Salute 27 Ottobre 2021 15:33

Generale Figliuolo: «Ora si punta al 90% di prime dosi»

Figliuolo punta dritto alla meta: superare l’86% di prime dosi e arrivare al tetto di 90. L’Italia ha fatto meglio di Francia, Germania e Regno Unito e ora punta a un nuovo risultato con le terze dosi

Generale Figliuolo: «Ora si punta al 90% di prime dosi»

«Il ritorno alla normalità è stato conquistato non senza fatica, ancora oggi ci sono delle limitazioni e dobbiamo continuare con le precauzioni e i comportamenti virtuosi. Comportamenti che ci danno la garanzia di poter continuare ad andare verso una piena normalità in tutte le sue forme, non ultima quella dell’esercizio delle attività legate alla giustizia, che sono il fondamento di un Paese civile quale l’Italia». Parla il commissario straordinario all’emergenza coronavirus, generale Francesco Paolo Figliuolo, e lo fa nel messaggio inviato in occasione del Salone della Giustizia.

«La campagna – aggiunge – sta continuando perché il nostro obiettivo è sfondare la soglia dell’86% di prime dosi per portarci ancora più avanti verso il 90%». Già in estate Figliuolo aveva ammesso che si sarebbe sentito sicuro solo con numeri superiori a questa percentuale, ma solo tre mesi fa sembrava una soglia impossibile da raggiungere. Mentre, ha ricordato, ad oggi oltre 46 milioni e mezzo di cittadini over 12 in Italia hanno fatto almeno una dose di vaccino. «Questi dati fanno sì che l’Italia si posizioni davanti a Paesi come la Germania, la Francia e il Regno Unito, per numero di vaccinati, ben al di sopra della media europea», conferma Figliuolo.

Le novità della campagna vaccinale

«Il cambio di passo impresso alla campagna vaccinale ha fatto registrare una forte crescita del numero di somministrazioni giornaliere e, al tempo stesso, un drastico calo del numero di ricoveri, delle terapie intensive e di decessi legati al Covid-19, allentando la pressione sulle strutture ospedaliere e liberando risorse per la cura di altre gravi patologie», aggiunge.

«La campagna vaccinale – conclude il commissario straordinario all’emergenza coronavirus – sta vedendo oggi una ulteriore novità che è il recente inizio della somministrazione delle terze dosi, per ora riservate agli immunocompromessi, al personale sanitario, ai più vulnerabili come gli ospiti e gli operatori delle Rsa, e a tutte le persone che hanno superato i 60 anni di età, che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti
Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»
Report Gimbe: 15,83 milioni di terze dosi entro dicembre. Trieste provincia con incidenza più alta
Sono +534 i ricoveri in area medica e +60 in terapia intensiva questa settimana. Per FVG e Provincia di Bolzano si avvicina la zona gialla
Report Gimbe, +37,7% di contagi in una settimana. Marche e Friuli superano la soglia ricoveri per area critica
L'aumento di casi continua di settimana in settimana, insieme anche con il numero di morti. Sessantasei province mostrano incidenza sopra i 50 casi per 100mila abitanti, le Regioni più colpite sono Friuli, Lazio e Veneto
Audiometristi. Sardone (AITA): «Necessario monitorare udito in pazienti Covid e long Covid»
Lo studio, il presidente AITA: «In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da long Covid»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano