Lavoro 31 Maggio 2018

Psicologi, Giardina (CNOP): «Ecco come cambia il nostro ruolo nella società liquida. Non c’è più gerarchia tra dolore fisico e psichico»

Dalle novità dei LEA all’inclusione tra le professioni sanitarie, sono diversi i cambiamenti che riguardano la figura dello psicologo. Ed il referendum sull’istituzione della professione autonoma di counselor? «Un’azione politica contro il Consiglio Nazionale»

Immagine articolo

Se cambia la società, deve cambiare anche il ruolo dello psicologo. È chiaro il ragionamento di Fulvio Giardina, Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, che, citando la società liquida del sociologo Zygmunt Bauman, commenta l’evoluzione della figura dello psicologo.

Un’evoluzione che rispecchia il cambiamento della società, appunto: «La società fluida in cui viviamo non ha punti di riferimento ed è in continua evoluzione – spiega il Presidente Giardina -. Ed è una società che pone ormai attenzione non più a una gerarchia di sofferenza, ma ha un pari rispetto della sofferenza. C’è poca differenza tra un dolore fisico e psichico, e sarebbe inimmaginabile oggi non attenzionarli allo stesso modo. Chi sta male vuole essere aiutato».

Si inserisce in questo contesto, quindi, il riconoscimento degli psicologi come professionisti sanitari. Un riconoscimento sancito dalla legge Lorenzin sul riordino delle professioni sanitarie e che fa acquisire agli psicologi una forte consapevolezza del loro ruolo sociale. «E poi – aggiunge Fulvio Giardina – gli psicologi sono portatori di una cultura del benessere e della qualità della vita che ben si associa con la parte clinica».

Inoltre, «i nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) hanno collocato il disagio esistenziale tra quei diritti esigibili da parte del cittadino al pari di tutte le altre sofferenze fisiche. Da questo momento in poi ogni azienda sanitaria deve quindi garantire che il disagio esistenziale venga raccolto. È la prima volta in Italia – prosegue il Presidente CNOP – che la sofferenza non fisica trova riscontro in atti formali ed è un passaggio importantissimo».

LEGGI ANCHE: NUOVI LEA, ASSISTENZA PSICOLOGICA DIVENTA DIRITTO. LAZZARI (CNOP): «SVOLTA PER PROFESSIONE E CITTADINI»

«Non dimentichiamoci – specifica Giardina – che vi è una grande area della popolazione che anche se non ha una sofferenza eclatante, vuole stare meglio, vuole stare bene. Pensiamo soltanto alla scuola: la scuola è abbandonata a se stessa e compaiono situazioni marginali di ragazzi che hanno più punti di riferimento che bisogna attenzionare. Anche per questo abbiamo lanciato un progetto sperimentale che prevede la presenza stabile di uno psicologo in cento scuole italiane: per prevenire, tutelare e promuovere il benessere degli alunni, ma anche gli insegnanti».

Infine, è particolarmente polemico sul referendum girato on line nei giorni scorsi sulla figura del counselor e sul counseling. Dopo che il CNOP ha organizzato una “Consensus Conference” su questo tema, il 98% degli psicologi che hanno risposto all’iniziativa si è espresso contro l’istituzione della professione autonoma di counselor, e il 93% contro la conferenza organizzata dal CNOP.

«Si tratta di un’azione politica contro il Consiglio Nazionale – commenta Giardina – da parte di una minoranza sparuta di colleghi. Noi ci siamo espressi ampiamente su questo tema, affermando che il counseling è una competenza dello psicologo, a maggior ragione adesso che lo psicologo rientra a pieno titolo nelle professioni sanitarie. Questo passaggio aumenta le tutele per il professionista, le tutele per l’utente e soprattutto aumenta la certezza in caso di pena: vi sono rilevanti sanzioni amministrative qualora uno dovesse svolgere funzioni che non gli spettano. Questo pseudo gioco referendario in realtà non ha alcun valore ed è composto da domande assolutamente retoriche: è chiaro che si risponda sì, perché per come sono formulate le domande non si suppone che ci possa essere una risposta negativa», conclude.

LEGGI ANCHE: PSICOLOGO IN FARMACIA, AL VIA IL GRUPPO DI LAVORO. ESPOSITO (CNOP): «PUÒ AIUTARE A MIGLIORARE L’ADERENZA TERAPEUTICA» 

Articoli correlati
Balbuzie, l’importanza di parlarne. Pino Insegno testimonial d’eccezione
La balbuzie è una tematica delicata, vista ancora come un tabù nella società, in famiglia e a scuola. Manca adeguata informazione e sensibilizzazione su questa problematica, che interessa circa 1 milione di persone in Italia e 70 milioni in tutto il mondo, con un rapporto maschi / femmine che è di 4:1. PROMUOVERE LA COMPRENSIONE […]
Hikikomori, con la pandemia e il lockdown aumentati “gli isolati per scelta”
La psicoterapeuta: «Secondo un sondaggio di Hikikomori Italia, il 40% di chi non usciva di casa da tempo durante il lockdown si è sentito meglio, finalmente "normale". Ma una volta riprese le attività il disagio è tornato più forte di prima. La DAD ha riavvicinato molti ragazzi alla scuola, chiediamo sia un'alternativa alle lezioni in presenza utilizzabile sempre»
di Isabella Faggiano
Neri Marcorè e il suo rapporto con l’analisi: «Quella volta che stavo per iscrivermi a Psicologia…»
L’attore racconta a Sanità Informazione il lavoro ‘psicologico’ che c’è dietro ogni imitazione: «Mi piace carpire i meccanismi psicologici, magari anche reconditi, che un personaggio non mostra in pubblico»
Lauree abilitanti, intervista al presidente nazionale Ordine Psicologi, David Lazzari
«Noi abbiamo la necessità di rendere le nostre lauree più professionalizzanti. Le regole che attualmente governano i corsi di Psicologia sono inadeguate rispetto alle normative e al mandato sociale della professione»
Giornata Psicologia, Lazzari (CNOG): «Nuovo lockdown sarebbe insostenibile, ora attivare rete psicologica pubblica»
Convegno al Tempio di Adriano dal titolo "Il diritto alla salute psicologica". Stress in aumento nelle ultime settimane, ma giovani reagiscono meglio. Tra gli ospiti Neri Marcorè e Angelo Borrelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare