Salute 27 Aprile 2021 16:13

Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia

La circolare sostituisce le linee guida di novembre. A casa paracetamolo e Fans; anticorpi monoclonali solo nella prima fase dell’infezione. No a cortisone, eparina e antibiotici. Se la saturazione scende sotto il 92% valutare ricovero o ossigenoterapia in casa

Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia

La nuova circolare del Ministero della Salute Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da Sars-Cov-2”, firmata dal direttore Gianni Rezza, sostituisce la precedente del 30 novembre 2020. Il documento stabilisce le modalità di gestione domiciliare dei pazienti Covid da parte di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta sulla base delle evidenze scientifiche attuali. Poche le novità rispetto al documento precedente, ma l’esigenza di fare chiarezza nasce dalle numerose polemiche sull’argomento che avevano provocato vari ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato. Da qui, la necessità di indicazioni aggiornate destinate a medici, caregiver, infermieri e pazienti stessi.

Cure domiciliari Covid-19: le nuove indicazioni del Ministero

Il protocollo riguarda i soggetti a domicilio asintomatici o paucisintomatici per i quali i medici devono attuare la vigile attesa e la sorveglianza clinica attiva con un monitoraggio costante dei parametri vitali e delle condizioni cliniche. Parliamo di pressione arteriosa, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, temperatura corporea, livello di coscienza e saturazione di ossigeno.

Il punto sui farmaci non presenta grandi differenze: per chi ha sintomi lievi, resta invariata l’avvertenza di assumere paracetamolo e FANS in caso di febbre, dolori articolari o muscolari. L’uso dei corticosteroidi continua ad essere raccomandato «esclusivamente nei soggetti con malattia Covid-19 grave che necessitano di supplementazione di ossigeno».

Il Ministero precisa che la terapia precoce con steroidi si è rivelata inutile, se non dannosa, perché può inficiare lo sviluppo di un’adeguata risposta immunitaria. L’eparina è opportuna «solo in soggetti immobilizzati per l’infezione in atto», mentre l’uso di antibiotici è da riservare esclusivamente ai casi nei quali sia sospettata l’infezione batterica e dimostrata da un esame microbiologico. Inoltre, «un ingiustificato utilizzo degli antibiotici può determinare l’insorgenza e il propagarsi di resistenze batteriche che potrebbero compromettere la risposta a terapie antibiotiche future».

Saturazione sopra al 92%

Il saturimetro, lo strumento che misura la capacità polmonare, è l’alleato dei pazienti affetti da Covid-19 e domiciliati. Il Ministero stabilisce, come a novembre, che è da considerare come valore soglia di sicurezza il 92% di saturazione dell’ossigeno in aria ambiente, sotto al quale è suggerito il ricovero in ospedale o l’ossigenoterapia in casa.

No idrossiclorochina e antivirali. «Nessuna evidenza da vitamine e integratori»

Le linee guida ribadiscono che l’efficacia dell’idrossiclorochina «non è stata confermata in nessuno degli studi clinici randomizzati fino ad ora condotti». Continua ad essere vietato anche somministrare farmaci mediante aerosol se in isolamento con altri conviventi per il rischio di diffusione del virus nell’ambiente. I pazienti devono continuare a seguire le terapie croniche in atto per altre patologie (antipertensive, ipolipemizzanti, ipoglicemizzanti, anticoagulanti o antiaggreganti) ma è sconsigliato l’uso di benzodiazepine, soprattutto ad alto dosaggio, per il rischio di depressione respiratoria.

Restano sconsigliati supplementi vitaminici e integratori alimentari, inclusa vitamina D, lattoferrina, quercitina per mancanza di «evidenze solide e incontrovertibili». Identica la posizione sugli antivirali: «L’utilizzo di Lopinavir/ritonavir o darunavir/ritonavir o cobicistat non è raccomandato né allo scopo di prevenire né allo scopo di curare l’infezione».

Gli anticorpi monoclonali entro i primi dieci giorni

La novità del protocollo riguarda i monoclonali. La valutazione dei pazienti da trattare con anticorpi monoclonali spetta a MMG, pediatri e medici delle Usca. Si raccomanda di indirizzarli verso le strutture di riferimento, meglio ospedali o centri pronti a gestire eventuali reazioni avverse gravi. Si specifica che la terapia è riservata ai malati ad alto rischio di sviluppare forme gravi e con sintomi di recente insorgenza, mai oltre i dieci giorni.

Le raccomandazioni per bambini e anziani

Nel nuovo documento suggerimenti per la gestione di bambini e anziani: nessun farmaco ai bambini asintomatici; con febbre superiore a 38,5 e sintomi simil-influenzali è consigliabile somministrare paracetamolo o ibuprofene. È raro che debbano essere assunti antibiotici, no ai cortisonici.

Nei pazienti anziani sono meno frequenti febbre, tosse, disturbi gastrointestinali, ageusia/disgeusia e anosmia. Demenza senile o altre malattie neurodegenerative possono rendere difficile l’identificazione dell’infezione. Per questo, il Ministero propone di considerare come sintomi atipici di Covid-19 delirium, cadute, apatia, sonnolenza, confusione/disorientamento e modifica dello stato funzionale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Celiachia: aumenta la stima dei casi, 600mila. Dal Sige nuove linee guida su diagnosi e terapia
La dieta senza glutine resta la terapia da seguire per i pazienti affetti da celiachia. Alla diagnosi, alla terapia e al follow-up della malattia e della dermatite erpetiforme, la Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva (Sige), in collaborazione con altre società scientifiche, ha dedicato un documento contenente le Linee guida nazionali, presentato questa mattina nella Sala Caduti di Nassirya del Senato
di V.A.
Malattia di Crohn, prime linee guida Usa su test per monitoraggio infiammazione. AMICI: “Fondamentale garantirli gratis anche in Italia”
La ricerca dei biomarcatori presenti nel sangue e nelle feci entra nelle nuove linee guida appena pubblicate dall’American Gastroenterological Association (AGA) per aiutare, in modo mini-invasivo, i pazienti con malattia di Crohn a monitorare e gestire la loro condizione. Negli Stati Uniti viene dunque riconosciuta ufficialmente l'utilità e la necessità di test del sangue e delle feci per monitorare e valutare se la malattia è attiva o in remissione. Le nuove linee guida sono state pubblicate dalla rivista Gastroenterology e vengono oggi rilanciate da AMICI Italia
Dall’Istituto Superiore di Sanità nuove linee guida sull’autismo
L’ISS ha pubblicato il testo completo della Linea Guida sulla diagnosi e il trattamento del disturbo dello spettro autistico in bambini e adolescenti che include 27 raccomandazioni e 1 indicazione di buona pratica clinica che gli esperti hanno formulato sulla base della letteratura più aggiornata e della loro esperienzanprofessionale e personale
«Con noi pazienti nella Commissione LEA si possono evitare errori e lentezze»
INTERVISTA | A Sanità Informazione parla Antonella Celano, presidente dell'Associazione nazionale persone con malattie reumatologiche e rare. Spiega le ragioni che hanno spinto ben 163 associazioni dei pazienti a scrivere e inviare una lettera aperta al ministro della Salute, Orazio Schillaci
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Salute

Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni

Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste son...
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...