Salute 3 Giugno 2020 17:05

Ultimo giorno di scuola: sì agli incontri tra studenti e docenti, ma all’aperto

Baumgartner (psicologa): «Un’occasione importante per chi termina un ciclo scolastico: salutarsi di persona vuol dire concludere fino in fondo un percorso formativo che è stato condiviso per molti anni. Tutti gli altri potranno accontentarsi di un saluto virtuale e rivedersi a settembre»

di Isabella Faggiano

«Sì agli incontri tra studenti e docenti per salutarsi durante l’ultimo giorno di scuola». Ad annunciare il via libera, nei giorni scorsi, è stata Anna Ascani, viceministro all’Istruzione. In un post pubblicato sul suo profilo Facebook ha chiarito che «Il Comitato Tecnico Scientifico non è contrario purché questi incontri siano all’aperto e nel pieno rispetto dei divieti di assembramento e delle regole di distanziamento e di protezione individuale».

Un’ottima occasione soprattutto per quei bambini o quei ragazzi che concludono un ciclo scolastico. «Per loro – spiega Emma Baumgartner, già professore di psicologia dello sviluppo e dell’educazione alla Sapienza di Roma ed esperta di psicologia scolastica per l’Ordine degli Psicologi del Lazio – quest’ultimo giorno di scuola è particolarmente importante. Salutarsi di persona, seppur rispettando la distanza di sicurezza e vietando gli abbracci, vuol dire concludere fino in fondo un percorso formativo che è stato condiviso per molti anni».

Un’importanza sottolineata anche dallo stesso viceministro Ascani nel suo posto su Facebook: «È una piccola cosa, ma può servire agli studenti a chiudere più serenamente un anno che dal punto di vista delle relazioni è rimasto sospeso – scrive – . Questo vale soprattutto per i bambini e i ragazzi che cambieranno scuola, compagni e insegnanti, passando dalla scuola dell’infanzia alla primaria, dalla quinta elementare alla prima media o dalla terza media al primo superiore. E per quelli che concluderanno il percorso scolastico con l’Esame di Stato».

LEGGI ANCHE: SCUOLA, DAL DISTANZIAMENTO ALLE MODALITÀ DI INGRESSO: ECCO LE INDICAZIONI DEL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO PER SETTEMBRE

E tutti gli altri? «Per chi ha settembre si troverà a condividere i banchi di scuola con gli stessi compagni dell’anno precedente – sottolinea Emma Baumgartner – sarà sufficiente organizzare un incontro virtuale, magari con l’aiuto di genitori e insegnanti. L’ultimo giorno di scuola è un giorno di festeggiamenti, un momento estremamente felice per tutti, ma per coloro che non si trovano alla conclusione di un ciclo scolastico non è poi così fondamentale. Considerando la situazione epidemica attuale questi studenti potranno attendere il mese di settembre per rivedere i propri amici, senza pagarne particolari conseguenze».

Lo stesso viceministro all’Istruzione ha sottolineato che «l’impegno più importante, quello su cui non si può sbagliare, è la riapertura della scuola a settembre. E ogni nostro sforzo resta concentrato su questo fondamentale obiettivo, affinché – scrive su Facebook – tutti possano tornare a scuola in sicurezza».

È importante che il primo giorno di scuola, probabilmente ancora più dell’ultimo, si svolga in presenza soprattutto per coloro che cominciano un nuovo ciclo scolastico e dovranno conoscere nuovi compagni e nuovi insegnanti. «Pur non essendo ancora chiari i dettagli – dice Emma Baumgartner – pare che questo primo giorno di scuola a settembre ci sarà e, soprattutto, che si svolgerà in presenza. Cambierà sicuramente il modo di stare in classe, in quanto le distanze di sicurezza e l’uso di mascherine sopra i 6 anni, verranno senz’altro richieste».

Gli studenti dovranno, con molta probabilità, rinunciare ad avere un compagno di banco, a condividere un libro o a scambiarsi la merenda. E in che modo tutte queste restrizioni incideranno sulle relazioni? «Difficile dirlo – risponde l’esperta di psicologia scolastica -. Le relazioni sono sempre molto legate alle circostanze, non esiste una relazione in astratto. Non possiamo prevederle e soprattutto non possiamo rinunciare, né modificare queste misure di distanziamento estremamente necessarie. Le reazioni potranno essere molto diversificate, soprattutto considerando che questo lungo periodo di allarme ha lasciato dentro di noi delle paure e delle incertezze che hanno trasformato la distanza fisica in distanza sociale. Di conseguenza, il primo obiettivo su cui lavorare, tra i banchi di scuola e non solo – conclude la psicologa – sarà il recupero del senso di fiducia che ognuno di noi deve avere verso il prossimo».

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...