Salute 4 Marzo 2019

Psicologi, Giardina (CNOP): «Serve quello di famiglia, presidio intermedio tra SSN e territorio». Sulla formazione: «Cambi nome in ECS, Educazione continua in Salute»

Anche il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi alla prima Assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali. «Per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima», sottolinea a Sanità Informazione

Immagine articolo

Uno psicologo del territorio, o di famiglia, che riesca a rispondere ai bisogni dei cittadini prima che il disagio diventi più importante e vada a carico del Sistema sanitario nazionale. La proposta arriva da Fulvio Giardina, Presidente del Cnop, il Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, ed è un vecchio cavallo di battaglia degli psicologi che, con la legge Lorenzin, sono diventati una professione sanitaria. Abbiamo intervistato Giardina in occasione della prima Assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali che si è svolta a Roma, un evento salutato positivamente da Giardina perché «per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima». Dal Presidente Cnop poi la proposta di cambiare l’acronimo “ECM” per la formazione continua in “ECS”, cioè “Educazione Continua in Salute” perché «la salute ormai appartiene a tutti, bisogna diffondere questa visione interdisciplinare delle professioni».

Presidente, avete fatto delle richieste ben precise al governo. Qual è la cosa prioritaria su cui tutte le professioni sanitarie si devono unire?

«Intanto mettere i bisogni del cittadino al centro del sistema. Per carità lo sono già ma vorremmo fossero più declinati e più presi in considerazione. In un paese moderno non possiamo frammentare i bisogni in partecipazioni personalistiche. Ormai il cittadino presenta esigenze che non sono legate soltanto alla parte prettamente biologica, fisica ma che riguardano tutto ciò che è il suo progetto di vita, i sogni, i desideri, lavoriamo per la felicità dei cittadini. È una parola magari in disuso, strana, ma di fatto corrisponde a questo concetto di benessere e di qualità della vita. Vorrei ricordare che gli psicologi sono 110mila, svolgono questa attività ogni giorno ma purtroppo nel Servizio sanitario c’è un depauperamento di risorse. Cioè non ci sono presidi intermedi tra il servizio sanitario e il territorio. Noi vorremmo e chiediamo con forza che finalmente venga istituita questa figura professionale dello psicologo di base, del territorio, o di famiglia, chiamiamolo come vogliamo. Un professionista che intercetti i bisogni di cambiamento prima che transitino nel Servizio sanitario nazionale, prima che assumano una connotazione più strutturata, di competenza. Vorrei richiamare il fatto che lo psicologo ormai da un anno è entrato pienamente nell’alveo delle professioni vigilate dal ministero della Salute e quindi come tutti i professionisti della salute è obbligato a un aggiornamento costante che è a garanzia delle prestazioni erogate e verso i cittadini. Infatti dal 2020 tutti gli psicologi transiteranno in questo percorso di aggiornamento professionale che si chiama ECM. Noi abbiamo invitato l’Agenas, che è l’agenzia che governa questo processo, a modificare anche questa terminologia perché ormai la lettera ‘M’ di medicina non ha più senso. Noi vorremmo che si chiamasse Educazione Continua in Salute, anche per dare un messaggio non soltanto agli operatori ma a tutti i cittadini. La salute ormai appartiene a tutti, bisogna diffondere questa visione interdisciplinare delle professioni. Oggi è un giorno fondamentale perché per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGI, GIARDINA (CNOP): «ECCO COME CAMBIA IL NOSTRO RUOLO NELLA SOCIETA’ LIQUIDA. NON C’E’ PIU’ GERARCHIA TRA DOLORE FISICO E PSICHICO»

Articoli correlati
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»
Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone