Salute 4 Marzo 2019

Psicologi, Giardina (CNOP): «Serve quello di famiglia, presidio intermedio tra SSN e territorio». Sulla formazione: «Cambi nome in ECS, Educazione continua in Salute»

Anche il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi alla prima Assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali. «Per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima», sottolinea a Sanità Informazione

Psicologi, Giardina (CNOP): «Serve quello di famiglia, presidio intermedio tra SSN e territorio». Sulla formazione: «Cambi nome in ECS, Educazione continua in Salute»

Uno psicologo del territorio, o di famiglia, che riesca a rispondere ai bisogni dei cittadini prima che il disagio diventi più importante e vada a carico del Sistema sanitario nazionale. La proposta arriva da Fulvio Giardina, Presidente del Cnop, il Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, ed è un vecchio cavallo di battaglia degli psicologi che, con la legge Lorenzin, sono diventati una professione sanitaria. Abbiamo intervistato Giardina in occasione della prima Assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali che si è svolta a Roma, un evento salutato positivamente da Giardina perché «per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima». Dal Presidente Cnop poi la proposta di cambiare l’acronimo “ECM” per la formazione continua in “ECS”, cioè “Educazione Continua in Salute” perché «la salute ormai appartiene a tutti, bisogna diffondere questa visione interdisciplinare delle professioni».

Presidente, avete fatto delle richieste ben precise al governo. Qual è la cosa prioritaria su cui tutte le professioni sanitarie si devono unire?

«Intanto mettere i bisogni del cittadino al centro del sistema. Per carità lo sono già ma vorremmo fossero più declinati e più presi in considerazione. In un paese moderno non possiamo frammentare i bisogni in partecipazioni personalistiche. Ormai il cittadino presenta esigenze che non sono legate soltanto alla parte prettamente biologica, fisica ma che riguardano tutto ciò che è il suo progetto di vita, i sogni, i desideri, lavoriamo per la felicità dei cittadini. È una parola magari in disuso, strana, ma di fatto corrisponde a questo concetto di benessere e di qualità della vita. Vorrei ricordare che gli psicologi sono 110mila, svolgono questa attività ogni giorno ma purtroppo nel Servizio sanitario c’è un depauperamento di risorse. Cioè non ci sono presidi intermedi tra il servizio sanitario e il territorio. Noi vorremmo e chiediamo con forza che finalmente venga istituita questa figura professionale dello psicologo di base, del territorio, o di famiglia, chiamiamolo come vogliamo. Un professionista che intercetti i bisogni di cambiamento prima che transitino nel Servizio sanitario nazionale, prima che assumano una connotazione più strutturata, di competenza. Vorrei richiamare il fatto che lo psicologo ormai da un anno è entrato pienamente nell’alveo delle professioni vigilate dal ministero della Salute e quindi come tutti i professionisti della salute è obbligato a un aggiornamento costante che è a garanzia delle prestazioni erogate e verso i cittadini. Infatti dal 2020 tutti gli psicologi transiteranno in questo percorso di aggiornamento professionale che si chiama ECM. Noi abbiamo invitato l’Agenas, che è l’agenzia che governa questo processo, a modificare anche questa terminologia perché ormai la lettera ‘M’ di medicina non ha più senso. Noi vorremmo che si chiamasse Educazione Continua in Salute, anche per dare un messaggio non soltanto agli operatori ma a tutti i cittadini. La salute ormai appartiene a tutti, bisogna diffondere questa visione interdisciplinare delle professioni. Oggi è un giorno fondamentale perché per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGI, GIARDINA (CNOP): «ECCO COME CAMBIA IL NOSTRO RUOLO NELLA SOCIETA’ LIQUIDA. NON C’E’ PIU’ GERARCHIA TRA DOLORE FISICO E PSICHICO»

Articoli correlati
Medicina del territorio, Lazzari (CNOP): «Il 90% delle Regioni non ha assunto psicologi nelle Usca»
In Commissione Sanità al Senato l’audizione di David Lazzari, il Presidente del CNOP: «In ambito psicologico i cittadini ricevono risposte in un caso su 5, un tasso molto basso. Il bisogno di assistenza psicologica al contrario aumenta: il 90% dei cittadini vorrebbe gli psicologi nei servizi pubblici»
Lauree abilitanti, intervista al presidente nazionale Ordine Psicologi, David Lazzari
«Noi abbiamo la necessità di rendere le nostre lauree più professionalizzanti. Le regole che attualmente governano i corsi di Psicologia sono inadeguate rispetto alle normative e al mandato sociale della professione»
Covid 19 e malattie croniche: indagine on line Regione Lazio-Ordine degli Psicologi a supporto dei pazienti
L’obiettivo della survey è quello di comprendere, nel nuovo quadro pandemico, se e come sia mutata la loro percezione delle diverse dimensioni della malattia: dal grado di auto-efficacia al rapporto con il team curante, fino alla gestione dell’aderenza alle terapie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli