Salute 9 Giugno 2020 12:00

Maturità 2020, lo psicoterapeuta: «Livelli di ansia molto superiori agli anni scorsi». Insicuro il 95% degli studenti

Incerti sulle modalità di esame e preoccupati per il futuro. I maturandi del 2020 subiscono l’effetto pandemia e guardano all’ultima prova pieni di stress e angoscia. I risultati dell’indagine dell’Associazione Nazionale Di.Te.

Maturità 2020, lo psicoterapeuta: «Livelli di ansia molto superiori agli anni scorsi». Insicuro il 95% degli studenti

Studenti stressati e pieni di ansia per il futuro. La maturità 2020, profondamente influenzata dalla pandemia, fa paura a tanti ragazzi. Oltre l’83% dice di fare fatica a concentrarsi nello studio, dopo tre mesi di didattica a distanza e in preparazione del maxi-orale finale in presenza.

L’indagine condotta dall’Associazione Nazionale Di.Te con Skuola.net su 10.567 studenti, fotografa i giovani italiani confusi e preoccupati. Il 45% usa la parola “disperato” per descriversi mentre tenta di studiare, il 52% di non provare alcuna gioia nel concludere il suo percorso di studi. Mentre il 47% lamenta la tristezza di non aver potuto condividere il momento con i compagni di classe, a causa del lockdown.

LEGGI ANCHE SCUOLA, DAL DISTANZIAMENTO ALLE MODALITA’ DI INGRESSO: ECCO LE INDICAZIONI DEL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO PER SETTEMBRE

Giuseppe Lavenia, psicoterapeuta e presidente Di.Te., parla di livelli di ansia molto superiori rispetto agli anni scorsi. A cui si vanno ad aggiungere le informazioni contrastanti arrivate ai ragazzi sulle modalità dell’esame, chiaritesi solo a ridosso della prova. Modalità su cui oltre il 95% dei ragazzi si sente insicuro, specie per via della preparazione in DAD.

L’orale in presenza, inoltre, non sembra essere la soluzione preferita dagli studenti. La maggior parte di loro avrebbe preferito concludere il percorso da remoto. L’idea di tornare nell’edificio scolastico solo per affrontare la “prova più difficile”, nonostante la semplificazione, non li rende tranquilli.

Un’incertezza che si lega a filo doppio con un peggioramento dello stato psico-fisico dei maturandi. Uno su due dichiara di non riuscire a concentrarsi, uno su tre di soffrire di insonnia e più di uno su quattro accusa i tipici sintomi del panico: senso di soffocamento e battito cardiaco accelerato.

LEGGI ANCHE ULTIMO GIORNO DI SCUOLA: SI’ AGLI INCONTRI TRA STUDENTI E DOCENTI, MA ALL’APERTO

Sono le ragazze a soffrire di più, con un disavanzo che va da 15 a 27 punti percentuali. Un quadro a cui si aggiungono anche le aspettative dei genitori e quelle legate al futuro. Per il 60% delle ragazze il “dopo liceo” è un territorio che genera ansia costante. Un sentimento che in alcuni degenera in angoscia e in pensieri molto negativi riguardo loro stessi.

«Se i giovani non riescono a desiderare un domani, a progettarlo – avverte Lavenia – se non avvertono più la speranza di poter esprimere il loro talento della società è un problema da non sottovalutare. Sarà necessario intervenire quanto prima con azioni di supporto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La storia di Micaela: «Dalla morte delle mie gemelline aiuto i genitori che affrontano un lutto perinatale»
CiaoLapo Onlus è un’associazione fondata da una mamma ed un papà che hanno perso il proprio figlio, Lapo, al termine della gravidanza. La psicoterapeuta: «Accogliamo chiunque affronti la perdita di un figlio in epoca perinatale, dai primi mesi di gravidanza al periodo successivo al parto»
di Isabella Faggiano
Salute visiva, spesso è l’insegnante a stimolare la prima visita oculista nei bambini
Ad accorgersi dei problemi di vista dei bambini è, spesso, l’insegnante, prima ancora dei genitori. Dei fattori di rischio dell’epidemia di miopia nei bambini in età scolare si parlerà oggi al 3° Congresso G.O.A.L (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) a Milano
A scuola in sicurezza: distanziamento, mascherine e test salivari. Ma cosa fare se c’è un positivo?
Le indicazioni di ISS e Governo per il rientro a scuola e il corretto svolgimento della didattica in presenza
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?
Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano