Covid-19, che fare se...? 26 Aprile 2022 12:55

Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?

Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell’azienda produttrice

Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?

Se lo chiedono tutti coloro che hanno fatto scorta di test Covid fai da te (qualcuno è scaduto). Ora che per il rientro a scuola basta una semplice autocertificazione: quanto bisogna essere fiscali nel considerare la data di scadenza? La risposta non è così semplice. Perché alcuni di questi test potrebbero essere utilizzati anche mesi dopo la scadenza che si trova indicata sulla confezione.

I produttori possono cambiare la data di scadenza dei test

La Food and Drug Administration statunitense (Fda), che autorizza questi test, afferma sul suo sito web che «non raccomanda di utilizzare test diagnostici Covid-19 a casa oltre le date di scadenza autorizzate. I test Covid-19 e le parti di cui sono fatti possono degradarsi, o si rompono, nel tempo. Per questo motivo, i kit di test scaduti potrebbero fornire risultati imprecisi». Ma poiché i produttori cambiano le date di scadenza per alcuni test, la questione potrebbe non essere così chiara e semplice.

La scadenza di un test può essere allungata fino a 12 o 18 mesi da quella indicata

Poiché i produttori di test richiedono tempo per eseguire i test di stabilità, la Fda in genere autorizza i test Covid-19 fai da te con una data di scadenza di circa 4-6 mesi dal giorno in cui è stato prodotto. Una volta che il produttore del test accumula più dati, la scadenza può essere allungata e arrivare ad esempio fino a 12 o 18 mesi. In questo caso, il produttore del test Covid che risultava scaduto, può contattare la Fda per richiedere che l’autorizzazione a una data di scadenza più lunga.

Si raccomanda di controllare sul sito dell’azienda l’eventuale proroga della scadenza

Quando viene autorizzata una data di scadenza più lunga, il produttore del test può inviare un avviso ai clienti per indicare la nuova data, in modo che i clienti sappiano per quanto tempo possono utilizzare i test che già hanno acquistato. In generale, gli esperti raccomandano a tutti coloro che hanno acquistato test Covid fai da te ma nemmeno di non buttarli subito dopo la scadenza, ma di controllare sul sito dell’azienda produttrice se la data sia stata prorogata.

I test anti-Covid fai da te e la conservazione

Non ci sono invece dubbi sul fatto che un test Covid casalingo vada buttato, a prescindere dalla data di scadenza, qualora fosse stato conservato male. Il test infatti va tenuto lontano da fonti di calore e allo stesso modo bisogna evitare che si congeli. Insomma deve essere conservato a temperatura ambiente. Un indicatore che il test possa essere danneggiato o scaduto riguarda la linea di controllo: bisogna assicurarsi che appaia rapidamente, altrimenti il test potrebbe non essere efficace.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali