Salute 22 Novembre 2019 14:00

Oftalmologia pediatrica, Bifani (oculista): «In assenza di problemi visivi in famiglia, prima visita tra due e quattro anni»

«Non bisogna attendere segni o campanelli di allarme: la visita va fatta obbligatoriamente. A quattro o cinque anni potrebbe essere già tardi» così il professor Bifani a margine dell’incontro al MAXXI di Roma

La tutela della vista dei bambini inizia sin da piccoli. Individuare, infatti, precocemente un eventuale problema oculare è fondamentale per risolverlo. È questo il messaggio forte e chiaro che arriva dall’iniziativa Incontriamo l’oculista, promossa dalla Fondazione Salmoiraghi e Viganò, con il patrocinio dellAgenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia onlus. Il confronto tra autorevoli medici oculisti sui temi della prevenzione oftalmologica pediatrica si è svolto di recente a Roma in occasione della Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

In un’ottica di salvaguardia e informazione, per guidare le mamme e aiutare i bambini a vedere bene, gli esperti hanno parlato dei più noti disturbi che possono ridurre gravemente la capacità visiva di uno o di entrambi gli occhi del bambino: lo strabismo (i cosiddetti occhi storti), l’ambliopia (il cosiddetto occhio pigro) e i vizi di rifrazione (la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo) invitando genitori, pediatri e insegnanti a sottoporli a visita oculistica già in tenera età.

Le tre figure chiave a supporto del bambino devono essere: il medico oculista, che si occupa del percorso diagnostico e terapeutico; l’ortottista, assistente in oftalmologia, che coadiuva il medico nella strategia terapeutica e l’ottico, che deve preparare un occhiale rispettando rigorosamente le diottrie e la tipologia di montatura prescritta.

Abbiamo affrontato l’argomento con uno dei protagonisti della tavola rotonda: il professor Mario Bifani, medico chirurgo oculista presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria della Campania Luigi Vanvitelli e Dirigente del centro di trapianti corneali del Policlinico.

Professore, a che età bisogna portare il bambino dall’oculista?

«Il bambino ha uno sviluppo dell’apparato oculare che non è solo quello degli occhi ma è un complesso collegamento con il cervello. Quando arriva l’età di sei anni, avviene una specie di congelamento di certe strutture che dovrebbero essere arrivate al completo sviluppo. Se questo non è avvenuto, purtroppo, i rimedi dopo i sei anni sono ben difficili da attuare. Quindi, se nella famiglia di provenienza di questo piccolo non ci sono particolari problemi visivi legati a difetti della refrazione, o peggio, presenza di malattie che interessano l’apparato oculare, va visitato tra i due e i quattro anni. Come si può riuscire a visitare un bimbo cosi piccolino? Se preso bene, collabora molto più di quanto si possa pensare: anche nel caso in cui il primo incontro dia poche informazioni – ma comunque alcune ne dà e quindi c’è o meno il sospetto di un problema – questo farà sì che il piccolino si renda contro che è una visita sopportabile in cui non c’è dolore, né manovre che lo possano spaventare. Di conseguenza, al secondo, terzo controllo si sottoporrà molto tranquillamente a tanti più passaggi di quanti non si possa pensare».

Quali sono campanelli di allarme di un problema alla vista?

«Non bisogna attendere campanelli di allarme: la visita va fatta obbligatoriamente. Il bambino, infatti, potrebbe non accorgersi di un problema a uno dei due occhi, perché si basa sulla visione dell’occhio che vede bene.  Per questo, la visita va effettuata senza che ci siano segni premonitori. Sicuramente però, alcuni sintomi da non sottovalutare ci sono: un occhio che si arrossa facilmente, l’occhio rosso, è un sintomo che può dipendere da tante cose ma è un campanello d’allarme. I controlli sono importanti: a volte, a scuola, alcuni bambini assumono posizioni strane per disegnare e scrivere. Ruotano il capo e si avvicinano al quaderno. Questo viene considerato un segno: il bambino viene visitato e spesso non ha nulla. Il bambino con un deficit, al contrario, potrebbe stare seduto composto e quindi sembrare che assolutamente che non abbia difficoltà. Quindi, ribadisco la grande necessità di dover effettuare una visita senza attendere i segni anche perché quando va all’asilo comincia ad avere quattro o cinque anni e potrebbe essere quasi tardi».

Quale è il calendario delle visite e dei controlli da seguire e qual è lo specialista a cui rivolgersi?

«Se ci sono problemi conosciuti in famiglia, o del padre o della madre o di entrambi, il bimbo può essere visitato anche sotto il primo anno di età; se ci sono problemi presenti di lieve entità, ma ci sono, a due anni. Un bimbo senza sintomi o segni di particolare allarme va visitato tra i tre e i quattro anni in modo obbligatorio. Meglio tre perché se de dovessimo incontrare l’ambliopia, ossia l’occhio pigro – un occhio che anatomicamente non ha alterazioni visibili ma anche soltanto un difetto di rifrazione molto differente tra un occhio e l’altro per cui il cervello segue la strada dell’occhio con la rifrazione minore o neutro – dobbiamo costringere il bimbo a coprire l’occhio che funziona bene. Questo percorso è lungo, non è facile: soprattutto all’inizio, il bambino si ribella, si toglie il bendaggio, non accetta di applicarsi. Bisogna interessare il bambino a fare attività, disegnare o sfogliare il fumetto e piano piano potrà recuperare. Questo è un cammino che può essere lungo, si può interrompere, si può tornare indietro e ricominciare quanto prima abbiamo possibilità di successo. Quando ci avviciniamo a quell’età in cui c’è una specie di stop dello sviluppo, intorno ai sei anni,  è già tardi per lavorarci».

Articoli correlati
Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla
Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni
di Federica Bosco
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Covid, bambini e ragazzi fuori dalle vaccinazioni. Che rischi ci sono? Intervista a Rocco Russo (Sip)
Non possiamo aspettarci un vaccino specifico per i bambini prima del 2022, ma ciò non significa assenza di protezione. Con il dottor Russo (coordinatore vaccinazioni della Società Italiana di Pediatria) discutiamo di come proteggerli anche senza un prodotto specifico e cosa fare se si convive con minori a rischio
Nel 2021 a rischio la salute dei denti. Iodice (Asio): «Un italiano su quattro rinuncerà al dentista»
Nessun pericolo per i più piccoli: i genitori non trascureranno il benessere dentale dei propri figli. Il presidente Asio: «I problemi non curati nei bambini possono necessitare di un intervento chirurgico in età adulta»
di Isabella Faggiano
Giocattoli non sicuri. Boom di infortuni durante le feste natalizie, Reali (pediatra d’emergenza): «L’ingestione di pile provoca ustioni»
Il responsabile di Pediatria dell’Emergenza del Bambino Gesù: «I piccoli traumi sono i più frequenti. Attenzione all’ingestione o inalazione di piccoli oggetti. Marchio CE e istruzioni in italiano sono garanzia di sicurezza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 marzo, sono 114.461.199 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.539.235 i decessi. Ad oggi, oltre 244,27 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...