Salute 14 Marzo 2019

La psicologia ai tempi delle App: dalla terapia on line alla virtual reality exposure therapy

Barbato (psicologo clinico): «Grazie alla realtà virtuale il paziente affronta ansie e fobie con il vantaggio di trovarsi in un contesto sempre controllato e sicuro»

di Isabella Faggiano

Per chi ha paura di guidare nel traffico, di attraversare un tunnel o di perdere i sensi alla vista di una minuscola macchia di sangue, può chiedere aiuto alla virtual reality exposure therapy (VRET). Si tratta di una delle ultime frontiere di cura che aiutano a combattere l’amaxofobia, l’emofobia, i disturbi d’ansia ed altre fobie aspecifiche.

«La virtual reality exposure therapy – spiega Simone Barbato, psicologo clinico, referente per l’Ordine degli Psicologi del Lazio per la psicologia e nuove tecnologie – è una terapia che, attraverso l’utilizzo di un visore per la realtà virtuale, consente di esporre il paziente allo stimolo fobico in modo graduale ed abbattere, man mano, la sua risposta di ansia».

Ma la realtà virtuale è solo una delle più recenti introduzioni: la rivoluzione tecnologica della psicologia è cominciata già alla fine del secolo scorso. «È stato lo psicologo John Grohol a coniare il termine e-therapy per descrivere tutti quei servizi psicologici mediati dall’utilizzo del web – ha detto Barbato -, intuendo, già allora, il cambiamento epocale che le nuove tecnologie avrebbero introdotto in psicologia. Innanzitutto – ha aggiunto lo psicologo clinico – hanno allargato la domanda di servizi psicologici. Pensiamo a portatori di handicap, ritirati sociali, agorafobici, persone che abitano in centri mal collegati che, oggi, proprio grazie alle nuove tecnologie possono usufruire di servizi che, fino a pochi anni fa, per loro erano completamente inaccessibili».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGI, GIARDINA (CNOP): «SERVE QUELLO DI FAMIGLIA, PRESIDIO INTERMEDIO TRA SSN E TERRITORIO». SULLA FORMAZIONE: «CAMBI NOME IN ECM, EDUCAZIONE CONTINUA IN SALUTE»

Non solo chat o video chiamate per abbattere le distanze tra terapeuta e paziente, ma anche applicazioni per tablet e smartphone a sostegno del percorso di cura: «Oltre a strumentazioni e software pensati per l’intervento psicologico, come le prestazioni a distanza, in videoconferenza o chat – ha aggiunto Simone Barbato, amministratore e co-fondatore di IDEGO Psicologia digitale, una start up che progetta e sviluppa sistemi tecnologici innovativi nel settore della psicologia digitale – esistono tante altre applicazioni a servizio di pazienti e professionisti. Alcune sono state ideate per informare sui temi della psicologia, altre invece fungono da self-help. Queste ultime sono utili nella gestione di momenti particolari della giornata, da quelli in cui il tono dell’umore può essere piuttosto basso, fino ai picchi improvvisi di ansia».

Ma attenzione al fai da te: «È importante sottolineare – ha specificato Barbato – che tutti questi strumenti sono integrativi e non vanno a sostituire la relazione terapeutica. Fanno eccezione soltanto quelle applicazioni utili a gestire o prevenire una serie di condizioni e che, pertanto, non rappresentano un trattamento, e non sono inserite in protocolli più strutturati che necessitano sempre della presenza di un professionista abilitato».

Ed ovviamente anche chi vorrà utilizzare la realtà virtuale per combattere ansie o fobie dovrà farlo solo sotto la supervisione di un esperto: «La virtual reality – ha commentato lo psicologo clinico – è una tecnologia che ci immerge in uno scenario quasi reale, tanto che il paziente avrà emozioni molto simili a quelle che avrebbe interagendo con il mondo reale. Ma con molti più vantaggi. La realtà virtuale permette di inserire l’individuo in una situazione simulata scegliendo, in funzione dell’obiettivo terapeutico, il target emotivo, cognitivo e comportamentale. In questo mondo si agirà sempre in un contesto controllato e sicuro, manipolando e controllando tutte le variabili dello scenario».

E i risultati? «Numerosissimi studi internazionali hanno dimostrato l’efficacia sia dei setting terapeutici on line che delle applicazioni della realtà virtuale soprattutto – ha specificato Barbato – per il trattamento di disturbi di ansia e fobie aspecifiche». Ma non è escluso che questi orizzonti possano ben presto allargarsi ulteriormente: «La realtà virtuale ha moltissime applicazioni in psicologia e l’unico limite – ha concluso lo psicologo clinico – è quello della fantasia».

LEGGI ANCHE: REALTA’ VIRTUALE, SIMULATORI, VIDEOGAME E MANICHINI: ECCO LA FORMAZIONE 4.0

Articoli correlati
Psicologia dei no vax, un questionario per capire perché non si vaccinano e valutare come affrontarli
Il professor Robert Bohm (Università di Aquisgrana): «Presto l’OMS lo utilizzerà per comprendere i diversi tassi di vaccinazione nel mondo. In Italia vince la disinformazione. Per combatterla bisogna ridurre l’influenza dei no vax sul resto della popolazione»
Psicologia, nasce la Consulta degli studenti: «Eliminare il 3+2 e regolamentare la retribuzione dei tirocini»
Leopoldo Pizzetti, studente promotore della Consulta: «È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli Psicologi che favorirà la sinergia tra il mondo della formazione e quello professionale
di Isabella Faggiano
Effetto primavera: migliorano le abitudini salutari degli italiani. Lo dice l’App Healthy Virtuoso
Secondo Virtuoso, l’applicazione gratuita che incentiva e remunera le persone che mantengono uno stile di vita salutare, l’exploit è evidente: gli italiani, in media, hanno registrato un aumento di oltre 2000 passi giornalieri e 110 minuti mensili di attività fisica rispetto alla stagione invernale. Un totale di 125 Miliardi di passi in più, l’equivalente di […]
L’11 maggio è la Giornata Nazionale del Mal di Testa: ne soffre il 50% degli adulti
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ben il 50% degli adulti soffra di cefalea, comunemente detto mal di testa, con un episodio verificatosi almeno una volta nell’ultimo anno; tra i 18 e i 65 anni di età la percentuale cresce fino al 75% e, tra questi, più del 30% ha sofferto di emicrania, una delle […]
Estetica oncologica, al Policlinico San Matteo di Pavia l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri”
Giovedì 28 marzo 2019 alle ore 11.00, presso l’atrio d’ingresso del Day Hospital del Reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia ci sarà l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri. L’estetica oncologica come strumento di supporto psicosociale per pazienti e genitori”. L’evento nasce nell’ambito del Programma Internazionale per l’Oncologia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...