Salute 16 Aprile 2021 15:20

«Io, paziente Covid affetto da obesità, avrei rischiato la vita senza gli anticorpi monoclonali»

La storia di Fulvio D.A., soggetto ad altissimo rischio rimasto paucisintomatico: «Quell’ora di trattamento ha cambiato il mio destino»

«Io, paziente Covid affetto da obesità, avrei rischiato la vita senza gli anticorpi monoclonali»

Lo sa bene il rischio che ha corso Fulvio D.A., cinquantenne napoletano impiegato in una ditta edile. Lo aveva capito subito che quei brividi di freddo all’improvviso, in piena notte, di ritorno da una trasferta di lavoro, potevano significare un punto di non ritorno per chi, come lui, l’ago della bilancia non lo vedeva scendere da tempo sotto i 130 chili.

Fulvio D.A. ha fiducia nella scienza, nella medicina ufficiale, e si mantiene informato: motivo per cui sa bene che le sue condizioni fisiche rappresentano una delle più frequenti cause di decesso in caso di infezione da Covid-19. E oggi sa anche che probabilmente deve alla scienza e alla ricerca il fatto di aver superato la malattia indenne, praticamente asintomatico, grazie alla terapia con gli anticorpi monoclonali. Il destino ha voluto che lui fosse un candidato ideale da sottoporre al trattamento: contagiato, con alto fattore di rischio, ma in condizioni ancora discrete. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per ascoltare la sua esperienza.

La malattia, paucisintomatico ma ad altissimo rischio

«Non so come abbia fatto a contrarre il virus, sono sempre stato attento – esordisce -. Fatto sta che nella notte tra il 30 e il 31 marzo ho iniziato ad avere dei brividi di freddo, inconfondibili: ero febbricitante. Il termometro segnava 38.5, ho preso una Tachipirina e la mattina sono andato immediatamente a fare un tampone. Che è risultato positivo. Mi metto subito in quarantena, fortunatamente ho un appartamento piuttosto grande e ho potuto isolarmi. Sono riuscito a non contagiare nessuno, né i miei colleghi né mia moglie, e questo è stato un grande sollievo».

«Sono stato subito assistito da remoto dal mio medico di famiglia e in presenza dalle USCA, in modo puntuale e costante. La mia saturazione si stava un po’ abbassando – continua a raccontare – e sono stato aiutato con una bombola di ossigeno, probabilmente anche in quanto soggetto a rischio: peso 130 chili, rientro quindi nella categoria degli obesi».

«Questo fattore, unito al fatto che non presentavo ancora sintomi severi, ha fatto sì che il personale USCA facesse richiesta per candidarmi al trattamento a base di anticorpi monoclonali. La mattina dopo – prosegue – sono stato contattato dall’Ospedale del Mare di Napoli per l’adesione al trattamento. Non ci ho pensato due volte a rispondere di sì: ho sempre avuto fiducia nella scienza, e nelle mie condizioni sapevo che potevo solo trarne giovamento. Insomma – osserva – se avevo un’occasione per non rischiare di finire intubato da lì a pochi giorni, era quella. Meglio coglierla al volo. Il giorno dopo sono stato prelevato da un’ambulanza e portato all’Ospedale del Mare».

Il trattamento con gli anticorpi monoclonali

«È stato rapido e indolore – afferma Fulvio D.A. -. Mi hanno praticato l’infusione tramite flebo, è durata un’oretta. Successivamente sono stato un paio d’ore sotto controllo, con l’infermiere seduto di fronte a me, per accertarsi che non insorgessero effetti collaterali. Passate le due ore, sono stato riaccompagnato a casa con l’ambulanza. Dopodiché sono stato bene».

«È vero, ero paucisintomatico prima di iniziare il trattamento. Ma innanzitutto, date le mie condizioni è probabile che mi sarei aggravato. Ma la cosa per me sorprendente è stata che nel giro di pochissimi giorni mi sono negativizzato. La maggior parte delle persone che conosco – osserva – che ha contratto il Covid in maniera anche asintomatica o paucisintomatica, ha impiegato settimane per vedere finalmente il tampone negativo. Ad oggi semplicemente mi è stato sconsigliato di fare attività fisica per un po’ e di adottare alcuni accorgimenti nella posizione durante il sonno, per non stressare i polmoni e favorire l’ossigenazione. Ma sto bene – aggiunge – e sono guarito senza complicazioni: una rarità per un soggetto fragile come me. E tutto questo lo devo alla ricerca. Il vaccino? Mi hanno detto che in quanto paziente Covid dovrò aspettare alcuni mesi – conclude – ma appena sarà il mio turno correrò a farlo. Qualunque esso sia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco