Salute 17 Maggio 2019 12:27

“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»

Dal XXVI Congresso Nazionale dell’Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell’Auro, sull’aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»

Prosegue il dibattito sul tema dell’aggiornamento professionale obbligatorio di camici bianchi e operatori sanitari, dopo la sanzione commissionata ad un medico di Aosta – reo di non essere in regola con il percorso formativoe il servizio di Striscia la Notizia. 

Sull’argomento è intervenuto il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, che ha parlato di «un 20% di camici bianchi non in regola». Anche le associazioni dei pazienti, chiedono a più voci di rispettare l’obbligo di legge e comprovarne relativa certificazione a tutela dei cittadini.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico di Auro, l’associazione degli urologi italiani, nell’intervista rilasciata all’agenzia Dire a margine del Congresso Nazionale dell’Auro in corso a Bologna: «Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato. Inoltre, la multidisciplinarietà sta diventando sempre più un’esigenza fondamentale ed è per questo che la formazione è ancora più importante. Un urologo non può sapere tutto di oncologia, radioterapia e medicina nucleare, quindi ha bisogno di avere eventi e spazi ampi in cui formarsi per accogliere gli input anche dalle altre specialità».

LEGGI ANCHE: “FURBETTI DELL’ECM”, ANELLI ANNUNCIA: «A GIORNI INVIERÒ LETTERA A TUTTI GLI OMCEO PER ULTERIORI SOLLECITI»

Sicuramente, tra turni massacranti e carenze di personale, c’è poco tempo per fare formazione. Su questo, Conti pensa che «il compito delle società scientifiche è concentrare in spazi definiti, come i congressi, momenti non solo di informazione ma anche di formazione, con l’attribuzione di crediti. Così è probabile che più gente possa partecipare a questi eventi». In più, chiude a proroghe e sanzioni nell’immediato: «La procedura Ecm dura ormai da 20 anni – sottolinea l’urologo – credo che proroghe ulteriori non abbiano grande senso. A livello nazionale c’è grande disparità, bisogna stringere i tempi per mettere tutte le Regioni allo stesso livello. Quando ci sarà un’equità a livello nazionale – conclude il coordinatore Auro – allora si potranno valutare le sanzioni».

Articoli correlati
ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati
Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l'obbligo formativo
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali