Salute 11 maggio 2018

Governo, parte il totoministri: alla Sanità in pole per i Cinque Stelle Bartolazzi, Grillo e Sileri. Per la Lega Garavaglia e Coletto

In corso le trattative per la formazione del governo ‘giallo-verde’. Ancora incertezza per il successore di Beatrice Lorenzin: il dicastero dovrebbe andare al partito guidato da Luigi Di Maio

Immagine articolo

Ancora non si sa chi siederà sulla poltrona di premier, ma lo stallo politico che ha caratterizzato gli ultimi due mesi sembra destinato a risolversi. Dopo il via libera dato da Silvio Berlusconi, sono partite le trattative per la formazione del nuovo governo ‘giallo-verde’ tra Lega e Movimento Cinque Stelle che, salvo clamorosi colpi di scena, dovrebbe vedere la luce nella settimana prossima. Si parte innanzitutto dai temi: nel programma di governo dovrebbe esserci il superamento della Legge Fornero, la sburocratizzazione e riduzione di leggi e regolamenti, reddito di cittadinanza con iniziale potenziamento dei centri per l’impiego, introduzione di misure per favorire il recupero dei debiti fiscali per i contribuenti in difficoltà, Flat tax, riduzione costi della politica, lotta alla corruzione, contrasto all’immigrazione clandestina. Sul fronte sanità, nelle dieci priorità messe nel contratto di governo per il M5S dal professore Giacinto Della Cananea, c’è la necessità di rilanciare il ruolo del Ssn come infrastruttura sociale del nostro Paese. Si parla di rafforzare il finanziamento dell’Ssn e sostenere una gestione trasparente e professionale delle risorse, oltre che del potenziamento dei servizi di prevenzione e della medicina territoriale.

Tanta carne al fuoco, anche se ancora non si sa chi occuperà la casella di Palazzo Chigi. Non i due leader, Matteo Salvini (leggi l’intervista) e Luigi Di Maio, che probabilmente saranno ministri: il leader della Lega potrebbe andare all’Interno, quello del M5S agli Esteri. Come sempre però, impazza il totoministri e sono tante le ipotesi che circolano per il Ministero della Sanità. Secondo indiscrezioni, il dicastero dovrebbe andare al M5S non essendo in cima alle richieste della Lega, anche se tutto può succedere.

LEGGI ANCHE: ELEZIONI 2018, I RISULTATI DEI ‘CAMICI BIANCHI’ COLLEGIO PER COLLEGIO

A Lungotevere Ripa, in quota M5S, potrebbe arrivare Armando Bartolazzi (leggi il suo discorso) dirigente medico presso l’Unità di Istologia e Anatomia patologica all’ospedale Sant’Andrea di Roma e indicato già da Luigi Di Maio nella squadra dei ministri a Cinque Stelle in campagna elettorale. Ha scoperto un metodo diagnostico per la valutazione precoce del carcinoma tiroideo, metodo attualmente utilizzato in tutto il mondo. Nel 2015 è stato inserito nella lista TIS – Top Scienziati Italiani grazie all’alto impatto scientifico delle ricerche effettuate. Nel Movimento sono altri due i nomi in lizza: la capogruppo alla Camera Giulia Grillo (leggi l’intervista), medico legale, che ha trionfato nel seggio uninominale di Acireale con il 46,28%. Nella scorsa legislatura si è impegnata molto sui temi sanitari e dunque potrebbe essere una scelta naturale. Il terzo nome è Pierpaolo Sileri (leggi l’intervista), chirurgo dell’apparato dirigente a Tor Vergata e professore in Italia e negli USA, dove ha lavorato in passato. Il suo nome era già circolato per la squadra dei ministri del M5S prima delle elezioni. Vanta un curriculum di prestigio ed esperienze all’estero.

Ma il successore di Beatrice Lorenzin potrebbe anche provenire dalle file della Lega. In questo caso in pole ci sono due nomi: Massimo Garavaglia e Luca Coletto (leggi l’intervista). Il primo è stato fino a pochi mesi fa assessore all’Economia della Regione Lombardia, ma soprattutto a lungo coordinatore del Comitato di settore delle Regioni per la sanità. In passato è stato il senatore più giovane della Repubblica. Il secondo invece è assessore alla Salute della Regione Veneto ma anche presidente di Agenas con cui si è impegnato a promuovere le buone pratiche in Sanità. Per anni è stato coordinatore della Commissione Salute delle Regioni.

La terza ipotesi, remota ma non impossibile, è che il dicastero vada ad un tecnico di area Forza Italia, qualora Berlusconi decidesse di concedere una ‘astensione benevola’ al governo Lega-M5S. In questo caso in pole c’è il deputato Andrea Mandelli (leggi l’intervista), presidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) e nelle scorse settimane vicepresidente della Commissione speciale che ha esaminato gli atti urgenti e il Def.

Articoli correlati
Cannabis terapeutica, la proposta della Sirca: «Aumentare la produzione italiana». E il M5S accoglie l’appello
Il Presidente della Società Italiana Ricerca Cannabis Paolo Poli sottolinea: «Produciamo troppo poco rispetto al fabbisogno». Gruppo Cinque Stelle: «Garantire continuità terapeutica, l’accesso alle cure a base di cannabis sia garantito equamente su tutto il territorio nazionale»
Gemelli, da dicembre accesso h 24 nella Terapia Intensiva Neonatale
Da dicembre 2018 verrà garantito l’accesso ai genitori h 24 nei Reparti di Terapia Intensiva Neonatale (TIN), Sub-TIN e Patologia Neonatale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS al fine di promuovere un più stretto contatto tra i genitori e i piccoli prematuri, anche attraverso la “Kangaroo mother care”, la pratica di fornire un continuo […]
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
Sottosegretario alla Salute, per sostituire Fugatti è ballottaggio tra le leghiste Boldi-Cantù
Duello al femminile nella Lega per sostituire il neo presidente della Provincia di Trento. L’ex assessore alla Famiglia della Regione Lombardia era in pole, ma i numeri risicati in Senato hanno fatto salire le quotazioni della vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Aggressioni a medici, Dieni (M5S): «Aperti a contributi di operatori e opposizioni. Presto legge per tutelare chi salva vite»
La vicecapogruppo dei Cinque Stelle alla Camera assicura l’impegno del Movimento sul tema e apre a modifiche sul Ddl governativo. «Anche sblocco del turn over più aiutare a risolvere problema, stiamo lavorando in questa direzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...