Politica 1 Marzo 2018 16:36

Elezioni, Matteo Salvini: «In sanità fondamentale un mix pubblico-privato. Dobbiamo ridare centralità ai medici»

Il Segretario della Lega a Sanità Informazione: «I camici bianchi non vogliono essere burocrati e passacarte. È una follia che l’Italia sia il primo esportatore di medici in Europa, vista la carenza di organico. Quello del medico è una professione d’amore, ma in questo momento è difficile farlo»

È militante della Lega Nord da 27 anni. Nel 1993 viene eletto consigliere al Comune di Milano. Dopo un’esperienza di due anni come deputato presso il Parlamento Europeo ritorna al consiglio comunale della sua città. Viene eletto deputato alla Camera, ma nel 2013 si dimette per tornare all’Europarlamento. Nello stesso anno viene eletto segretario della Lega. Domenica prossima Matteo Salvini si presenta alle elezioni politiche come il candidato premier del suo partito. Corre per il Senato nel plurinominale e da capolista in Calabria 1, Lazio 1 (Roma), Lombardia 4 (Milano), Liguria 1, Sicilia 2 (Catania, Messina, Acireale e Siracusa). Come su tutti gli argomenti che ha affrontato sin da prima dell’inizio della campagna elettorale, anche sulla sanità ha idee chiare e proposte concrete, che vanno dal rafforzamento di un sistema privato al fianco di quello pubblico alla formazione dei medici, passando per la medicina difensiva ed il ruolo degli infermieri. Sanità Informazione lo ha incontrato al convegno “Confcommercio incontra i leader”.

TUTTE LE INTERVISTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SANITÀ

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE ELEZIONI 2018

Onorevole, c’è un tema di cui si è parlato pochissimo in questa campagna elettorale: la sanità. In quanto leader della Lega, cosa propone per il futuro del mondo sanitario e cos’è che non va in questo momento?
«Noi vogliamo ridare centralità al ruolo del medico, che non vuole fungere da passacarte, da burocrate, da compilatore di ricette. Vogliamo riaprire l’accesso alle specializzazioni alle migliaia di laureati che, non potendo accedere alle specializzazioni, o fanno altro o vanno altrove. L’Italia è il primo Paese esportatore di medici in Europa e mi sembra una follia, vista la carenza di organico in alcune strutture. Vogliamo rivedere la procedura di accesso ai pronto soccorso e soprattutto i costi standard in sanità, che rappresentano circa il 70% delle spese regionali, per reinvestire gli sprechi in qualità e in riqualificazione. Stiamo morendo di medicina difensiva, visto che sembra che il medico sia responsabile di tutto quello che accade al mondo, e quindi per non rischiare di sbagliare smette di fare il medico e troppo spesso fa il burocrate. Io penso invece che quello del medico sia certamente un lavoro, ma anche una passione, una professione d’amore, e in questo momento è difficile farlo. Non entriamo poi nel merito degli infermieri e degli OSS perché è un altro capitolo: sono fra le eccellenze italiane nel mondo ma anche loro spesso e volentieri sono costretti a scappare per motivi di stipendio mentre nelle nostre strutture sanitarie residenziali abbiamo gente che a mala pena parla l’italiano».

Lei ha parlato spesso del modello lombardo, pensa che sia esportabile in tutta Italia?

«A me interessa la qualità del servizio, da amministratore e da cittadino. Secondo me un mix pubblico – privato è fondamentale, non solo in sanità ma anche nella scuola. Il pubblico da solo non può fare tutto, né in ospedale né nell’insegnamento; il tutto privato o il tutto pubblico ha dimostrato di non funzionare. Visto che la Lombardia dal punto di vista sanitario attrae pazienti da tutte le altre regioni italiane, costretti a praticare il nomadismo o il turismo sanitario pagando di tasca loro, ma è attrattiva anche a livello europeo, evidentemente mi piacerebbe che quello che funziona a Milano funzionasse anche a Reggio Calabria».

Articoli correlati
Decreto Green pass, Lega: «Approvato nostro odg per incrementare uso anticorpi monoclonali»
I senatori della Lega in commissione Affari costituzionali, firmatari del testo approvato, Luigi Augussori, capogruppo, Roberto Calderoli, Ugo Grassi, Alessandra Riccardi e Daisy Pirovano segnalano che «la Lega è contro il virus e lavora con impegno alla tutela della salute della nostra comunità nazionale: bene, dunque – continuano i parlamentari in una nota – che […]
Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula
La Lega ha votato contro il Green pass nei ristoranti al chiuso insieme a Fratelli d'Italia ed ha aperto una frattura
ReiThera, Tiramani (Lega): «Speranza batti un colpo, mille persone ingannate due volte»
«Il 6 agosto è ormai dietro l’angolo e nelle stanze del ministro Speranza tutto tace sul Green pass per le mille persone che si sono offerte per fare la sperimentazione sul vaccino ReiThera. Ci sono mille persone in agitazione perché devono programmare le loro attività, ma non possono avere il Green Pass. La sperimentazione di […]
“Screening Cardio 50”, entra nel vivo il ddl per la campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari
La proposta di legge presentata dal Carroccio nasce dal successo di una analoga iniziativa effettuata in Veneto. L’obiettivo è quello di individuare alcuni parametri utili predittivi di condizioni di rischio cardiovascolare, con conseguente indirizzo verso percorsi strutturati di risposta. In Italia sono 7,5 milioni i pazienti afflitti da queste patologie
Origine virus, Formentini (Lega): «Ecco perché serve una Commissione d’inchiesta»
Le Commissioni Affari Sociali ed Esteri della Camera stanno esaminando la possibilità. Il leghista Formentini, fautore dell’iniziativa: «Serve un’iniziativa politica per fare pressione sulla Cina affinché si apra al mondo e si possa conoscere la verità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano