Salute 17 Maggio 2019

“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»

Dal XXVI Congresso Nazionale dell’Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell’Auro, sull’aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»

Prosegue il dibattito sul tema dell’aggiornamento professionale obbligatorio di camici bianchi e operatori sanitari, dopo la sanzione commissionata ad un medico di Aosta – reo di non essere in regola con il percorso formativoe il servizio di Striscia la Notizia. 

Sull’argomento è intervenuto il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, che ha parlato di «un 20% di camici bianchi non in regola». Anche le associazioni dei pazienti, chiedono a più voci di rispettare l’obbligo di legge e comprovarne relativa certificazione a tutela dei cittadini.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico di Auro, l’associazione degli urologi italiani, nell’intervista rilasciata all’agenzia Dire a margine del Congresso Nazionale dell’Auro in corso a Bologna: «Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato. Inoltre, la multidisciplinarietà sta diventando sempre più un’esigenza fondamentale ed è per questo che la formazione è ancora più importante. Un urologo non può sapere tutto di oncologia, radioterapia e medicina nucleare, quindi ha bisogno di avere eventi e spazi ampi in cui formarsi per accogliere gli input anche dalle altre specialità».

LEGGI ANCHE: “FURBETTI DELL’ECM”, ANELLI ANNUNCIA: «A GIORNI INVIERÒ LETTERA A TUTTI GLI OMCEO PER ULTERIORI SOLLECITI»

Sicuramente, tra turni massacranti e carenze di personale, c’è poco tempo per fare formazione. Su questo, Conti pensa che «il compito delle società scientifiche è concentrare in spazi definiti, come i congressi, momenti non solo di informazione ma anche di formazione, con l’attribuzione di crediti. Così è probabile che più gente possa partecipare a questi eventi». In più, chiude a proroghe e sanzioni nell’immediato: «La procedura Ecm dura ormai da 20 anni – sottolinea l’urologo – credo che proroghe ulteriori non abbiano grande senso. A livello nazionale c’è grande disparità, bisogna stringere i tempi per mettere tutte le Regioni allo stesso livello. Quando ci sarà un’equità a livello nazionale – conclude il coordinatore Auro – allora si potranno valutare le sanzioni».

Articoli correlati
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
“Liberiamoci dalla violenza”: primo centro pubblico in Italia per uomini autori di maltrattamenti. Ecco come funziona
Nato a Modena nel 2011 segue il modello norvegese: «I norvegesi - spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta del Centro - sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti»
di Isabella Faggiano
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
«Ddl Antiviolenza senza fondi», la denuncia della senatrice Boldrini (PD). Ecco cosa non è stato fatto
Dalle modifiche al domicilio alla formazione professionale, la senatrice del Partito Democratico, Paola Boldrini spiega in un’intervista le ragioni che in XII Commissione Igiene e Sanità hanno portato l’opposizione ad astenersi dal votare il provvedimento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti