Salute 22 Giugno 2020

Pensi troppo e continuamente, senza arrivare ad una conclusione? Potresti soffrire di overthinking

I consigli della psicoterapeuta per “guarire”: «Se lo stato è patologico chiedere aiuto ad uno specialista. Altrimenti provare la tecnica della mindfulness o cercare dei distrattori»

di Isabella Faggiano

Se hai la sensazione di pensare troppo, senza darti tregua e, nonostante gli sforzi, non riesci ad arrivare ad una conclusione o a prendere una decisione, allora potresti soffrire di overthinking. Il termine inglese intraducibile in italiano in una sola parola significa proprio “avere troppi pensieri”, pensare continuamente e intensamente.

Tuttavia l’ overthinking non è sempre patologico, lo diventa solo quando questa serie di pensieri vaghi è logorante e crea un evidente disagio nella vita di tutti i giorni. «Se una persona utilizza l’overthinking per risolvere un problema, dedicando molto tempo alla valutazione dei pro e dei contro di una situazione, riuscendo ad arrivare ad una soluzione senza percepire alcuna forma di disagio, allora questa modalità di pensiero non avrà nulla di patologico. In altre parole – spiega Annamaria Giannini, professore ordinario di Psicologia all’università Sapienza di Roma, psicologa e psicoterapeuta, esperto dell’Ordine degli Psicologi del Lazio -, questo overthinking non rappresenterà nient’altro che una metodologia di problem solving».

Tutto cambia se il pensare continuo si trasforma in un pensare ossessivo. «In alcuni soggetti – continua la professoressa – dall’overthinking può emergere una sintomatologia ossessiva che prevede veri e propri rituali: ai pensieri ripetitivi vengono associate sempre le stesse azioni. È l’impossibilità di allontanarli a generare disagio».

Le vittime dell’overthinking, di solito, hanno delle caratteristiche in comune: «Sentono il bisogno di tenere la situazione sotto controllo e, di conseguenza, utilizzano questa modalità di pensiero per analizzare in modo approfondito qualsiasi situazione o problema. Questi soggetti, di solito estremamente razionali, mostrano un certo distacco dagli aspetti emotivi. Tutto cambia, invece, quando l’overthinking viene utilizzato come forma di ruminazione (dall’inglese ‘rumination’), di pensare continuo ed incessante. A questo atteggiamento è solitamente connessa una forma di aggressività, poiché dalla ruminazione possono originare delle forme di risentimento che creano disagio e compromettono le relazionali interpersonali».

L’overthinking può anche presentarsi in specifici momenti della vita: «In periodi di forte stress o cambiamento – spiega la psicoterapeuta – l’overthinking può essere adottato come strategia difensiva. Pensiamo ad esempio a tutti i giovani che, in questi giorni, hanno affrontato l’esame di maturità e devono decidere se proseguire gli studi o affacciarsi al mondo del lavoro, oppure a coloro che, durante il lockdown, sono state vittime della crisi economica. È ovvio che chi tra questi utilizza l’overthinking, anche se lo fa solo in un periodo circoscritto della vita, deve essere comunque predisposto a questa specifica modalità di pensiero».

Ma ecco una buona notizia per tutti: «Se l’overthinking crea disagio – dice la specialista – è possibile intraprendere un percorso per liberarsene. In condizioni patologiche è necessario chiedere aiuto sempre ad uno specialista. In tutte le altre situazioni, dopo aver stabilito quanto questo pensare continuo sia invasivo e disagevole, è possibile adottare delle soluzioni in autonomia. Molto efficace è la tecnica della mindfulness, una modalità che permette l’allontanamento dei pensieri: tutte le volte che questi compaiono la persona deve spostare l’attenzione al proprio interno. Non sarà un’impresa facile per un individuo caratterizzato da overthinking – aggiunge la docente -, ma pian piano potrà ottenere senz’altro dei risultati. Un’altra possibilità è cercare immediatamente dei distrattori: appena ci si sente assaliti dai pensieri bisogna spostare l’attenzione, compiendo delle azioni pratiche, come uscire di casa, fare una telefonata, impegnarsi in qualcosa di piacevole. Anche in questo caso i risultati non saranno immediati: progressivamente il soggetto riuscirà sempre di più, concentrandosi su altro, a distrarsi dal quel pensare ininterrotto».

Attenzione anche ai più piccoli: l’overthinking  colpisce chiunque sia in grado di formulare pensieri. «In questo caso –  dice Giannini – è compito dei genitori percepire un eventuale disagio. L’overthinking può manifestarsi dall’età in cui i bambini cominciano a riflettere sui problemi e su ciò che gli accade. Il bimbo sente una sorta di spinta, di costrizione al pensiero continuo e non smette di pensare fin quando non ha l’impressione che le cose si siano risolte. Il genitore può aiutare il bambino riportandolo sul piano della realtà, ma anche della fantasia. È fondamentale, infatti – conclude l’esperta – che i più piccoli mantengano la fluidità di pensiero, avendo sempre accesso al gioco, alla creatività ed alla fantasia».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Neri Marcorè e il suo rapporto con l’analisi: «Quella volta che stavo per iscrivermi a Psicologia…»
L’attore racconta a Sanità Informazione il lavoro ‘psicologico’ che c’è dietro ogni imitazione: «Mi piace carpire i meccanismi psicologici, magari anche reconditi, che un personaggio non mostra in pubblico»
Giornata Psicologia, Lazzari (CNOG): «Nuovo lockdown sarebbe insostenibile, ora attivare rete psicologica pubblica»
Convegno al Tempio di Adriano dal titolo "Il diritto alla salute psicologica". Stress in aumento nelle ultime settimane, ma giovani reagiscono meglio. Tra gli ospiti Neri Marcorè e Angelo Borrelli
Il 7 ottobre è la Giornata Nazionale della Psicologia
Mercoledì 7 ottobre dalle ore 9.30, nell’ambito della Giornata Nazionale della Psicologia 2020, presso la Camera di Commercio di Roma – Sala del Tempio di Adriano a Piazza di Pietra, si terrà il convegno su il diritto alla salute psicologica, organizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi. Dopo l’introduzione del Presidente del CNOP, David Lazzari, […]
Psiche e lockdown, quando una telefonata può salvare dal buio…
Il servizio di assistenza psicologica telefonica fornito dalla Asl Napoli 1 per intercettare il malessere della popolazione e degli operatori sanitari dopo il lockdown
Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi
La psicoterapeuta: «Da un racconto generale, si arriva a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati. L’ipnosi si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza che permetterà di entrare in contatto con la parte più profonda di sé»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...