Salute 10 Settembre 2020 13:45

Quarantena di 7 giorni, Andreoni (Tor Vergata): «Aumenta rischio infezioni del 5-10%»

L’iniziativa francese ha scatenato il dibattito anche nel nostro Paese. Ma perché è stata presa e a quali rischi andremmo incontro se dovessimo adottarla anche in Italia?

Quarantena di 7 giorni, Andreoni (Tor Vergata): «Aumenta rischio infezioni del 5-10%»

La riduzione dei giorni di quarantena da due a una settimana decisa in Francia ha sollevato un dibattito anche nel nostro Paese sull’eventualità di adottare una misura simile e dimezzare il tempo in cui una persona infetta da Covid deve restare isolata in casa. «È una scelta di compromesso – commenta a Sanità Informazione il professor Massimo Andreoni, direttore della UOC Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma – in quanto si è scelto di aumentare leggermente il rischio del protrarsi dell’infezione in cambio di un ritorno più rapido alla normalità, e al lavoro, delle persone infette».

Professor Andreoni, ci spieghi quale principio è alla base di una scelta come questa.

«È una soluzione di compromesso che aumenta il rischio di trasmissione dell’infezione. Insomma, è una soluzione che paga uno scotto. Ridurre a sette giorni la quarantena vuol dire che possiamo controllare solo il 90% circa delle persone che possono trasmettere l’infezione. Si calcola che il rischio di infezione oltre al settimo giorno riguardi il 5-10% delle persone. Ciò vuol dire che con una quarantena di una settimana incrementeremmo di circa il 5-10% la possibilità di trasmissione delle persone che sono lunghi eliminatori del virus».

Quindi non si tratta di una scelta dettata dall’inutilità di tenere le persone chiuse in casa per due settimane ma di un baratto: rendiamo le cose più semplici a costo di un 5-10% di possibilità in più che queste persone ne infettino altre.

«Esattamente. Questa scelta va ovviamente nella stessa direzione di tutte le scelte che si stanno facendo in questo momento. Si cerca di ridurre al massimo il rischio nei confronti dell’epidemia, ma senza azzerarlo, in modo da poter effettivamente riattivare una serie di attività che risultano fondamentali. La scelta di riaprire le scuole va proprio in questo senso. Aprire le scuole senza dubbio è un’azione pericolosa in termini epidemici: si cerca di mettere in atto tutti i sistemi possibili per ridurre le possibilità di contagio ma qualche rischio in più rispetto ad ora lo correremo. La riduzione della quarantena va proprio in questa direzione. Bisogna soppesare il beneficio in funzione del danno che si arreca».

Lei è d’accordo con questa decisione?

«Personalmente, in questo particolare momento epidemico non sarei d’accordo nel ridurre il tempo di regime di quarantena. Secondo me proprio ora bisogna tenere la guardia ancora più alta. Questo tipo di intervento non mi sembra giustificato, dato il momento critico che stiamo vivendo e, soprattutto, anche proprio a ridosso dell’apertura delle scuole. Io manterrei la quarantena di due settimane».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Sesto Rapporto ISS-Istat su impatto pandemia: «Con Covid +15,6% di morti rispetto alla media»
Il documento presenta una sintesi delle principali caratteristiche di diffusione dell’epidemia Covid-19 e del suo impatto sulla mortalità totale del 2020 e un’analisi dettagliata della nuova fase epidemica che, nel primo quadrimestre 2021, si caratterizza anche per la progressiva diffusione della vaccinazione Covid-19
La Norvegia è la prima a dire “la pandemia è finita”
Uno dei responsabili dell'organizzazione sanitaria in Norvegia ha twittato: la pandemia è finita. Il paese ha il numero di contagi più basso di sempre e quasi la metà delle popolazione vaccinata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...