Salute 26 Giugno 2020 09:26

Smart working, Sima: «Come lavorare “da casa” in sicurezza»

I consigli della Società Italiana di Medicina Ambientale per ridurre i potenziali rischi del “lavoro agile”

Il lavoro agile o smart working è stato uno degli strumenti indispensabili individuati dal Governo durante l’emergenza derivata dalla pandemia COVID-19. E se da una parte, lo smart working ha ridotto notevolmente il rischio di esposizione al virus per una fascia estesa della popolazione, dall’altra, ha costituito uno scenario lavorativo nuovo.

Lo smart working si caratterizza per un diverso approccio al lavoro, basato su un rapporto fiduciario tra lavoratore e datore di lavoro e su una maggiore flessibilità. Il datore di lavoro, infatti, resta responsabile della sicurezza e del buon funzionamento degli strumenti tecnologici consegnati al lavoratore per lo svolgimento dell’attività, pur non avendo il controllo dell’ambiente scelto dall’operatore.

Il fattore umano assume un peso preponderante nella valutazione del rischio e nell’attuazione di comportamenti corretti, che deve tenere in considerazione la partecipazione di tutti coloro che operano e agiscono nell’ambiente domestico. In questo contesto non ancora sufficientemente normato, la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) ha predisposto alcuni consigli utili per ridurre i potenziali rischi associati allo smart working, primo fra tutti l’esposizione all’elettrosmog negli ambienti indoor che non andrebbe mai sottovalutata.

LEGGI ANCHE: SMART WORKING E TELELAVORO IN SICUREZZA. GLI OBBLIGHI DELLE AZIENDE PER TUTELARE LA SALUTE DEI LAVORATORI 

Il professor Prisco Piscitelli, epidemiologo e Vicepresidente SIMA, ricorda: «L’inquinamento elettromagnetico e la conseguente esposizione ai campi elettromagnetici non ionizzanti tende sempre a crescere a causa dell’introduzione nell’ambiente di nuove e svariate sorgenti artificiali come, impianti di telecomunicazioni, dispositivi elettronici Wi-Fi, telefoni cellulari, linee elettriche ad alta tensione. Mentre sono noti gli effetti acuti che si verificano a livelli di esposizione molto elevati, non ci sono indicazioni univoche sull’insorgenza di effetti nocivi per la salute da esposizioni a lungo termine a bassi livelli di esposizione».

Nel 2002 l‘Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi magnetici a bassa frequenza e successivamente i campi elettromagnetici a RF (2013) tra i possibili cancerogeni (come il carburante diesel, piombo, stirene, ecc.). Bambini e ragazzi – presenti in casa per la chiusura delle scuole o le vacanze – possono rappresentare una fascia maggiormente vulnerabile e suscettibile di un più cospicuo assorbimento delle onde elettromagnetiche per un maggiore contenuto di acqua all’interno del cranio e uno spessore osseo più sottile.

LEGGI ANCHE: OCCHIO SECCO PER DIDATTICA A DISTANZA E SMART-WORKING: COME LIMITARE I RISCHI? 

Allo scopo di migliorare la qualità della vita negli ambienti trasformatisi in ambienti di lavoro a distanza, si possono prendere in considerazione semplici accorgimenti: «Utilizzare i telefoni cellulari in condizioni di alta ricezione del segnale, ovvero in zone ad alta copertura di rete per la telefonia mobile, così come è preferibile usare telefoni cellulari di ultima generazione caratterizzati da un basso assorbimento elettromagnetico e fare chiamate brevi o utilizzare auricolari e sistemi viva-voce in caso di lunghi colloqui» dichiara Alessandro Miani, Presidente SIMA.

«Per quanto riguarda il posizionamento delle antenne dei sistemi Wi-Fi, Bluetooth e reti senza fili – continua Miani – il consiglio è quello di installarli negli ambienti della casa meno frequentati, evitando di tenere inutilmente accesi nei luoghi di lunga permanenza il Wi-Fi e apparecchi elettrici. Per l’uso del pc portatile, è da preferirsi il collegamento via cavo o, in alternativa, bisognerebbe interrompere la connessione Wi-Fi nei periodi di inattività, per evitare che la continua ricerca di una rete generi inutili esposizioni. Ogni 2 ore prendetevi una pausa di 5 o 10 minuti. Ricordate anche che è doveroso evitare di dormire tenendo lo smartphone vicino al letto, magari anche in ricarica, oppure avere dispositivi elettronici (radiosveglie, segreteria telefonica ecc.) poggiati sul comodino vicino a voi» conclude.

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Quando il lavoro diventa una malattia: cos’è il workaholism e perché è aumentato con lo smart working
Algeri (psicoterapeuta): «Perfezionisti, persone orientate al successo e soggetti con atteggiamenti compulsivi sono più a rischio di dipendenza da lavoro. Con le misure restrittive, imposte per contenere la pandemia, è più difficile spostare l’attenzione su altre attività e liberarsi dal workaholism»
di Isabella Faggiano
Test rapidi in azienda, Dpi e coaching per i dipendenti, il modello Consulcesi ai tempi del Covid
Simona Gori, Direttore Generale Consulcesi: «Siamo convinti che le aziende abbiano un ruolo centrale nella gestione della pandemia e per questo abbiamo investito per garantire ai nostri dipendenti di lavorare in sicurezza. Il modello aziendale va ripensato secondo i pilastri della sicurezza e della produttività»
Disabilità, Bologna (PP): «RSA, assistenti familiari e smart working: i mie emendamenti alla manovra per favorire l’inclusione sociale»
«L’obiettivo dovrebbe essere la piena inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso la rimozione delle cause che impediscono o ne limitano la piena realizzazione» sottolinea Fabiola Bologna, deputata di Popolo Protagonista
Ansia da Covid
Luca De Martino, Dott. in Fisioterapia Specializzato in tecniche osteopatiche
di Luca De Martino, Dott. in Fisioterapia Specializzato in tecniche osteopatiche
Covid, Sima e OMCeOMI: «Incentivare DAD per ridurre i contagi»
Da Alessandro Miani (Sima) e Roberto Carlo Rossi (OMCeOMi) arriva la richiesta di ampliare la Dad per ridurre i contagi tra i più giovani, evitando il sovraccarico delle risorse ospedaliere e di testing per tamponare tutte le classi con presenza di positivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»