Salute 27 Aprile 2021 16:13

Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia

La circolare sostituisce le linee guida di novembre. A casa paracetamolo e Fans; anticorpi monoclonali solo nella prima fase dell’infezione. No a cortisone, eparina e antibiotici. Se la saturazione scende sotto il 92% valutare ricovero o ossigenoterapia in casa

Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia

La nuova circolare del Ministero della Salute Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da Sars-Cov-2”, firmata dal direttore Gianni Rezza, sostituisce la precedente del 30 novembre 2020. Il documento stabilisce le modalità di gestione domiciliare dei pazienti Covid da parte di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta sulla base delle evidenze scientifiche attuali. Poche le novità rispetto al documento precedente, ma l’esigenza di fare chiarezza nasce dalle numerose polemiche sull’argomento che avevano provocato vari ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato. Da qui, la necessità di indicazioni aggiornate destinate a medici, caregiver, infermieri e pazienti stessi.

Cure domiciliari Covid-19: le nuove indicazioni del Ministero

Il protocollo riguarda i soggetti a domicilio asintomatici o paucisintomatici per i quali i medici devono attuare la vigile attesa e la sorveglianza clinica attiva con un monitoraggio costante dei parametri vitali e delle condizioni cliniche. Parliamo di pressione arteriosa, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, temperatura corporea, livello di coscienza e saturazione di ossigeno.

Il punto sui farmaci non presenta grandi differenze: per chi ha sintomi lievi, resta invariata l’avvertenza di assumere paracetamolo e FANS in caso di febbre, dolori articolari o muscolari. L’uso dei corticosteroidi continua ad essere raccomandato «esclusivamente nei soggetti con malattia Covid-19 grave che necessitano di supplementazione di ossigeno».

Il Ministero precisa che la terapia precoce con steroidi si è rivelata inutile, se non dannosa, perché può inficiare lo sviluppo di un’adeguata risposta immunitaria. L’eparina è opportuna «solo in soggetti immobilizzati per l’infezione in atto», mentre l’uso di antibiotici è da riservare esclusivamente ai casi nei quali sia sospettata l’infezione batterica e dimostrata da un esame microbiologico. Inoltre, «un ingiustificato utilizzo degli antibiotici può determinare l’insorgenza e il propagarsi di resistenze batteriche che potrebbero compromettere la risposta a terapie antibiotiche future».

Saturazione sopra al 92%

Il saturimetro, lo strumento che misura la capacità polmonare, è l’alleato dei pazienti affetti da Covid-19 e domiciliati. Il Ministero stabilisce, come a novembre, che è da considerare come valore soglia di sicurezza il 92% di saturazione dell’ossigeno in aria ambiente, sotto al quale è suggerito il ricovero in ospedale o l’ossigenoterapia in casa.

No idrossiclorochina e antivirali. «Nessuna evidenza da vitamine e integratori»

Le linee guida ribadiscono che l’efficacia dell’idrossiclorochina «non è stata confermata in nessuno degli studi clinici randomizzati fino ad ora condotti». Continua ad essere vietato anche somministrare farmaci mediante aerosol se in isolamento con altri conviventi per il rischio di diffusione del virus nell’ambiente. I pazienti devono continuare a seguire le terapie croniche in atto per altre patologie (antipertensive, ipolipemizzanti, ipoglicemizzanti, anticoagulanti o antiaggreganti) ma è sconsigliato l’uso di benzodiazepine, soprattutto ad alto dosaggio, per il rischio di depressione respiratoria.

Restano sconsigliati supplementi vitaminici e integratori alimentari, inclusa vitamina D, lattoferrina, quercitina per mancanza di «evidenze solide e incontrovertibili». Identica la posizione sugli antivirali: «L’utilizzo di Lopinavir/ritonavir o darunavir/ritonavir o cobicistat non è raccomandato né allo scopo di prevenire né allo scopo di curare l’infezione».

Gli anticorpi monoclonali entro i primi dieci giorni

La novità del protocollo riguarda i monoclonali. La valutazione dei pazienti da trattare con anticorpi monoclonali spetta a MMG, pediatri e medici delle Usca. Si raccomanda di indirizzarli verso le strutture di riferimento, meglio ospedali o centri pronti a gestire eventuali reazioni avverse gravi. Si specifica che la terapia è riservata ai malati ad alto rischio di sviluppare forme gravi e con sintomi di recente insorgenza, mai oltre i dieci giorni.

Le raccomandazioni per bambini e anziani

Nel nuovo documento suggerimenti per la gestione di bambini e anziani: nessun farmaco ai bambini asintomatici; con febbre superiore a 38,5 e sintomi simil-influenzali è consigliabile somministrare paracetamolo o ibuprofene. È raro che debbano essere assunti antibiotici, no ai cortisonici.

Nei pazienti anziani sono meno frequenti febbre, tosse, disturbi gastrointestinali, ageusia/disgeusia e anosmia. Demenza senile o altre malattie neurodegenerative possono rendere difficile l’identificazione dell’infezione. Per questo, il Ministero propone di considerare come sintomi atipici di Covid-19 delirium, cadute, apatia, sonnolenza, confusione/disorientamento e modifica dello stato funzionale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 o peste? Il poema di fine 500 che sembra ambientato ai giorni nostri
Intorno alla fine del Cinquecento l'Italia affrontava una dura epidemia di peste, ognuno si difendeva come possibile. Nella sua "Regola da preservarsi in sanità ne’ tempi di suspetto di peste", l'autore Marcantonio Ciappi provava a dare dei consigli in versi ai suoi concittadini. Incredibile scoprire quante somiglianze si trovano con la situazione di oggi: il lockdown, la quarantena, il coprifuoco e c'è persino il Green pass
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco