Salute 10 Ottobre 2019 13:28

Giornata mondiale vista. “Guarda che è importante!”, lo slogan di IAPB Italia per tutelare la salute visiva

Oggi 10 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della Vista promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità IAPB Italia Onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI). Stamattina al convegno “Inquinamento ambientale e salute visiva”, nella Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è parlato di come mantenere il benessere dei nostri occhi

Prendersi cura della vista, a tutte le età, come si fa con tutto il resto. È questo il messaggio lanciato dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità IAPB Italia Onlus e dalla Società Oftalmologica Italiana (SOI) che, in occasione della Giornata mondiale della vista, ha messo a disposizione 30.000 visite gratuite per chi non ha mai fatto un controllo dall’oculista.

«Abbiamo promosso la Giornata mondiale della vista nel mondo e abbiamo organizzato diverse iniziative in 80 città italiane – ha spiegato l’avvocato Giuseppe Castronovo, Presidente di IAPB Italia Onlus ai nostri microfoni a margine dell’incontro “L’inquinamento ambientale e gli effetti sulla salute generale ed oculare” – dalla distribuzione di materiale informativo, allo svolgimento di incontri con gli specialisti fino ai controlli oculistici gratuiti. Tutto questo – ha proseguito l’avvocato – per informare la popolazione su come proteggere la salute visiva. Aristotele, a ragione, considerava la vista come il senso più amato dall’uomo; lo dico anch’io, ipovedente dall’età di nove anni a causa della guerra».

L’incontro di oggi è stato un’occasione di confronto tra rappresentanti del Ministero della Salute, esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ricercatori dell’Istituto Superiore della Sanità e molti autorevoli oculisti e specialisti della medicina del lavoro delle università italiane per contribuire alla prevenzione delle patologie oculari che, complessivamente, provocano 217 milioni di persone ipovedenti nel mondo. Si tratta di malattie che possono essere prevenute nell’80% dei casi e la cui incidenza, purtroppo, è destinata ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione. Nel corso della conferenza, si è parlato di come proteggere i nostri occhi evitando comportamenti dannosi: lavorare in luoghi chiusi utilizzando un’illuminazione non appropriata, guardare da vicino gli schermi di pc, smartphone e tablet per molte ore al giorno immersi nella luce blu, senza osservare semplici norme di “igiene oculare”.

Mantenere la nostra vista “in salute”, quindi, dipende da noi: «Bambini e adulti devono recarsi dall’oculista con regolarità, ogni due anni dai 40 ai 60 anni e una volta ogni anno dopo i 60 anni – ha raccomandato il presidente Castronovo -. Con l’allungamento della vista ci sono situazioni oculari difficili: più di un milione di persone, ad esempio, soffre di retinopatia diabetica. È importante rivolgersi ai professionisti sanitari, in un’ottica di prevenzione generale della salute della persona» ha concluso il presidente.

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni