Salute 11 maggio 2018

Governo, parte il totoministri: alla Sanità in pole per i Cinque Stelle Bartolazzi, Grillo e Sileri. Per la Lega Garavaglia e Coletto

In corso le trattative per la formazione del governo ‘giallo-verde’. Ancora incertezza per il successore di Beatrice Lorenzin: il dicastero dovrebbe andare al partito guidato da Luigi Di Maio

Immagine articolo

Ancora non si sa chi siederà sulla poltrona di premier, ma lo stallo politico che ha caratterizzato gli ultimi due mesi sembra destinato a risolversi. Dopo il via libera dato da Silvio Berlusconi, sono partite le trattative per la formazione del nuovo governo ‘giallo-verde’ tra Lega e Movimento Cinque Stelle che, salvo clamorosi colpi di scena, dovrebbe vedere la luce nella settimana prossima. Si parte innanzitutto dai temi: nel programma di governo dovrebbe esserci il superamento della Legge Fornero, la sburocratizzazione e riduzione di leggi e regolamenti, reddito di cittadinanza con iniziale potenziamento dei centri per l’impiego, introduzione di misure per favorire il recupero dei debiti fiscali per i contribuenti in difficoltà, Flat tax, riduzione costi della politica, lotta alla corruzione, contrasto all’immigrazione clandestina. Sul fronte sanità, nelle dieci priorità messe nel contratto di governo per il M5S dal professore Giacinto Della Cananea, c’è la necessità di rilanciare il ruolo del Ssn come infrastruttura sociale del nostro Paese. Si parla di rafforzare il finanziamento dell’Ssn e sostenere una gestione trasparente e professionale delle risorse, oltre che del potenziamento dei servizi di prevenzione e della medicina territoriale.

Tanta carne al fuoco, anche se ancora non si sa chi occuperà la casella di Palazzo Chigi. Non i due leader, Matteo Salvini (leggi l’intervista) e Luigi Di Maio, che probabilmente saranno ministri: il leader della Lega potrebbe andare all’Interno, quello del M5S agli Esteri. Come sempre però, impazza il totoministri e sono tante le ipotesi che circolano per il Ministero della Sanità. Secondo indiscrezioni, il dicastero dovrebbe andare al M5S non essendo in cima alle richieste della Lega, anche se tutto può succedere.

LEGGI ANCHE: ELEZIONI 2018, I RISULTATI DEI ‘CAMICI BIANCHI’ COLLEGIO PER COLLEGIO

A Lungotevere Ripa, in quota M5S, potrebbe arrivare Armando Bartolazzi (leggi il suo discorso) dirigente medico presso l’Unità di Istologia e Anatomia patologica all’ospedale Sant’Andrea di Roma e indicato già da Luigi Di Maio nella squadra dei ministri a Cinque Stelle in campagna elettorale. Ha scoperto un metodo diagnostico per la valutazione precoce del carcinoma tiroideo, metodo attualmente utilizzato in tutto il mondo. Nel 2015 è stato inserito nella lista TIS – Top Scienziati Italiani grazie all’alto impatto scientifico delle ricerche effettuate. Nel Movimento sono altri due i nomi in lizza: la capogruppo alla Camera Giulia Grillo (leggi l’intervista), medico legale, che ha trionfato nel seggio uninominale di Acireale con il 46,28%. Nella scorsa legislatura si è impegnata molto sui temi sanitari e dunque potrebbe essere una scelta naturale. Il terzo nome è Pierpaolo Sileri (leggi l’intervista), chirurgo dell’apparato dirigente a Tor Vergata e professore in Italia e negli USA, dove ha lavorato in passato. Il suo nome era già circolato per la squadra dei ministri del M5S prima delle elezioni. Vanta un curriculum di prestigio ed esperienze all’estero.

Ma il successore di Beatrice Lorenzin potrebbe anche provenire dalle file della Lega. In questo caso in pole ci sono due nomi: Massimo Garavaglia e Luca Coletto (leggi l’intervista). Il primo è stato fino a pochi mesi fa assessore all’Economia della Regione Lombardia, ma soprattutto a lungo coordinatore del Comitato di settore delle Regioni per la sanità. In passato è stato il senatore più giovane della Repubblica. Il secondo invece è assessore alla Salute della Regione Veneto ma anche presidente di Agenas con cui si è impegnato a promuovere le buone pratiche in Sanità. Per anni è stato coordinatore della Commissione Salute delle Regioni.

La terza ipotesi, remota ma non impossibile, è che il dicastero vada ad un tecnico di area Forza Italia, qualora Berlusconi decidesse di concedere una ‘astensione benevola’ al governo Lega-M5S. In questo caso in pole c’è il deputato Andrea Mandelli (leggi l’intervista), presidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) e nelle scorse settimane vicepresidente della Commissione speciale che ha esaminato gli atti urgenti e il Def.

Articoli correlati
Ministero Salute, Guido Carpani nominato nuovo capo di gabinetto
Subentra ad Alfonso Celotto che aveva lasciato il Ministero il mese scorso. Guido Carpani era già stato capo di gabinetto per il ministro Renato Balduzzi
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...