Salute 28 Settembre 2020 08:11

Andreoni (Tor Vergata): «Con lattoferrina i tempi di eliminazione del Sars-Cov-2 si accorciano»

«La lattoferrina ha un doppio meccanismo d’azione dimostrato scientificamente: non solo agisce sull’immunità naturale ma impedisce “fisicamente” al virus di entrare nella cellula». Ma non è tutto. Massimo Andreoni illustra i primi dati dello studio pilota dell’università di Tor Vergata sui contagiati da Sars-CoV-2

Andreoni (Tor Vergata): «Con lattoferrina i tempi di eliminazione del Sars-Cov-2 si accorciano»

«Un ricostituente dell’immunità». Definisce così la lattoferrina il professor Massimo Andreoni, direttore dell’unità Malattie infettive dell’università Tor Vergata di Roma. Si tratta di una proteina naturalmente prodotta dal corpo con indiscusse proprietà protettive per l’organismo, perché fortifica la risposta immunitaria. Ma non è tutto. Uno studio realizzato dell’università di Tor Vergata dimostra che la lattoferrina non solo «riduce la capacità dei virus di penetrare nelle cellule ma accorcia i tempi di eliminazione dello stesso» spiega Massimo Andreoni a Sanità Informazione.

COS’È LA LATTOFERRINA

«La lattoferrina è un prodotto che è presente abitualmente all’interno dell’organismo – precisa Andreoni –. È un ricostituente dell’immunità naturale, ci protegge naturalmente ed è particolarmente ricco nei bambini. Ed è proprio questo lo spunto che ha avviato la nostra sperimentazione: il fatto che i bambini contraggono l’infezione da Sars-CoV-2 in misura ridotta rispetto agli adulti.  I bambini, infatti, hanno concentrazioni di lattoferrina molto più alte rispetto agli adulti» evidenzia.

ANDREONI: «LATTOFERRINA IMPEDISCE “FISICAMENTE” AL VIRUS DI ENTRARE NELLA CELLULA»

«Le proprietà benefiche della lattoferrina poggiano su una base solida scientifica – prosegue Andreoni – e le sue abilità sono state fortemente provate. Esistono dati consolidati che dimostrano che la lattoferrina riduce la capacità dei virus di penetrare nelle cellule. Ha un doppio meccanismo d’azione dimostrato scientificamente: non solo agisce sull’immunità naturale ma va a competere con quelli che sono i recettori della cellula ACE 2 e impedisce “fisicamente” al virus di entrare nella cellula. Inoltre, abbiamo avviato uno studio pilota in collaborazione con La Sapienza di Roma e con l’università di Padova su pazienti contagiati dal virus. Somministrando la lattoferrina sia in compresse sia come spray, abbiamo visto che i tempi di eliminazione del virus effettivamente si accorciano. Sono dati preliminari e bisogna attendere dati più ampi e definitivi per poterlo affermare con certezza, ma è certamente una questione interessante da approfondire».

PREVENZIONE: LA LATTOFERRINA RIDUCE IL RISCHIO DI INFEZIONE?

Si discute inoltre anche sulla capacità di prevenzione dell’infezione: la lattoferrina riduce il rischio di infezione? «Su questo ancora non abbiamo dati; l’ipotesi è al vaglio, ma ancora non possiamo dire se funziona o meno in questi termini».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Dalla terra la salvezza del pianeta? Lo studio
Una ricerca condotta da alcuni ricercatori dell’Università Milano Bicocca ha identificato gli enzimi di batteri del sottosuolo in grado di eliminare il monossido di carbonio dall’atmosfera
Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?
La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Epatite misteriosa, casi in aumento e ora spunta l’ipotesi post-Covid
Mentre i casi di epatite misteriosa aumentano nel mondo, gli scienziati stanno valutando l'ipotesi che la malattia sia legata a un effetto del Covid
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...