Salute 28 Settembre 2020

Andreoni (Tor Vergata): «Con lattoferrina i tempi di eliminazione del Sars-Cov-2 si accorciano»

«La lattoferrina ha un doppio meccanismo d’azione dimostrato scientificamente: non solo agisce sull’immunità naturale ma impedisce “fisicamente” al virus di entrare nella cellula». Ma non è tutto. Massimo Andreoni illustra i primi dati dello studio pilota dell’università di Tor Vergata sui contagiati da Sars-CoV-2

Immagine articolo

«Un ricostituente dell’immunità». Definisce così la lattoferrina il professor Massimo Andreoni, direttore dell’unità Malattie infettive dell’università Tor Vergata di Roma. Si tratta di una proteina naturalmente prodotta dal corpo con indiscusse proprietà protettive per l’organismo, perché fortifica la risposta immunitaria. Ma non è tutto. Uno studio realizzato dell’università di Tor Vergata dimostra che la lattoferrina non solo «riduce la capacità dei virus di penetrare nelle cellule ma accorcia i tempi di eliminazione dello stesso» spiega Massimo Andreoni a Sanità Informazione.

COS’È LA LATTOFERRINA

«La lattoferrina è un prodotto che è presente abitualmente all’interno dell’organismo – precisa Andreoni –. È un ricostituente dell’immunità naturale, ci protegge naturalmente ed è particolarmente ricco nei bambini. Ed è proprio questo lo spunto che ha avviato la nostra sperimentazione: il fatto che i bambini contraggono l’infezione da Sars-CoV-2 in misura ridotta rispetto agli adulti.  I bambini, infatti, hanno concentrazioni di lattoferrina molto più alte rispetto agli adulti» evidenzia.

ANDREONI: «LATTOFERRINA IMPEDISCE “FISICAMENTE” AL VIRUS DI ENTRARE NELLA CELLULA»

«Le proprietà benefiche della lattoferrina poggiano su una base solida scientifica – prosegue Andreoni – e le sue abilità sono state fortemente provate. Esistono dati consolidati che dimostrano che la lattoferrina riduce la capacità dei virus di penetrare nelle cellule. Ha un doppio meccanismo d’azione dimostrato scientificamente: non solo agisce sull’immunità naturale ma va a competere con quelli che sono i recettori della cellula ACE 2 e impedisce “fisicamente” al virus di entrare nella cellula. Inoltre, abbiamo avviato uno studio pilota in collaborazione con La Sapienza di Roma e con l’università di Padova su pazienti contagiati dal virus. Somministrando la lattoferrina sia in compresse sia come spray, abbiamo visto che i tempi di eliminazione del virus effettivamente si accorciano. Sono dati preliminari e bisogna attendere dati più ampi e definitivi per poterlo affermare con certezza, ma è certamente una questione interessante da approfondire».

PREVENZIONE: LA LATTOFERRINA RIDUCE IL RISCHIO DI INFEZIONE?

Si discute inoltre anche sulla capacità di prevenzione dell’infezione: la lattoferrina riduce il rischio di infezione? «Su questo ancora non abbiamo dati; l’ipotesi è al vaglio, ma ancora non possiamo dire se funziona o meno in questi termini».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...