Salute 9 Giugno 2020 12:00

Maturità 2020, lo psicoterapeuta: «Livelli di ansia molto superiori agli anni scorsi». Insicuro il 95% degli studenti

Incerti sulle modalità di esame e preoccupati per il futuro. I maturandi del 2020 subiscono l’effetto pandemia e guardano all’ultima prova pieni di stress e angoscia. I risultati dell’indagine dell’Associazione Nazionale Di.Te.

Maturità 2020, lo psicoterapeuta: «Livelli di ansia molto superiori agli anni scorsi». Insicuro il 95% degli studenti

Studenti stressati e pieni di ansia per il futuro. La maturità 2020, profondamente influenzata dalla pandemia, fa paura a tanti ragazzi. Oltre l’83% dice di fare fatica a concentrarsi nello studio, dopo tre mesi di didattica a distanza e in preparazione del maxi-orale finale in presenza.

L’indagine condotta dall’Associazione Nazionale Di.Te con Skuola.net su 10.567 studenti, fotografa i giovani italiani confusi e preoccupati. Il 45% usa la parola “disperato” per descriversi mentre tenta di studiare, il 52% di non provare alcuna gioia nel concludere il suo percorso di studi. Mentre il 47% lamenta la tristezza di non aver potuto condividere il momento con i compagni di classe, a causa del lockdown.

LEGGI ANCHE SCUOLA, DAL DISTANZIAMENTO ALLE MODALITA’ DI INGRESSO: ECCO LE INDICAZIONI DEL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO PER SETTEMBRE

Giuseppe Lavenia, psicoterapeuta e presidente Di.Te., parla di livelli di ansia molto superiori rispetto agli anni scorsi. A cui si vanno ad aggiungere le informazioni contrastanti arrivate ai ragazzi sulle modalità dell’esame, chiaritesi solo a ridosso della prova. Modalità su cui oltre il 95% dei ragazzi si sente insicuro, specie per via della preparazione in DAD.

L’orale in presenza, inoltre, non sembra essere la soluzione preferita dagli studenti. La maggior parte di loro avrebbe preferito concludere il percorso da remoto. L’idea di tornare nell’edificio scolastico solo per affrontare la “prova più difficile”, nonostante la semplificazione, non li rende tranquilli.

Un’incertezza che si lega a filo doppio con un peggioramento dello stato psico-fisico dei maturandi. Uno su due dichiara di non riuscire a concentrarsi, uno su tre di soffrire di insonnia e più di uno su quattro accusa i tipici sintomi del panico: senso di soffocamento e battito cardiaco accelerato.

LEGGI ANCHE ULTIMO GIORNO DI SCUOLA: SI’ AGLI INCONTRI TRA STUDENTI E DOCENTI, MA ALL’APERTO

Sono le ragazze a soffrire di più, con un disavanzo che va da 15 a 27 punti percentuali. Un quadro a cui si aggiungono anche le aspettative dei genitori e quelle legate al futuro. Per il 60% delle ragazze il “dopo liceo” è un territorio che genera ansia costante. Un sentimento che in alcuni degenera in angoscia e in pensieri molto negativi riguardo loro stessi.

«Se i giovani non riescono a desiderare un domani, a progettarlo – avverte Lavenia – se non avvertono più la speranza di poter esprimere il loro talento della società è un problema da non sottovalutare. Sarà necessario intervenire quanto prima con azioni di supporto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Giornata mondiale dei genitori, la psicologa: «I single non siano isolati»
Il boom della monogenitorialità: nel 1983 i genitori single erano meno di mezzo milione, nel 2005 600 mila. Oggi sono più che raddoppiati: 900 mila le mamme e 141 mila i papà soli
di Isabella Faggiano
Vaccini, Speranza alla Camera: «Il 28 maggio l’Ema darà il via libera a Pfizer per la fascia 12-15 anni»
«La vaccinazione riservata alle fasce più giovani è altamente strategica ed essenziale soprattutto in vista della ripresa dell'anno scolastico»
La musica che migliora il sonno dei bambini disabili e riduce lo stress dei genitori
La tecnica riabilitativa è stata sviluppata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Creati componimenti audio-video personalizzati con suoni a particolari frequenze, musiche originali, la voce della mamma e del bambino stesso, immagini legate a momenti piacevoli, canzoni e ninne nanna familiari
di Isabella Faggiano
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...