Salute 10 Settembre 2020 08:50

Quarantena, contact tracing, vaccini obbligatori e negazionisti: lezioni da un’epidemia (dell’800)

Il New England Journal of Medicine: «Fin dal 19mo secolo le misure di salute pubblica sono state mal ricevute dalla popolazione»

di Tommaso Caldarelli
Quarantena, contact tracing, vaccini obbligatori e negazionisti: lezioni da un’epidemia (dell’800)

Hanno superato quota 900 mila i decessi nel mondo a causa del coronavirus. L’epidemia da Covid-19 si prepara ad accompagnarci nel primo autunno della sua storia sul pianeta. Le perplessità sono ancora tantissime, i problemi si moltiplicano e la riapertura delle scuole pone una serie di questioni da risolvere: come sarà possibile tenere sotto controllo la diffusione dell’epidemia?

Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul contact tracing risalgono all’ultimo maggio e in Italia l’app di tracciamento tecnologico Immuni fa ancora fatica a diventare uno strumento diffuso e apprezzato dalla popolazione. La storia ci racconta, ed è un paper del New England Journal of Medicine a sottolinearlo, che in realtà sono proprio le politiche e i protocolli di contact tracing ad essere complicate e tutt’altro che di agevole applicazione.

«Nel tardo 19mo secolo», spiega l’autorevole pubblicazione medica, «quando la batteriologia era ancora una nuova scienza, un ampio numero di ispettori sanitari venne approntato sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. In quei giorni proprio la Gran Bretagna era riconosciuta come paese leader nella creazione di un sistema di notificazione, isolamento, disinfezione e tracing di casi di malattie infettive».

I documenti parlamentari raccontano di come oltre 1400 ispettori sanitari furono sguinzagliati in Inghilterra e nel Galles dopo un restrittivo processo di selezione basato su quattro materie: aspetti legali della salute pubblica; fisica e chimica; statistica di base; pratiche comuni di igiene municipale. Erano gli anni del vaiolo e gli ispettori sanitari erano autorizzati a «vaccinare i casi sospetti con forza autoritativa» sul posto.

A partire dal 1890 in Scozia «poteri autoritativi vennero concessi per lo stabilimento di punti di raduno» destinati a sudditi che fossero venuti in contatto con malattie infettive, specie in alloggi popolari e sovraffollati. «Costoro – spiega il NEJM – venivano lavati, rivestiti e vaccinati se necessario. Ai pazienti veniva offerto alloggio e vitto e anche se gli veniva permesso di continuare a lavorare, dovevano rimanere nei punti di raduno per almeno 14 giorni e venivano liberati solo in caso fossero manifestamente puliti da infezioni». Una caratteristica sorprendentemente attuale mentre si discute della possibilità di abbassare a 7 giorni il periodo di quarantena per il SARS–CoV–2.

Si può anche notare che certe dinamiche che oggi definiremmo «negazioniste» abbiano messo radici in tutte le epoche. «I pubblici ufficiali raccontavano che i contagiati più ostinati venivano minacciati di venir chiusi in casa o accusati di diffusione dell’infezione. Molti contagiati sapevano bene che la persuasione gentile era solo un preludio a misure più drastiche: se la persuasione falliva a convincere i contagiati, il denaro di solito era sufficiente», nel senso che i potenziali contagiati venivano foraggiati per quaranta o cinquanta sterline, a patto che rimanessero in casa. Un ammontare che «ha fatto risparmiare al contribuente centinaia di sterline in cure ospedaliere».

«Questi esempi – conclude il NEJM – mostrano come gli sforzi per persuadere le persone durante la pandemia da Covid-19 abbiano dei limiti. Come d’altronde nella Glasgow del 20mo secolo, le persone privilegiate e ricche avevano più facilità a rimanere in quarantena. Nonostante la prospettiva di costringere persone vulnerabili, che hanno ben poche ragioni per fidarsi del governo, dipenda sempre su quanto si insista sull’interesse pubblico, sembra anche chiaro che le strategie che riconoscono quali siano i costi reali del conformarsi alle misure di salute pubblica – come la quarantena – hanno più probabilità di riuscire».

Insomma, mentre ci si avvia verso l’autunno, il New England Journal of Medicine segnala che sapranno fare la differenza «l’accesso al welfare, l’accesso al cibo e ad altri mezzi di supporto». Non solo: «Recenti esperienze di austerità suggeriscono che anche questo approccio possa risolversi in un “troppo poco, troppo tardi”. Un’altra tacca sul conto dei disinvestimenti in salute e servizi sociali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi