Salute 16 Giugno 2020 19:00

Lockdown, per 3 minori su 4 impatto psicologico importante. Disturbi del sonno, ansia e irritabilità i sintomi più comuni

I risultati di uno studio del Gaslini di Genova sugli effetti psicologici e comportamentali della pandemia su bambini e adolescenti. Zampa: «Comportamento esemplare dei ragazzi. Da questa prova usciranno più forti»

Lockdown, per 3 minori su 4 impatto psicologico importante. Disturbi del sonno, ansia e irritabilità i sintomi più comuni

Il lockdown imposto dalla pandemia ha causato importanti conseguenze psicologiche nel 75% della popolazione infantile. Questo il dato più drammatico presentato questo mattina al ministero della Salute, dove sono stati illustrati i risultati dell’indagine sull’impatto psicologico e comportamentale del lockdown nei bambini e negli adolescenti in Italia, condotta dall’ospedale pediatrico Gaslini di Genova durante l’isolamento a casa a causa dell’emergenza coronavirus.

LEGGI L’INDAGINE DEL GASLINI

Al questionario, offerto in forma anonima sul sito web dell’istituto a quindici giorni di distanza dall’inizio del lockdown – tra il 24 marzo e il 3 aprile – hanno aderito 6800 soggetti da tutta Italia di cui quasi la metà (3245) con figli minorenni a carico. «L’indagine è stata compiuta durante il lockdownspiega il direttore generale del Gaslini Paolo Petralia a Sanità Informazione -. La metà delle famiglie che hanno risposto al questionario avevano figli di età compresa sotto e sopra i sei anni in identica percentuale. Abbiamo tratto indicazioni preziose: in circa tre quarti della popolazione infantile ci sono state importanti conseguenze sia sul piano psicologico che somatico».

LEGGI ANCHE: POST-LOCKDOWN: FRUTTA, SPORT E CONDIVISIONE PER BAMBINI E ADOLESCENTI

I sintomi più frequenti accusati dai bambini sotto i sei anni sono stati: risveglio notturno, difficoltà ad addormentarsi e di concentrazione, irritabilità, inquietudine, ansia da separazione e paura del buio. «Dai disegni che abbiamo ricevuto emergevano due parole: paura e brutto» ha sottolineato Petralia, che ha aggiunto: «Per quanto riguarda i ragazzi dai 6 ai 18 anni queste manifestazioni dello stato psicologico si sono tradotte anche in disturbi somatici ed hanno prodotto effetti consistenti». Tra tutti: difficoltà ad addormentarsi, sbalzi d’umore, fatica a svegliarsi, evidente spostamento del ritmo sonno-veglia, utilizzo improprio dei media e sensazione di fiato corto. «Qui parliamo di somatizzazione del disturbo psicologico – ha spiegato Petralia – che cresceva di pari passo con il malessere dei genitori».

«Abbiamo sempre saputo che stavamo chiedendo a bambini e ragazzi uno sforzo straordinario – ha precisato ai nostri microfoni la sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa – e che per loro il lockdown poteva avere ricadute più difficili: li abbiamo privati della possibilità di andare scuola e vedere gli amici. Presentiamo i dati del Gaslini qui al Ministero perché vogliamo mandare un segnale direttamente a loro: i virus si combattono, bisogna conviverci e non bisogna avere paura».

Si dice, infatti, che i bambini abbiano la grande capacità di adattarsi agli eventi: «Hanno una grande resilienza – ha sottolineato la sottosegretaria durante la tavola rotonda – e riescono a rispondere bene, ma sapevamo di colpire le vite dei bambini più di quelle degli adulti. I ragazzi italiani sono stati straordinari in questa prova, c’è stato un comportamento esemplare: vorremmo che sapessero che in testa alle nostre preoccupazioni c’erano loro. Stiamo lavorando al vaccino, siamo molto avanti. Ai bambini bisogna dire la verità, li aiutiamo a crescere, da questa prova usciranno più forti».

LEGGI ANCHE: MATURITA’ 2020, LO PSICOTERAPEUTA: «LIVELLI DI ANSIA MOLTO SUPERIORI AGLI ANNI SCORSI». INSICURO IL 95% DEGLI STUDENTI

Molti, però, come dimostra lo studio del Gaslini, hanno subito ricadute psicologiche; a loro, la sottosegretaria consiglia di uscire, tornare a giocare all’aria aperta e frequentare i centri estivi: «Possono farlo in tranquillità, in piccoli gruppi ma devono sapere di dover lavare bene le mani e di dover mettere la mascherina se hanno contatti con gli adulti. È importante che sappiano cosa è un virus e come si combatte e quanto la scienza può restituire in termini di sicurezza a tutti, a partire da loro».

«La cosa più sorprendente che mi ha colpito è stata la necessità di recuperare la normalità e la vicinanza con i proprio compagni», ha evidenziato Petralia. Lo studio consente di avere dei dati e diventa un’occasione di approfondimento su cui fondare risposte e strategie: «Dobbiamo fare tesoro di questi dati– continua Petralia –per una risposta strutturata al bisogno dei ragazzi e degli adolescenti di un sostegno psicologico e psichiatrico. Attiveremo al Gaslini un servizio ambulatoriale di presa in carico da stress post-traumatico per supportare minori e famiglie».

«Niente di irreversibile – ha puntualizzato lo psichiatra Fabrizio Starace, membro della task force di esperti scelti dal premier Conte per guidare la ripartenza del Paese -. Nella memoria dell’evento traumatico dei bambini c’è anche il ricordo di averlo superato. I risultati della ricerca – ha proseguito – ci hanno confermato l’ampiezza del fenomeno denunciato dalle famiglie italiane e hanno evidenziato dati di cui avevamo evidenza da altre esperienze analoghe: Sars e Covid-19 a Wuhan». E sulle possibili soluzioni: «Definire una routine per bambini e adolescenti con giochi e attività fisica con cautela e precauzioni, evitare lunghi tempi davanti allo schermo – i pericoli della rete non sono spariti – sostenere genitori e caregivers, soprattutto fornendo ai genitori gli strumenti per una comunicazione efficace» ha concluso.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
Quando il lavoro diventa una malattia: cos’è il workaholism e perché è aumentato con lo smart working
Algeri (psicoterapeuta): «Perfezionisti, persone orientate al successo e soggetti con atteggiamenti compulsivi sono più a rischio di dipendenza da lavoro. Con le misure restrittive, imposte per contenere la pandemia, è più difficile spostare l’attenzione su altre attività e liberarsi dal workaholism»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»