Salute 4 Marzo 2019

Psicologi, Giardina (CNOP): «Serve quello di famiglia, presidio intermedio tra SSN e territorio». Sulla formazione: «Cambi nome in ECS, Educazione continua in Salute»

Anche il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi alla prima Assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali. «Per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima», sottolinea a Sanità Informazione

Immagine articolo

Uno psicologo del territorio, o di famiglia, che riesca a rispondere ai bisogni dei cittadini prima che il disagio diventi più importante e vada a carico del Sistema sanitario nazionale. La proposta arriva da Fulvio Giardina, Presidente del Cnop, il Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, ed è un vecchio cavallo di battaglia degli psicologi che, con la legge Lorenzin, sono diventati una professione sanitaria. Abbiamo intervistato Giardina in occasione della prima Assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali che si è svolta a Roma, un evento salutato positivamente da Giardina perché «per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima». Dal Presidente Cnop poi la proposta di cambiare l’acronimo “ECM” per la formazione continua in “ECS”, cioè “Educazione Continua in Salute” perché «la salute ormai appartiene a tutti, bisogna diffondere questa visione interdisciplinare delle professioni».

Presidente, avete fatto delle richieste ben precise al governo. Qual è la cosa prioritaria su cui tutte le professioni sanitarie si devono unire?

«Intanto mettere i bisogni del cittadino al centro del sistema. Per carità lo sono già ma vorremmo fossero più declinati e più presi in considerazione. In un paese moderno non possiamo frammentare i bisogni in partecipazioni personalistiche. Ormai il cittadino presenta esigenze che non sono legate soltanto alla parte prettamente biologica, fisica ma che riguardano tutto ciò che è il suo progetto di vita, i sogni, i desideri, lavoriamo per la felicità dei cittadini. È una parola magari in disuso, strana, ma di fatto corrisponde a questo concetto di benessere e di qualità della vita. Vorrei ricordare che gli psicologi sono 110mila, svolgono questa attività ogni giorno ma purtroppo nel Servizio sanitario c’è un depauperamento di risorse. Cioè non ci sono presidi intermedi tra il servizio sanitario e il territorio. Noi vorremmo e chiediamo con forza che finalmente venga istituita questa figura professionale dello psicologo di base, del territorio, o di famiglia, chiamiamolo come vogliamo. Un professionista che intercetti i bisogni di cambiamento prima che transitino nel Servizio sanitario nazionale, prima che assumano una connotazione più strutturata, di competenza. Vorrei richiamare il fatto che lo psicologo ormai da un anno è entrato pienamente nell’alveo delle professioni vigilate dal ministero della Salute e quindi come tutti i professionisti della salute è obbligato a un aggiornamento costante che è a garanzia delle prestazioni erogate e verso i cittadini. Infatti dal 2020 tutti gli psicologi transiteranno in questo percorso di aggiornamento professionale che si chiama ECM. Noi abbiamo invitato l’Agenas, che è l’agenzia che governa questo processo, a modificare anche questa terminologia perché ormai la lettera ‘M’ di medicina non ha più senso. Noi vorremmo che si chiamasse Educazione Continua in Salute, anche per dare un messaggio non soltanto agli operatori ma a tutti i cittadini. La salute ormai appartiene a tutti, bisogna diffondere questa visione interdisciplinare delle professioni. Oggi è un giorno fondamentale perché per la prima volta dalla nascita della Repubblica tutte le professioni sanitarie si sono messe insieme per un obiettivo comune: rendere la vita dei nostri cittadini migliore di com’era prima».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGI, GIARDINA (CNOP): «ECCO COME CAMBIA IL NOSTRO RUOLO NELLA SOCIETA’ LIQUIDA. NON C’E’ PIU’ GERARCHIA TRA DOLORE FISICO E PSICHICO»

Articoli correlati
Inchiesta Panorama, Palermo (Anaao): «Formazione torni centrale ripristinando dotazioni organiche»
Il segretario del più grande sindacato dei camici bianchi risponde all’inchiesta del settimanale diretto da Maurizio Belpietro e spiega: «La situazione delle dotazioni organiche è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali»
Inchiesta Panorama, Tortorella (Consulcesi): «Chi non si aggiorna scredita la categoria e fomenta clima di odio, a rischio la copertura assicurativa»
Immediata la reazione del colosso legale a tutela dei camici bianchi: «Da tempo sosteniamo che sarebbe scoppiata questa bomba dei crediti ECM, l’avevamo anticipato una settimana fa in una lettera chiusa al Ministro della Salute Speranza e agli Ordini Professionali»
Aggiornamento professionale, Carli (Careggi): «Formazione e linee guida fondamentali in caso di contenzioso»
La Direttrice della Formazione dell’Ospedale Careggi di Firenze spiega il grande impegno del nosocomio per l’aggiornamento professionale dei lavoratori: «Abbiamo un piano di formazione che ha circa 250 eventi suddivisi in aree tematiche. Nel 2019 sono stati 29mila gli operatori formati»
Elezione Ordine Psicologi Lombardia: vince la continuità. Bettiga: «In eredità lascio un nuovo progetto: lo psicologo di quartiere»
Rinnovato il consiglio dell’Ordine degli psicologi della Lombardia. Riccardo Bettiga, dopo lascia anni, lascia in eredità molti progetti avviati, come la casa della psicologia ed altri in fase di realizzazione, come lo psicologo di  quartiere
di Federica Bosco
Formazione continua, Speranza presiede Commissione ECM: «Investimento in capitale umano centrale per nuove sfide Ssn»
Alla riunione anche il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Filippo Anelli (Fnomceo): «Formazione deve favorire crescita competenze cogliendo e facendo propri i percorsi di innovazione che quotidianamente i professionisti mettono in campo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...