Formazione 17 Maggio 2019 12:27

“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»

Dal XXVI Congresso Nazionale dell’Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell’Auro, sull’aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»

Prosegue il dibattito sul tema dell’aggiornamento professionale obbligatorio di camici bianchi e operatori sanitari, dopo la sanzione commissionata ad un medico di Aosta – reo di non essere in regola con il percorso formativoe il servizio di Striscia la Notizia. 

Sull’argomento è intervenuto il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, che ha parlato di «un 20% di camici bianchi non in regola». Anche le associazioni dei pazienti, chiedono a più voci di rispettare l’obbligo di legge e comprovarne relativa certificazione a tutela dei cittadini.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico di Auro, l’associazione degli urologi italiani, nell’intervista rilasciata all’agenzia Dire a margine del Congresso Nazionale dell’Auro in corso a Bologna: «Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato. Inoltre, la multidisciplinarietà sta diventando sempre più un’esigenza fondamentale ed è per questo che la formazione è ancora più importante. Un urologo non può sapere tutto di oncologia, radioterapia e medicina nucleare, quindi ha bisogno di avere eventi e spazi ampi in cui formarsi per accogliere gli input anche dalle altre specialità».

LEGGI ANCHE: “FURBETTI DELL’ECM”, ANELLI ANNUNCIA: «A GIORNI INVIERÒ LETTERA A TUTTI GLI OMCEO PER ULTERIORI SOLLECITI»

Sicuramente, tra turni massacranti e carenze di personale, c’è poco tempo per fare formazione. Su questo, Conti pensa che «il compito delle società scientifiche è concentrare in spazi definiti, come i congressi, momenti non solo di informazione ma anche di formazione, con l’attribuzione di crediti. Così è probabile che più gente possa partecipare a questi eventi». In più, chiude a proroghe e sanzioni nell’immediato: «La procedura Ecm dura ormai da 20 anni – sottolinea l’urologo – credo che proroghe ulteriori non abbiano grande senso. A livello nazionale c’è grande disparità, bisogna stringere i tempi per mettere tutte le Regioni allo stesso livello. Quando ci sarà un’equità a livello nazionale – conclude il coordinatore Auro – allora si potranno valutare le sanzioni».

Articoli correlati
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 gennaio, sono 99.755.496 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.141.228 i decessi. Ad oggi, oltre 68,41 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»