Salute 8 Aprile 2021 10:03

Anticorpi monoclonali, dagli infettivologi appello ai medici di medicina generale per trovare i candidati

Al San Paolo di Milano, uno dei 17 centri della Lombardia autorizzati da Aifa per il trattamento, la professoressa D’Arminio Monforte chiede aiuto ai colleghi di medicina generale per velocizzare i tempi, non affollare il pronto soccorso e attuare la procedura che sta dando ottimi risultati

di Federica Bosco

«Faccio un appello ai medici di medicina generale affinché ci segnalino i pazienti positivi al Covid considerati a rischio, ovvero anziani, con comorbidità o neoplastici. È sufficiente che contattino il centro di malattie infettive dell’ospedale affinché il paziente, dopo la verifica dei criteri, possa rientrare nella categoria degli aventi diritto agli anticorpi monoclonali».

Il messaggio arriva dalla professoressa Antonella D’Arminio Monforte, che dirige il reparto di malattie infettive dell’ospedale San Paolo di Milano, uno dei 17 centri lombardi individuati per attivare il percorso di cura anti-Covid con gli anticorpi monoclonali.

Candidati selezionati secondo i criteri Aifa

«Rientriamo nel programma di distribuzione di anticorpi monoclonali da parte di Aifa e pertanto li utilizziamo in due diverse associazioni – spiega la professoressa D’Arminio Monforte -. Importante è che ciò avvenga nella fase iniziale della malattia da Covid perché gli anticorpi agiscono come antivirali e sappiamo che in quel momento il virus replica ed entra nelle cellule. Gli anticorpi ne bloccano l’ingresso. Una volta avviato il processo poi tutta una serie di reazioni dipendono dal sistema immunitario del paziente».

La tempistica è fondamentale, quindi la collaborazione con i medici di medicina generale auspicata dal San Paolo permetterebbe di velocizzare tempi, evitare affollamenti nel pronto soccorso e soprattutto individuare i candidati idonei alla terapia.

«Prima si attiva il trattamento meglio è per i soggetti che non sono ospedalizzati e non richiedono l’uso di ossigeno, ma sono a rischio di sviluppare una sintomatologia più grave e un quadro di insufficienza respiratoria nei giorni a seguire – riprende l’infettivologa del San Paolo -. Tenendo presente che il costo degli anticorpi monoclonali è elevato, possono beneficiarne coloro che hanno una forma lieve e le caratteristiche individuali di rischio di progressione della malattia come: soggetti con diabete scompensato, cardiopatia grave, immunodeficienza legata a terapie antineoplastiche o con immunodeficienza primitiva o secondaria, pazienti dializzati o anziani con una grave patologia preesistente».

Basta una infusione per vincere il Covid

«Oggi abbiamo contatti con i medici di base della zona, ma è soprattutto il lavoro dell’infettivologo chiamato al pronto soccorso ad essere decisivo – continua -. I pazienti che non necessitano ospedalizzazione con un quadro iniziale di danno polmonare vengono valutati per fattori di rischio eventuali di progressione e se rientrano nei criteri Aifa vengono indirizzati in una parte dell’ospedale dove avviene il trattamento ambulatoriale».

La procedura da effettuarsi su soggetti non ricoverati richiede infatti un day hospital, pertanto i candidati alla cura con anticorpi monoclonali vengono trasferiti nella cosiddetta zona sporca dove ricevono l’infusione. «I pazienti sono contagiosi ed allora abbiamo attrezzato nel reparto di degenza Covid un’area ambulatoriale con un percorso esterno in modo da salvaguardare le zone pulite all’interno dell’ospedale. Il trattamento consiste in una prima serie di esami per valutare lo stato di salute del paziente, a seguire si procede con l’infusione per via endovenosa della durata di un’ora, che è unica, e a seguire il paziente resta in osservazione per altri 60 minuti. I soggetti trattati tollerano benissimo gli anticorpi monoclonali, ma per procedura interna abbiamo stabilito di rivederli a distanza di tre e sette giorni, salvo ovviamente complicazioni, ma devo dire che tutti i casi trattati a partire dal terzo giorno hanno ripreso forza e si sono sentiti bene».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi