Salute 16 Giugno 2020

Lockdown, per 3 minori su 4 impatto psicologico importante. Disturbi del sonno, ansia e irritabilità i sintomi più comuni

I risultati di uno studio del Gaslini di Genova sugli effetti psicologici e comportamentali della pandemia su bambini e adolescenti. Zampa: «Comportamento esemplare dei ragazzi. Da questa prova usciranno più forti»

Immagine articolo

Il lockdown imposto dalla pandemia ha causato importanti conseguenze psicologiche nel 75% della popolazione infantile. Questo il dato più drammatico presentato questo mattina al ministero della Salute, dove sono stati illustrati i risultati dell’indagine sull’impatto psicologico e comportamentale del lockdown nei bambini e negli adolescenti in Italia, condotta dall’ospedale pediatrico Gaslini di Genova durante l’isolamento a casa a causa dell’emergenza coronavirus.

LEGGI L’INDAGINE DEL GASLINI

Al questionario, offerto in forma anonima sul sito web dell’istituto a quindici giorni di distanza dall’inizio del lockdown – tra il 24 marzo e il 3 aprile – hanno aderito 6800 soggetti da tutta Italia di cui quasi la metà (3245) con figli minorenni a carico. «L’indagine è stata compiuta durante il lockdownspiega il direttore generale del Gaslini Paolo Petralia a Sanità Informazione -. La metà delle famiglie che hanno risposto al questionario avevano figli di età compresa sotto e sopra i sei anni in identica percentuale. Abbiamo tratto indicazioni preziose: in circa tre quarti della popolazione infantile ci sono state importanti conseguenze sia sul piano psicologico che somatico».

LEGGI ANCHE: POST-LOCKDOWN: FRUTTA, SPORT E CONDIVISIONE PER BAMBINI E ADOLESCENTI

I sintomi più frequenti accusati dai bambini sotto i sei anni sono stati: risveglio notturno, difficoltà ad addormentarsi e di concentrazione, irritabilità, inquietudine, ansia da separazione e paura del buio. «Dai disegni che abbiamo ricevuto emergevano due parole: paura e brutto» ha sottolineato Petralia, che ha aggiunto: «Per quanto riguarda i ragazzi dai 6 ai 18 anni queste manifestazioni dello stato psicologico si sono tradotte anche in disturbi somatici ed hanno prodotto effetti consistenti». Tra tutti: difficoltà ad addormentarsi, sbalzi d’umore, fatica a svegliarsi, evidente spostamento del ritmo sonno-veglia, utilizzo improprio dei media e sensazione di fiato corto. «Qui parliamo di somatizzazione del disturbo psicologico – ha spiegato Petralia – che cresceva di pari passo con il malessere dei genitori».

«Abbiamo sempre saputo che stavamo chiedendo a bambini e ragazzi uno sforzo straordinario – ha precisato ai nostri microfoni la sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa – e che per loro il lockdown poteva avere ricadute più difficili: li abbiamo privati della possibilità di andare scuola e vedere gli amici. Presentiamo i dati del Gaslini qui al Ministero perché vogliamo mandare un segnale direttamente a loro: i virus si combattono, bisogna conviverci e non bisogna avere paura».

Si dice, infatti, che i bambini abbiano la grande capacità di adattarsi agli eventi: «Hanno una grande resilienza – ha sottolineato la sottosegretaria durante la tavola rotonda – e riescono a rispondere bene, ma sapevamo di colpire le vite dei bambini più di quelle degli adulti. I ragazzi italiani sono stati straordinari in questa prova, c’è stato un comportamento esemplare: vorremmo che sapessero che in testa alle nostre preoccupazioni c’erano loro. Stiamo lavorando al vaccino, siamo molto avanti. Ai bambini bisogna dire la verità, li aiutiamo a crescere, da questa prova usciranno più forti».

LEGGI ANCHE: MATURITA’ 2020, LO PSICOTERAPEUTA: «LIVELLI DI ANSIA MOLTO SUPERIORI AGLI ANNI SCORSI». INSICURO IL 95% DEGLI STUDENTI

Molti, però, come dimostra lo studio del Gaslini, hanno subito ricadute psicologiche; a loro, la sottosegretaria consiglia di uscire, tornare a giocare all’aria aperta e frequentare i centri estivi: «Possono farlo in tranquillità, in piccoli gruppi ma devono sapere di dover lavare bene le mani e di dover mettere la mascherina se hanno contatti con gli adulti. È importante che sappiano cosa è un virus e come si combatte e quanto la scienza può restituire in termini di sicurezza a tutti, a partire da loro».

«La cosa più sorprendente che mi ha colpito è stata la necessità di recuperare la normalità e la vicinanza con i proprio compagni», ha evidenziato Petralia. Lo studio consente di avere dei dati e diventa un’occasione di approfondimento su cui fondare risposte e strategie: «Dobbiamo fare tesoro di questi dati– continua Petralia –per una risposta strutturata al bisogno dei ragazzi e degli adolescenti di un sostegno psicologico e psichiatrico. Attiveremo al Gaslini un servizio ambulatoriale di presa in carico da stress post-traumatico per supportare minori e famiglie».

«Niente di irreversibile – ha puntualizzato lo psichiatra Fabrizio Starace, membro della task force di esperti scelti dal premier Conte per guidare la ripartenza del Paese -. Nella memoria dell’evento traumatico dei bambini c’è anche il ricordo di averlo superato. I risultati della ricerca – ha proseguito – ci hanno confermato l’ampiezza del fenomeno denunciato dalle famiglie italiane e hanno evidenziato dati di cui avevamo evidenza da altre esperienze analoghe: Sars e Covid-19 a Wuhan». E sulle possibili soluzioni: «Definire una routine per bambini e adolescenti con giochi e attività fisica con cautela e precauzioni, evitare lunghi tempi davanti allo schermo – i pericoli della rete non sono spariti – sostenere genitori e caregivers, soprattutto fornendo ai genitori gli strumenti per una comunicazione efficace» ha concluso.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»