Politica 1 marzo 2018

Elezioni, Matteo Salvini: «In sanità fondamentale un mix pubblico-privato. Dobbiamo ridare centralità ai medici»

Il Segretario della Lega a Sanità Informazione: «I camici bianchi non vogliono essere burocrati e passacarte. È una follia che l’Italia sia il primo esportatore di medici in Europa, vista la carenza di organico. Quello del medico è una professione d’amore, ma in questo momento è difficile farlo»

È militante della Lega Nord da 27 anni. Nel 1993 viene eletto consigliere al Comune di Milano. Dopo un’esperienza di due anni come deputato presso il Parlamento Europeo ritorna al consiglio comunale della sua città. Viene eletto deputato alla Camera, ma nel 2013 si dimette per tornare all’Europarlamento. Nello stesso anno viene eletto segretario della Lega. Domenica prossima Matteo Salvini si presenta alle elezioni politiche come il candidato premier del suo partito. Corre per il Senato nel plurinominale e da capolista in Calabria 1, Lazio 1 (Roma), Lombardia 4 (Milano), Liguria 1, Sicilia 2 (Catania, Messina, Acireale e Siracusa). Come su tutti gli argomenti che ha affrontato sin da prima dell’inizio della campagna elettorale, anche sulla sanità ha idee chiare e proposte concrete, che vanno dal rafforzamento di un sistema privato al fianco di quello pubblico alla formazione dei medici, passando per la medicina difensiva ed il ruolo degli infermieri. Sanità Informazione lo ha incontrato al convegno “Confcommercio incontra i leader”.

TUTTE LE INTERVISTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SANITÀ

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE ELEZIONI 2018

Onorevole, c’è un tema di cui si è parlato pochissimo in questa campagna elettorale: la sanità. In quanto leader della Lega, cosa propone per il futuro del mondo sanitario e cos’è che non va in questo momento?
«Noi vogliamo ridare centralità al ruolo del medico, che non vuole fungere da passacarte, da burocrate, da compilatore di ricette. Vogliamo riaprire l’accesso alle specializzazioni alle migliaia di laureati che, non potendo accedere alle specializzazioni, o fanno altro o vanno altrove. L’Italia è il primo Paese esportatore di medici in Europa e mi sembra una follia, vista la carenza di organico in alcune strutture. Vogliamo rivedere la procedura di accesso ai pronto soccorso e soprattutto i costi standard in sanità, che rappresentano circa il 70% delle spese regionali, per reinvestire gli sprechi in qualità e in riqualificazione. Stiamo morendo di medicina difensiva, visto che sembra che il medico sia responsabile di tutto quello che accade al mondo, e quindi per non rischiare di sbagliare smette di fare il medico e troppo spesso fa il burocrate. Io penso invece che quello del medico sia certamente un lavoro, ma anche una passione, una professione d’amore, e in questo momento è difficile farlo. Non entriamo poi nel merito degli infermieri e degli OSS perché è un altro capitolo: sono fra le eccellenze italiane nel mondo ma anche loro spesso e volentieri sono costretti a scappare per motivi di stipendio mentre nelle nostre strutture sanitarie residenziali abbiamo gente che a mala pena parla l’italiano».

Lei ha parlato spesso del modello lombardo, pensa che sia esportabile in tutta Italia?

«A me interessa la qualità del servizio, da amministratore e da cittadino. Secondo me un mix pubblico – privato è fondamentale, non solo in sanità ma anche nella scuola. Il pubblico da solo non può fare tutto, né in ospedale né nell’insegnamento; il tutto privato o il tutto pubblico ha dimostrato di non funzionare. Visto che la Lombardia dal punto di vista sanitario attrae pazienti da tutte le altre regioni italiane, costretti a praticare il nomadismo o il turismo sanitario pagando di tasca loro, ma è attrattiva anche a livello europeo, evidentemente mi piacerebbe che quello che funziona a Milano funzionasse anche a Reggio Calabria».

Articoli correlati
Cefalee croniche, all’esame Ddl per riconoscerle come malattia sociale. Lazzarini (Lega): «È tra prime cause di disabilità, pazienti aspettano risposte»
La deputata è la prima firmataria del provvedimento giunto in Commissione Affari Sociali: «Questa malattia – spiega - compromette gravemente anche qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi sociali ed economici ingenti»
Abolizione numero chiuso: è la volta buona. Tiramani (Lega): «C’è convergenza Lega-M5S. Avanti solo meritevoli»
Parla il Deputato che ha presentato la proposta di legge per cancellare i test di ingresso. Anche Grillo e Salvini per il superamento: «Il fatto che anche autorevoli esponenti di altri partiti come il PD la pensino in questo modo vuol dire che abbiamo colto nel segno»
Numero chiuso, cresce il fronte per l’abolizione. Grillo: «Rischiamo di perdere grandi medici, serve meccanismo meritocratico»
Il Ministro è intenzionato a rivedere le norme di accesso alla Facoltà di Medicina. E anche il vicepremier Salvini appoggia la proposta: «Non è possibile che migliaia di ragazzi italiani debbano scappare all’estero per studiare, specializzarsi e cominciare a lavorare in ospedale»
Aggressioni ai medici, Rostan (LeU) scrive a Salvini: «Più forze dell’ordine per presidiare i nosocomi campani»
«Nella regione sessanta aggressioni denunciate dall’inizio dell’anno ai danni del personale medico e infermieristico», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila