Salute 30 Giugno 2020

Immuni supera i 4 milioni di download. Uno dei padri della App: «Non sono soddisfatto»

L’app italiana di contact tracing «funziona sempre, non serve che la scarichi il 60% della popolazione, questa è una bufala». Luca Ferrari, co-founder della società spiega che Immuni è sicura e rispetta la privacy

Immagine articolo

«Abbiamo ad oggi superato i 4 milioni di download, io comunque non sono ancora soddisfatto della diffusione di Immuni. Puntiamo ad altri numeri». Lo ha detto Luca Ferrari, co-fondatore della società che ha sviluppato l’app di contact tracing italiana, Bending Spoons, ospite in una live di Starting Finance.

«Vorrei iniziare dicendo – ha proseguito – che questa storia che Immuni funziona solo se la scarica il 60% della popolazione è una bufala. L’app è sempre utile, più è diffusa e più è utile, perché la sua funzione dipende dalla probabilità che due persone che hanno contratto il coronavirus l’abbiano scaricata: l’aumento della sua efficacia è fortemente proporzionale rispetto al numero dei download».

LEGGI ANCHE: L’APP IMMUNI SERVE VERAMENTE?

L’app per ora è stata scaricata dal 6,5% della popolazione italiana e ha registrato i primi tre casi positivi lo scorso 12 giugno in Liguria. Tra le ragioni dello scetticismo dei cittadini ci sono preoccupazioni legate alla privacy. «Una cosa che non si sa è che Immuni è stata sviluppata a strettissimo contatto con il Garante della privacy – ha ribadito Ferrari, rassicurando -. Bending Spoons non ha accesso ai dati di nessun tipo e nel nostro contratto con il governo c’è una clausola specifica che esclude l’uso commerciale di qualsiasi tipo di dato o di prodotto derivante dalla app».

«L’intero sistema di notifica – ha proseguito – si basa su uno scambio di codici casuali trasmessi da dispositivi che dialogano tramite bluetooth. Giornalmente vengono scaricati dalle app i codici corrispondenti ai soggetti che il Servizio Sanitario Nazionale ha identificato come a rischio e se il tuo dispositivo è stato vicino per più di 15 minuti con uno di questi codici, il contatto avvenuto ti verrà segnalato. Tutto qui».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»
Il consigliere del ministero della Salute per l'emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»
di Tommaso Caldarelli
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
Cos’è la terapia EMDR e perché può aiutare il personale sanitario a combattere lo stress post-Covid
Fernandez (Associazione EMDR): «Sono sufficienti poche sedute per aiutare ad elaborare l’impatto emotivo di alcune situazioni stressanti o traumatiche. L’EMDR non cancellerà i ricordi, ma eliminerà le sensazioni negative ad essi associate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)