Salute 2 Agosto 2021 11:28

Settimana Mondiale Allattamento, UNICEF-OMS: «Agisce come primo vaccino, proteggendo i bambini da malattie dell’infanzia»

L’UNICEF e l’OMS raccomandano l’allattamento esclusivo per i primi sei mesi di vita, a partire dalla prima ora dalla nascita. «Offre una potente linea di difesa da tutte le forme di malnutrizione infantile, che comprende ritardi nella crescita e obesità»

Settimana Mondiale Allattamento, UNICEF-OMS: «Agisce come primo vaccino, proteggendo i bambini da malattie dell’infanzia»

«All’inizio di quest’anno governi, donatori, società civile e settore privato si sono uniti per lanciare il Nutrition for Growth Year of Action, un’opportunità storica per trasformare il modo in cui il mondo affronta l’impegno globale di eliminare la malnutrizione infantile. L’allattamento è cruciale per realizzare questo impegno». È quanto dichiarano in una nota Henrietta Fore, direttore generale Unicef e Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms.

L’allattamento agisce come primo vaccino per bambini e bambine

«L’avvio dell’allattamento nella prima ora dopo la nascita – spiegano – insieme all’allattamento esclusivo per sei mesi che continua con cibi complementari fino ai 2 anni e oltre, offre una potente linea di difesa da tutte le forme di malnutrizione infantile, che comprende ritardi nella crescita e obesità. L’allattamento agisce anche come primo vaccino per bambini e bambine, proteggendoli da molte malattie comuni dell’infanzia».

«Anche se ci sono stati progressi nei tassi di allattamento negli ultimi quarant’anni, con un incremento del 50% nella prevalenza dell’allattamento esclusivo a livello globale, la pandemia da Covid-19 evidenzia la loro fragilità – evidenziano -. In molti paesi, la pandemia ha causato importanti interruzioni nei servizi di supporto all’allattamento, incrementando il rischio di insicurezza alimentare e malnutrizione. Diversi paesi hanno riportato che i produttori di alimenti per l’infanzia hanno aggravato questi rischi evocando paure infondate secondo cui l’allattamento possa trasmettere il COVID-19 e commercializzando i loro prodotti come un’alternativa più sicura all’allattamento».

Nutrition for Growth Year of Action: gli impegni presi

«La Settimana mondiale dell’allattamento di quest’anno, con il suo tema “Proteggere l’allattamento: Una responsabilità da condividere” offre un momento per riflettere sugli impegni presi all’inizio di quest’anno, dando la priorità ad ambienti favorevoli all’allattamento per madri e bambini. Questo include:

•          Assicurare che il Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno – istituito per proteggere le madri dalle pratiche di marketing aggressivo dell’industria degli alimenti per l’infanzia – sia pienamente implementato da governi, operatori e operatrici sanitari e industria alimentare.

•          Assicurare che il personale sanitario abbia le risorse e le informazioni necessarie per supportare in modo efficace le madri ad allattare, anche attraverso programmi globali come l’iniziativa degli Ospedali Amici delle Bambine e dei Bambini e le linee guida sul counselling in allattamento.

•          Assicurare che i datori di lavoro garantiscano alle donne il tempo e lo spazio di cui hanno bisogno per allattare; compreso il congedo parentale retribuito con un congedo di maternità più lungo; spazi sicuri per allattare sul posto di lavoro; accesso a servizi per l’infanzia economicamente accessibili e di buona qualità; e assegni familiari universali e salari adeguati».

«Nell’avvicinarci allo UN Food Systems Summit a settembre e al Nutrition for Growth Summit di Tokyo a dicembre – proseguono – i governi, i donatori, la società civile e il settore privato hanno tutti l’opportunità di fare investimenti e prendere impegni intelligenti per affrontare la crisi globale della malnutrizione – tra cui proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento – attraverso politiche, programmi e azioni più forti».

«Non è il momento di ridimensionare le nostre aspettative. Ora è il momento di puntare in alto. Ci impegniamo a fare in modo che il Nutrition for Growth Year of Action sia un successo, assicurando che il diritto di ogni bambina e di ogni bambino a cibi nutrienti, sicuri e accessibili e a una nutrizione adeguata sia realizzato fin dall’inizio della vita, a cominciare dall’allattamento» concludono il direttore generale Unicef e il direttore generale dell’Oms.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
Il vaccino può alterare il ciclo mestruale?
Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances ha dimostrato un legame tra ciclo mestruale più intenso e vaccinazione anti-Covid. In alcuni casi si sono verificati sanguinamenti anche in donne in menopausa
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Vaccini anti-Covid, anche sesso e stile di vita influenzano l’efficacia
Un nuovo studio, promosso dalla Sapienza e dal Policlinico Umberto I, ha identificato i fattori demografici, clinici e sociali che interferiscono con la risposta immunitaria in seguito alla vaccinazione anti Covid-19. I risultati del lavoro, pubblicati sulla rivista Journal of Personalized Medicine, aprono la strada a programmi vaccinali personalizzabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale