Salute 6 marzo 2018

Smartphone alla guida e selfie sui binari: quando l’uso scorretto del web mette in pericolo noi stessi e gli altri

#SconnessiDay | «Scattarsi foto, aggiornare i social, leggere la chat sono azioni che possono avere conseguenze gravi: la distrazione alla guida è la prima causa di incidenti» la parola ad Annamaria Giannini, docente presso la Facoltà di Medicina e Psicologia alla Sapienza

Non solo alcol ed alta velocità: è la distrazione alla guida il vero pericolo per la sicurezza stradale. Secondo i dati Aci (Automobile Club d’Italia) tre incidenti su quattro sono dovuti alle disattenzioni al volante, spesso provocate da un uso inappropriato di smartphone e navigatori. Moltissimi automobilisti chattano su whatsapp e scorrono Facebook o Instagram mentre guidano. Sempre connessi e, inevitabilmente, sempre distratti. Una tematica che è di recente tornata al centro dell’attenzione mediatica con l’uscita nelle sale cinematografiche italiane del film “Sconnessi” (che analizza proprio il problema della dipendenza da Internet), con lo SconnessiDay (l’invito, almeno per un’ora al giorno, tutti i giorni, a “scollegarsi” da tutti i device) e il lancio di un corso di formazione gratuito per educare e sensibilizzare genitori, insegnanti e pazienti sulle conseguenze legate ad un uso dannoso e inconsapevole del web: http://www.sconnessiday.it.

LEGGI ANCHE: NON SOLO ANSIA E DEPRESSIONE: TUTTI I PROBLEMI DI SALUTE LEGATI ALL’USO ECCESSIVO DEL CELLULARE

Abbiamo indagato i rischi e i pericoli di un uso inadeguato ed inopportuno della rete anche con Annamaria Giannini, professoressa ordinaria di psicologia giuridica e forense presso Sapienza Università di Roma e Responsabile di attività di ricerca e formazione in collaborazione con la Polizia Stradale, il Miur e l’ANIA (Fondazione per la sicurezza stradale).

«Innanzitutto – risponde la professoressa – c’è da dire che le nuove tecnologie non vanno demonizzate: l’uso corretto e consapevole del web può anche salvare la vita delle persone. È altrettanto vero, però, che in alcuni contesti un utilizzo inappropriato e sconveniente può diventare veramente pericoloso. Uno degli esempi del “cattivo uso” di smartphone, iPad e pc, è durante la guida o comunque mentre ci si muove per la strada. Le ragioni sono varie: si sottrae l’attenzione distogliendo lo sguardo dall’azione che si sta svolgendo – camminare, correre, guidare una bici, uno scooter o un’automobile – non si è in grado di controllare ciò che accade attorno e quindi di intervenire opportunamente nel momento in cui si frappone un ostacolo».

«Gli incidenti stradali – prosegue Giannini – sono aumentati notevolmente: i dati relativi ai primi mesi del 2018 confermano questo dato e la distrazione come prima causa di incidente, in varie condizioni. I pedoni sono i soggetti più vulnerabili: chi attraversa sulle strisce pedonali ha precedenza ma non basta di per sé a preservare l’incolumità. Anche i pedoni, infatti, sono spesso distratti dai loro smartphone e dispositivi elettronici e non guardano la strada mentre attraversano».

«L’altro contesto in cui il fenomeno è diffuso e preoccupante sono le stazioni ferroviarie, quelle della metropolitana e soprattutto i bordi dei binari. Le persone, infatti, sono continuamente concentrate su smartphone e tablet, ascoltano musica con le cuffie che isolano dai rumori circostanti e non gli permettono di fare attenzione al treno che arriva, con conseguenze, a volte, fatali.  Per non citare comportamenti bizzarri e molto pericolosi come scattarsi i selfie in condizioni di pericolo: la gente lo fa alla guida e addirittura ai bordi dei binari. Dell’uso scorretto delle tecnologie, della rete, e dei social network fa parte anche la frequentazione e visualizzazione di siti pornografici o lo scambio di immagini e video non autorizzati. Questo – conclude la professoressa Giannini – è sicuramente il pericolo più grande per giovani e minori: oggi gli adulti hanno moltissima difficoltà a controllare i figli, sia perché non hanno approfondite conoscenze delle nuove tecnologie, sia perché non hanno “confidenza” con il mezzo e questo significa che non riescono a comprendere quali sono le reali minacce ed insidie che si nascondono in rete».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
Nuove linee guida per tumore tiroideo: 1 persona su 2 presenta noduli, ma solo il 5% è un tumore
Il tumore alla tiroide, seppur raro, è il tumore endocrino più frequente e riguarda circa il 5% dei noduli tiroidei, che invece sono molto comuni con una prevalenza di quasi il 50% della popolazione. Secondo l’ultimo rapporto Airtum, nel 2017 ci sono state più di 15.000 nuove diagnosi di tumore alla tiroide e si prevede […]
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Hikikomori, il popolo che “vive in disparte”. In Italia 100mila giovani in reclusione volontaria, ma non è una psicopatologia
«Non è sintomo di un disturbo psichiatrico, ma in una fase avanzata possono insorgere depressione, fobia sociale, disturbi alimentari o comportamenti ossessivo-compulsivo». L’intervista alle psicologhe dell’associazione Hikikomori Italia Chiara Illiano e Rosanna D’Onofrio
di Isabella Faggiano
Psicologi, Giardina (CNOP): «Ecco come cambia il nostro ruolo nella società liquida. Non c’è più gerarchia tra dolore fisico e psichico»
Dalle novità dei LEA all’inclusione tra le professioni sanitarie, sono diversi i cambiamenti che riguardano la figura dello psicologo. Ed il referendum sull’istituzione della professione autonoma di counselor? «Un’azione politica contro il Consiglio Nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...