Salute 17 Maggio 2019 12:27

“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»

Dal XXVI Congresso Nazionale dell’Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell’Auro, sull’aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»

Prosegue il dibattito sul tema dell’aggiornamento professionale obbligatorio di camici bianchi e operatori sanitari, dopo la sanzione commissionata ad un medico di Aosta – reo di non essere in regola con il percorso formativoe il servizio di Striscia la Notizia. 

Sull’argomento è intervenuto il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, che ha parlato di «un 20% di camici bianchi non in regola». Anche le associazioni dei pazienti, chiedono a più voci di rispettare l’obbligo di legge e comprovarne relativa certificazione a tutela dei cittadini.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico di Auro, l’associazione degli urologi italiani, nell’intervista rilasciata all’agenzia Dire a margine del Congresso Nazionale dell’Auro in corso a Bologna: «Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato. Inoltre, la multidisciplinarietà sta diventando sempre più un’esigenza fondamentale ed è per questo che la formazione è ancora più importante. Un urologo non può sapere tutto di oncologia, radioterapia e medicina nucleare, quindi ha bisogno di avere eventi e spazi ampi in cui formarsi per accogliere gli input anche dalle altre specialità».

LEGGI ANCHE: “FURBETTI DELL’ECM”, ANELLI ANNUNCIA: «A GIORNI INVIERÒ LETTERA A TUTTI GLI OMCEO PER ULTERIORI SOLLECITI»

Sicuramente, tra turni massacranti e carenze di personale, c’è poco tempo per fare formazione. Su questo, Conti pensa che «il compito delle società scientifiche è concentrare in spazi definiti, come i congressi, momenti non solo di informazione ma anche di formazione, con l’attribuzione di crediti. Così è probabile che più gente possa partecipare a questi eventi». In più, chiude a proroghe e sanzioni nell’immediato: «La procedura Ecm dura ormai da 20 anni – sottolinea l’urologo – credo che proroghe ulteriori non abbiano grande senso. A livello nazionale c’è grande disparità, bisogna stringere i tempi per mettere tutte le Regioni allo stesso livello. Quando ci sarà un’equità a livello nazionale – conclude il coordinatore Auro – allora si potranno valutare le sanzioni».

Articoli correlati
Arriva l’estate ma i professionisti sanitari non riescono ad andare in ferie. È allarme burnout
Hanno lavorato duramente perché questa fosse un'estate serena per tutti, ma medici e professionisti sanitari non sono certi di potersi riposare. Su di loro pesano ancora le visite rimandate e la campagna vaccinale, ma si rischiano conseguenze fisiche e psicologiche a lungo termine. Come tutelarsi
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
I medici scrivono a Draghi e a Speranza: «Chiediamo ruolo da protagonisti nel rinnovamento in sanità»
I nove punti su cui FNOMCeO e sindacati chiedono un'interlocuzione con il governo
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM