Salute 28 Aprile 2022 13:59

Medici perplessi sui casi Covid-19 che ritornano dopo la terapia antivirale

I medici vogliono maggiori informazioni su Paxlovid, dopo che sono stati riportati alcuni casi di ricadute in seguito al trattamento antivirale

Medici perplessi sui casi Covid-19 che ritornano dopo la terapia antivirale

Al momento non ci sono studi ufficiali, ma solo qualche caso documentato perlopiù negli Stati Uniti. I medici ne sono perplessi: alcuni pazienti sottoposti al trattamento con l’antivirale paxlovid di Pfizer, poco dopo essere guariti, hanno avuto una ricaduta. Sono cioè risultati positivi e anche sintomatici. Questi casi hanno aperto ora una serie di interrogativi.

Il caso di Erin Blakeney, vittima di una ricaduta dopo la terapia antivirale

Emblematico è il caso di Erin Blakeney, una ricercatrice di 43 anni presso la School of Nursing dell’Università di Washington. Sopravvissuta a un cancro al seno, la donna residente a Seattle si è sottoposta alla vaccinazione completa, richiamo compreso. Il contagio sarebbe avvenuto in occasione di un funerale, nonostante Blakeney abbia indossato sempre la mascherina. Considerate le condizioni precedenti della donna, il suo medico le ha prescritto subito il farmaco antivirale Covid-19, Paxlovid.

Test positivi appena dopo il trattamento con l’antivirale Paxlovid

Blakeney sapeva che affinché paxlovid fosse efficace, doveva assumere l’antivirale presto, entro pochi giorni dalla comparsa dei sintomi. Ed è quello che ha fatto, insieme a suo marito. I due non si sono ammalati molto e hanno continuato a migliorare fino al termine dei cinque giorni di trattamento. Una volta concluso il trattamento, il giorno dopo la donna è risultata negativa al test anti-Covid. Pensava di aver chiuso con il Covid-19, almeno per alcuni mesi. Ma tre giorni dopo ha iniziato a sentirsi di nuovo congestionata. Il giorno dopo sia le che suo marito stavano male di nuovo. «Entrambi abbiamo fatto i test rapidi, ed eravamo entrambi di nuovo molto positivi, e ci siamo detti ‘Oh, mio ​​Dio, cos’è successo? Non ne abbiamo mai sentito parlare’», dice Blakeney.

Il caso del paziente di Boston, 71 anni e con asma

Anche Michael Charness, un neurologo che esercita presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston e il VA Boston Healthcare System, non ne aveva mai sentito parlare finché non l’ha visto con i suoi occhi. Un suo paziente, un uomo di 71 anni con asma, ha iniziato a prendere Paxlovid il primo giorno in cui ha manifestato sintomi a causa della sua età e delle condizioni mediche di base. Il farmaco ha funzionato velocemente. Entro il secondo giorno, i sintomi erano quasi completamente scomparsi. Il suo paziente ha finito le pillole dopo cinque giorni e al settimo giorno era risultato negativo ai test domiciliari. Il nono giorno dopo il suo primo test positivo, i sintomi dell’uomo – tra cui naso che cola, mal di gola e respiro sibilante – sono tornati. È risultato positivo ancora una volta.

Il Paxlovid riduce dell’88% il rischio di ospedalizzazione e di morte

«Al momento, direi che è solo un po’ misterioso», ha detto Charness. «Ci sono molte potenziali spiegazioni per quello che sta succedendo. Sono tutte speculazioni e devono essere studiate molto meglio», ha aggiunto. Paxlovid, prodotto da Pfizer, è una combinazione di due farmaci antivirali. La Food and Drug Administration statunitense lo ha autorizzato per l’uso di emergenza a dicembre, dopo che uno studio clinico ha dimostrato che il trattamento riduce dell’88 per cento il rischio di ospedalizzazione o di morte nelle persone non vaccinate ad alto rischio.

Documentati altri casi di ricadute dopo il trattamento con Paxlovid

Molti nel settore sanitario hanno salutato Paxlovid come un punto di svolta perché è ritenuto efficace e conveniente. La scorsa settimana, nel suo primo tweet, Charness ha descritto meglio il caso del suo paziente. I suoi colleghi lo hanno esortato a condividere l’esperienza sui social media dopo aver visto altri report che raccontavano di altri casi di ricadute nei pazienti che hanno assunto l’antivirale. Il suo paziente, che era stato completamente vaccinato e che aveva ricevuto il richiamo, versa in condizioni generali di buona salute. L’uomo è stato testato per Covid-19 più volte durante il trattamento e poi poco dopo i suoi sintomi sono tornati.

