Salute 9 Settembre 2020 14:52

Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»

Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»

Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»

Il coronavirus ha reso la vita ancora più difficile ai due milioni di persone affette da malattie rare. Le loro esigenze e i loro bisogni sono aumentati in modo esponenziale in quanto pazienti fragili e a rischio contagio. La pandemia di Covid-19, infatti, ha rivelato l’importanza ma al tempo stesso le fragilità del sistema sanitario e ha offuscato le già complesse problematiche dei malati rari.

BINETTI: «BRUTTO SEGNALE DI DISATTENZIONE»

«Dei 68 miliardi in arrivo con il Recovery Fund ai malati rari non è stata destinata nemmeno una piccola parte» ricorda la Senatrice Paola Binetti in apertura dell’evento online “Pianificare, finanziare, organizzare l’assistenza: la call to action dei pazienti”.

Nel corso dell’evento online è stata presentata la relazione programmatica “Malattie rare come priorità di Sanità Pubblica” realizzata dall’Intergruppo Parlamentare per le Malattie Rare in collaborazione con l’Osservatorio Malattie Rare (OMaR). «Un brutto segnale di disattenzione che segue la mancata attribuzione di una delega specifica sulle malattie rare ai viceministri e sottosegretari – ha aggiunto la senatrice -. La pandemia ci ha messo di fronte ai limiti di un modello ‘ospedalocentrico’ e a farne le spese sono state in primis le persone affette da malattie rare, improvvisamente private di molte delle attenzioni conquistate negli anni e con fatica».

Negli ultimi mesi, il coronavirus ha monopolizzato l’attenzione del mondo scientifico. Tutti gli sforzi organizzativi, le risorse e i fondi del SSN sono stati impiegati per fare fronte all’emergenza pandemica. Ed anche adesso che siamo nella fase 2, il Covid-19 continua a essere al centro del dibattito politico e poca considerazione è rivolta al mondo delle malattie rare. «Prima della pandemia le persone con malattia rara erano riuscite a ottenere più attenzione che in passato – ha spiegato l’On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione XII “Affari Sociali”, Camera dei deputati –. A causa del coronavirus ci sono stati inevitabilmente dei rallentamenti, ma dobbiamo evitare che si protraggano a lungo».

LA RELAZIONE PROGRAMMATICA MALATTIE RARE: CINQUE LE PRIORITÀ

Niente rimedi temporanei ma misure strutturali e istituzionalizzate: il documento presentato questa mattina – elaborato dall’Intergruppo e firmato da numerose Associazioni rappresentanti dei malati rari – indica chiaramente la strada da seguire:

  • Aggiornamento del Piano Nazionale Malattie Rare scaduto da quattro anni e relativo finanziamento;
  • Implementazione dell’assistenza territoriale;
  • Sviluppo di telemedicina e teleassistenza;
  • Approvazione del Testo Unico sulle Malattie Rare;
  • Nuova e più efficiente organizzazione della ricerca sulle malattie rare.

I PAZIENTI: MANTENERE ALTA L’ATTENZIONE

Dalla relazione e anche durante la conferenza stampa sono emerse criticità nella continuità terapeutica con evidenti differenze regionali nella gestione e presa in carico dei pazienti. I malati rari necessitano di terapie periodiche da somministrare in ambito ospedaliero o sotto diretto controllo medico: durante il lockdown alcune Regioni si sono organizzate in tal senso con le terapie a domicilio, altre non sono riuscite a garantire un’assistenza completa ed efficace.

Lo sanno bene le associazioni di pazienti: a decine hanno firmato il documento e alcune hanno partecipato alla conferenza online: erano presenti Annalisa Scopinaro, Presidente UNIAMO FIMR Onlus (Federazione Italiana Malattie Rare) e Francesca Pasinelli, Direttore Generale Fondazione Telethon. Quest’ultima, ha spinto sulla necessità di implementare l’organizzazione della ricerca e le modalità di finanziamento. Un altro ambito che, al momento, è totalmente destinato alla ricerca di terapie efficaci contro il Covid-19.

Il maggior timore dei pazienti è che le malattie rare non siano una priorità di sanità pubblica e chiedono alle istituzioni di riprendere le attività rimaste in sospeso, a partire dal nuovo Testo Unico. La speranza è che «la proposta sia inserita al più presto nei lavori di Aula» perché consentirebbe di «sviluppare più velocemente le reti territoriali, sanitarie e sociali e garantirebbe una maggiore velocità di accesso alle terapie che vengono approvate» ha concluso l’On. Fabiola Bologna.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 aprile: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
Al via Ammuravid, lo studio per trovare la cura migliore per i pazienti Covid ospedalizzati
Approvata da Aifa e promossa da SIMIT, coinvolgerà 27 centri e migliaia di pazienti. Andreoni (Tor Vergata): «All’esame un trattamento con farmaci diversi per capire quali sono in grado di bloccare la tempesta di citochine nei pazienti ospedalizzati»
di Federica Bosco
“Giochiamo di Anticipo” contro la SMA, il video de Le Coliche per lo screening neonatale
L’ironia del duo romano per la campagna di Famiglie SMA e OMaR con il contributo non condizionato di Biogen. L’obiettivo è sensibilizzare sull’importanza della diagnosi precoce. Il test genetico gratuito è attivo nel Lazio e in Toscana e ha permesso terapie tempestive per 14 neonati. Presto disponibile anche in Piemonte e Liguria
Riconoscimento invalidità per malattie croniche e rare, Formato (Anppi): «Di fronte alla commissione una sola volta»
Legge 104 per malati rari e cronici: perché tornare più volte davanti alla commissione per la richiesta di invalidità? Con Formato (presidente Anppi) discutiamo della richiesta di procedere una tantum per tutte le patologie "senza una vera guarigione"
Lavorare con una malattia rara, Aloise (Liss): «Di fronte alle richieste di permessi, molte discriminazioni»
Lavorare con malattia rara non è semplice. Permessi necessari alle cure non sono scontati e spesso si assiste ad episodi di intolleranza da parte dei datori di lavoro. Con la pandemia, i malati che non hanno lavorato da remoto hanno vissuto un rischio in più. Ne parliamo con Manuela Aloise, presidente della Lega Italiana Sclerosi Sistemica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...