Salute 22 Ottobre 2021 17:57

Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»

Dal XXIII Congresso dell’Associazione italiana di oncologia medica i punti da cui ripartire con il peso del Covid-19: screening, esami diagnostici e follow up, regolamentare la telemedicina e rafforzare la sanità territoriale

Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»

«Il Covid-19 impone un salto di qualità nell’assistenza agli oltre 3,6 milioni di pazienti colpiti da tumore». Con queste parole Giordano Beretta, presidente dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) ha dato il via al XXIII Congresso della Società scientifica che si terrà a Roma fino al 24 ottobre. Nel corso del congresso, che riunisce 3.000 specialisti per fare il punto sulla lotta ai tumori, ci sarà il passaggio di consegne al nuovo presidente eletto Saverio Cinieri.

Lotta al cancro, le priorità da cui ripartire: il New Deal dell’oncologia

Il futuro dell’oncologia è iniziato: grandi passi avanti si registrano sul fronte delle terapie, della conoscenza e ricerca scientifica. Bisogna fare in modo che questo confluisca concretamente sul paziente e ancora resta molto da fare nel campo della prevenzione. ‘New Deal’ – l’hanno chiamato – una nuova gestione improntata alla prevenzione primaria e alla riattivazione degli screening, imparando dalla lezione inflitta dal Covid-19. Il progetto degli oncologi si articola su diversi punti: l’implementazione delle Reti oncologiche regionali, la collaborazione ospedale-territorio per garantire l’adesione alle terapie per le malattie croniche, più fondi per la ricerca e l’aggiornamento tecnologico e tempi più veloci per la disponibilità delle terapie innovative approvate in Europa.

I danni della pandemia, Beretta: «Dobbiamo ripartire, non devono esserci ulteriori ritardi»

Si stima che, nel 2020, in Italia, siano stati diagnosticati 377mila nuovi casi di cancro. La sopravvivenza a 5 anni è in costante aumento e raggiunge il 65% nelle donne e il 59,4% negli uomini. Le conseguenze dirette e indirette della pandemia sui pazienti oncologici – screening interrotti, esami posticipati o cancellati e diagnosi in ritardo – non si possono quantificare, si vedranno nei prossimi anni.

«La prognosi sui pazienti oncologici è ancora da scrivere – ha spiegato Beretta durante la conferenza stampa di presentazione -. Vanno recuperati due milioni e mezzo di screening persi che hanno già portato a diagnosi di tumori più avanzati. Ma vorrei smetterla di parlare di Covid, cambiamo pagina. Questo fine 2021 e tutto il 2022 dovranno essere fortemente dedicati alla ripresa dopo il terribile biennio che abbiamo dovuto affrontare. Devono ripartire screening, esami diagnostici e follow up, non devono esserci ulteriori ritardi. Va meglio utilizzata e regolamentata la telemedicina per la gestione del follow up a distanza, favorendo i pazienti e garantendo la continuità assistenziale».

Stili di vita anticancro, Cinieri: «I decessi per neoplasia aumenteranno del 24% entro il 2035 in Europa»

Gli italiani, durante il lockdown, hanno trovato rifugio nel cibo e nella sedentarietà. Gli oncologi denunciano un aumento del consumo di alcol, un’alimentazione ricca di carboidrati e fumo di sigaretta. Per informare i cittadini sugli stili di vita errati attraverso nuove iniziative, la Società Scientifica amplierà la programmazione di Aiom TV l’emittente degli oncologi italiani. «Vogliamo riuscire a raggiungere anche da remoto, attraverso i social media, i pazienti per fornire loro informazioni utili e certificate – ha aggiunto Saverio Cinieri -. Compito dell’oncologia medica deve essere aiutare i malati anche nella vita quotidiana. La sopravvivenza da tumori sta aumentando – ha sottolineato – ma ci attende un futuro difficile, una vera a propria “pandemia da cancro”. Secondo le ultime stime il numero di decessi, provocato dalle neoplasie, è destinato a crescere del 24% entro il 2035 in tutta l’Unione Europea».

Le risorse del Pnrr, Beretta: «Incrementare personale medico e infermieristico»

«Quanto saranno realmente le risorse non lo sa nessuno – ha specificato Beretta – ma questi soldi devono essere utilizzati per le strumentazioni ma anche per il personale medico e infermieristico che oggi non è sufficiente».

«Stiamo facendo importanti passi in avanti– ha evidenziato Cinieri – soprattutto per quanto riguarda diagnosi sempre più accurate e una migliore selezione dei pazienti su basi molecolari solide. I risultati positivi raggiunti rischiano però di essere vanificati se non miglioriamo l’organizzazione sanitaria e superiamo alcune difficoltà burocratico-amministrative».

Tempi più veloci per i nuovi farmaci

I nuovi farmaci accumulano ritardi importanti «prima di essere effettivamente disponibili per i pazienti – ha spiegato Cinieri -. In media trascorrono due anni prima che una terapia, approvata dall’ente regolatorio, sia inserita nei prontuari e prescrivibile dai clinici. Chiediamo l’avvio di un “New Deal” per un sistema di cure più virtuoso e che possa essere d’esempio anche per altri Stati europei» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano