM del sonno. Questa tecnica, l’EMDR appunto, fa sì che i pensieri perdano la loro carica emotiva negativa. L’EMDR non cancellerà i ricordi, ma eliminerà le sensazioni negative ad essi associate cosicché la persona potrà finalmente parlarne – conclude la specialista – libero dalla sofferenza».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»
Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridurre la capienza dei mezzi pubblici. Ma dico no a un nuovo lockdown». Poi ammonisce: «Attenzione a dimenticare le altre patologie o rischiamo guai peggiori»
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Covid-19, Boldi-Cavandoli-Murelli (Lega): «Governo sblocchi terapie ferme per burocrazia»
Le tre deputate della Lega chiedono di sbloccare le terapie a base di idrossiclorochina e plasma iperimmune
Perdita di capelli a ciocche o chiazze completamente glabre? L’alopecia può essere colpa del Covid
L’esperto: «Il 30% di chi ha contratto il virus, a distanza di tre mesi, soffre di alopecia. Anche lo stress da pandemia può causare una perdita consistente di capelli. Necessario affrontare il problema prima che si trasformi in un forte disagio psicologico»
di Isabella Faggiano
In Italia il contact tracing non funziona. Le Asl in difficoltà da nord a sud
Solo 9 mila tracciatori nel nostro paese e oltre il 33% dei nuovi casi senza un link epidemiologico, ovvero fuori dal contact tracing. Nelle Asl emergono le criticità su tamponi e gestione posti letto, a Napoli non c'è più posto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...