Salute 6 Marzo 2018

Smartphone alla guida e selfie sui binari: quando l’uso scorretto del web mette in pericolo noi stessi e gli altri

#SconnessiDay | «Scattarsi foto, aggiornare i social, leggere la chat sono azioni che possono avere conseguenze gravi: la distrazione alla guida è la prima causa di incidenti» la parola ad Annamaria Giannini, docente presso la Facoltà di Medicina e Psicologia alla Sapienza

Non solo alcol ed alta velocità: è la distrazione alla guida il vero pericolo per la sicurezza stradale. Secondo i dati Aci (Automobile Club d’Italia) tre incidenti su quattro sono dovuti alle disattenzioni al volante, spesso provocate da un uso inappropriato di smartphone e navigatori. Moltissimi automobilisti chattano su whatsapp e scorrono Facebook o Instagram mentre guidano. Sempre connessi e, inevitabilmente, sempre distratti. Una tematica che è di recente tornata al centro dell’attenzione mediatica con l’uscita nelle sale cinematografiche italiane del film “Sconnessi” (che analizza proprio il problema della dipendenza da Internet), con lo SconnessiDay (l’invito, almeno per un’ora al giorno, tutti i giorni, a “scollegarsi” da tutti i device) e il lancio di un corso di formazione gratuito per educare e sensibilizzare genitori, insegnanti e pazienti sulle conseguenze legate ad un uso dannoso e inconsapevole del web: http://www.sconnessiday.it.

LEGGI ANCHE: NON SOLO ANSIA E DEPRESSIONE: TUTTI I PROBLEMI DI SALUTE LEGATI ALL’USO ECCESSIVO DEL CELLULARE

Abbiamo indagato i rischi e i pericoli di un uso inadeguato ed inopportuno della rete anche con Annamaria Giannini, professoressa ordinaria di psicologia giuridica e forense presso Sapienza Università di Roma e Responsabile di attività di ricerca e formazione in collaborazione con la Polizia Stradale, il Miur e l’ANIA (Fondazione per la sicurezza stradale).

«Innanzitutto – risponde la professoressa – c’è da dire che le nuove tecnologie non vanno demonizzate: l’uso corretto e consapevole del web può anche salvare la vita delle persone. È altrettanto vero, però, che in alcuni contesti un utilizzo inappropriato e sconveniente può diventare veramente pericoloso. Uno degli esempi del “cattivo uso” di smartphone, iPad e pc, è durante la guida o comunque mentre ci si muove per la strada. Le ragioni sono varie: si sottrae l’attenzione distogliendo lo sguardo dall’azione che si sta svolgendo – camminare, correre, guidare una bici, uno scooter o un’automobile – non si è in grado di controllare ciò che accade attorno e quindi di intervenire opportunamente nel momento in cui si frappone un ostacolo».

«Gli incidenti stradali – prosegue Giannini – sono aumentati notevolmente: i dati relativi ai primi mesi del 2018 confermano questo dato e la distrazione come prima causa di incidente, in varie condizioni. I pedoni sono i soggetti più vulnerabili: chi attraversa sulle strisce pedonali ha precedenza ma non basta di per sé a preservare l’incolumità. Anche i pedoni, infatti, sono spesso distratti dai loro smartphone e dispositivi elettronici e non guardano la strada mentre attraversano».

«L’altro contesto in cui il fenomeno è diffuso e preoccupante sono le stazioni ferroviarie, quelle della metropolitana e soprattutto i bordi dei binari. Le persone, infatti, sono continuamente concentrate su smartphone e tablet, ascoltano musica con le cuffie che isolano dai rumori circostanti e non gli permettono di fare attenzione al treno che arriva, con conseguenze, a volte, fatali.  Per non citare comportamenti bizzarri e molto pericolosi come scattarsi i selfie in condizioni di pericolo: la gente lo fa alla guida e addirittura ai bordi dei binari. Dell’uso scorretto delle tecnologie, della rete, e dei social network fa parte anche la frequentazione e visualizzazione di siti pornografici o lo scambio di immagini e video non autorizzati. Questo – conclude la professoressa Giannini – è sicuramente il pericolo più grande per giovani e minori: oggi gli adulti hanno moltissima difficoltà a controllare i figli, sia perché non hanno approfondite conoscenze delle nuove tecnologie, sia perché non hanno “confidenza” con il mezzo e questo significa che non riescono a comprendere quali sono le reali minacce ed insidie che si nascondono in rete».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Coronavirus, due terzi degli italiani “molto stressati”. Lazzari (Cnop): «Non lasciare soli operatori e cittadini dal punto di vista psicologico»
«La paura è un sentimento ambivalente che suscita anche comportamenti responsabili e difensivi. Altra cosa sono il terrore e l’angoscia, stati d’animo del tutto negativi che vanno contrastati» spiega il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, che aggiunge: «Bisogna garantire il sostegno agli operatori sanitari, noi psicologi del SSN siamo a disposizione»
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Ansia, depressione e ossessioni da coronavirus. Conte (Ordine psicologi Lazio): «Così rispondiamo alle esigenze dei cittadini»
Il nuovo servizio di consulenze psicologiche a distanza dell’Ordine degli psicologi del Lazio ha ottenuto un boom di consensi tra i cittadini. Disturbi dell'umore, solitudine, paura rispetto al futuro e incertezza: ecco le richieste più frequenti
Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»
«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emotivo così importante ne usciranno massacrati psicologicamente. Per la popolazione senso di angoscia e impotenza». L’intervista a Giorgio Nardone, psicologo e psicoterapeuta
Safer Internet Day, allarme smartphone: uso eccessivo possibile causa di DSA
Un progetto di ICS Maugeri rivela che «l’80% delle informazioni possono essere una concausa dei deficit di attenzione e di concentrazione legati a problemi di apprendimento»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...