Per l’uomo di Boston i dati indicano che non c’è stata una reinfezione

Charness e i suoi colleghi hanno sequenziato il genoma del virus dell’uomo. È risultato lo stesso per tutto il corso dell’infezione, quindi non è stata una reinfezione. E non sono riusciti a trovare alcuna mutazione che si fosse sviluppata improvvisamente, quindi il virus non era cambiato improvvisamente per sviluppare una sorta di resistenza al farmaco. Hanno anche cercato altri 21 agenti patogeni respiratori che potrebbero far ammalare l’uomo e non hanno trovato nulla. Charness dice che non vuole che il suo caso spaventi i pazienti ad assumere Paxlovid, che ha dimostrato di essere estremamente efficace nell’impedire ai casi lievi di Covid di diventare più gravi o addirittura mortali.

La Fda ha valutato il rischio di ricadute, ma non è chiaro quanto siano comuni

La Fda ha notato questi casi di ricaduta nella propria analisi dei dati degli studi clinici. Il fenomeno è stato riscontrato in una piccola percentuale di casi, circa 10-14 giorni dopo l’inizio del trattamento con Paxlovid. Non è chiaro quanto possano essere comuni. Una sperimentazione clinica del farmaco è ancora in corso. In una dichiarazione alla CNN, Pfizer ha affermato che nella sperimentazione clinica, un piccolo numero di pazienti sia nel gruppo che assumeva le pillole placebo che nel gruppo che assumeva Paxlovid ha sperimentato cariche virali più elevate da 10 a 14 giorni dopo l’inizio trattamento confrontato con le loro cariche virali al giorno 5. Poiché i ricercatori hanno notato questo fenomeno in entrambi i gruppi, l’azienda non crede che ci sia un legame con il farmaco. Inoltre, non hanno visto alcun legame tra le cariche virali dei pazienti e un’eventuale successiva malattia grave.

Per gli scienziati è fondamentale capire il perché e la frequenza delle ricadute

«Rimaniamo fiduciosi della sua efficacia clinica nel prevenire esiti gravi da Covid-19 nei pazienti ad alto rischio», ha affermato la società in una nota. Charness ha affermato che la possibilità che i pazienti possano riprendersi indipendentemente dal trattamento è interessante e spera che Pfizer rilasci i dati della sua sperimentazione clinica in modo che i medici possano capire meglio cosa succede in questi casi. Charness e il suo collega, Paul Sax, un medico esperto di malattie infettive presso il Brigham and Women’s Hospital, affermano che è importante capire perché e con quale frequenza l’infezione si ripresenta. «Ora che sappiamo cosa succede, dobbiamo informare le persone che potrebbe accadere, e la mia opinione è che le persone dovrebbero stare alla larga dagli altri mentre risultano positive», ha detto Sax.

Non è chiara la contagiosità delle persone che hanno una ricaduta dopo il trattamento antivirale

I Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani affermano che le persone che hanno avuto il Covid-19 possono tornare alle loro normali attività dopo cinque giorni, purché non abbiano avuto febbre per 24 ore e i loro sintomi stiano migliorando. I Cdc non consigliano a una persona di attendere per riprendere le attività fino a quando non è negativa a un test rapido, anche se alcuni esperti affermano che i test domestici rapidi sono utili per sapere quando è ancora possibile trasmettere il virus ad altri. Sax dice che se le persone risultano positive dopo Paxlovid, medici e pazienti devono sapere se sono effettivamente contagiose, e questo non è chiaro al momento.

Tra le ipotesi un possibile secondo ciclo di trattamento con paxlovid

Sax pensa che sarebbe anche utile sapere se le persone che hanno queste ricadute possono ricevere un secondo ciclo di trattamento, dal momento che sono al di fuori della finestra iniziale dei sintomi. Ricercatori e medici stanno ancora imparando come funziona Paxlovid. Molte persone che hanno una ricaduta affermano che i loro sintomi tendono ad essere lievi la seconda volta. Ma Blakeney era molto più malata quando i suoi sintomi sono tornati. Aveva la febbre alta, un battito cardiaco accelerato e una tosse «davvero terribile». Dice che il suo respiro era molto affannoso. «Ho finito per andare al pronto soccorso», ha detto. Il suo caso ha sconcertato i medici del pronto soccorso, che si sono chiesti come ciò potesse accadere dopo il Paxlovid.

Quesiti e interrogativi sulle ricadute rimangono ancora aperti

Dopo aver eseguito dei test per assicurarsi che non avesse coaguli di sangue o polmonite, le hanno prescritto un farmaco per via inalatoria chiamato salbutamolo per aiutare i suoi polmoni e un antibiotico per curare quella che pensavano fosse un’infezione batterica secondaria. Blakeney è migliorata dopo aver preso quei farmaci. Ora è per lo più guarita, anche se la sua tosse è rimasta. Molti i quesiti aperti e le domande senza risposta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali