Salute 27 Ottobre 2021 15:33

Generale Figliuolo: «Ora si punta al 90% di prime dosi»

Figliuolo punta dritto alla meta: superare l’86% di prime dosi e arrivare al tetto di 90. L’Italia ha fatto meglio di Francia, Germania e Regno Unito e ora punta a un nuovo risultato con le terze dosi

Generale Figliuolo: «Ora si punta al 90% di prime dosi»

«Il ritorno alla normalità è stato conquistato non senza fatica, ancora oggi ci sono delle limitazioni e dobbiamo continuare con le precauzioni e i comportamenti virtuosi. Comportamenti che ci danno la garanzia di poter continuare ad andare verso una piena normalità in tutte le sue forme, non ultima quella dell’esercizio delle attività legate alla giustizia, che sono il fondamento di un Paese civile quale l’Italia». Parla il commissario straordinario all’emergenza coronavirus, generale Francesco Paolo Figliuolo, e lo fa nel messaggio inviato in occasione del Salone della Giustizia.

«La campagna – aggiunge – sta continuando perché il nostro obiettivo è sfondare la soglia dell’86% di prime dosi per portarci ancora più avanti verso il 90%». Già in estate Figliuolo aveva ammesso che si sarebbe sentito sicuro solo con numeri superiori a questa percentuale, ma solo tre mesi fa sembrava una soglia impossibile da raggiungere. Mentre, ha ricordato, ad oggi oltre 46 milioni e mezzo di cittadini over 12 in Italia hanno fatto almeno una dose di vaccino. «Questi dati fanno sì che l’Italia si posizioni davanti a Paesi come la Germania, la Francia e il Regno Unito, per numero di vaccinati, ben al di sopra della media europea», conferma Figliuolo.

Le novità della campagna vaccinale

«Il cambio di passo impresso alla campagna vaccinale ha fatto registrare una forte crescita del numero di somministrazioni giornaliere e, al tempo stesso, un drastico calo del numero di ricoveri, delle terapie intensive e di decessi legati al Covid-19, allentando la pressione sulle strutture ospedaliere e liberando risorse per la cura di altre gravi patologie», aggiunge.

«La campagna vaccinale – conclude il commissario straordinario all’emergenza coronavirus – sta vedendo oggi una ulteriore novità che è il recente inizio della somministrazione delle terze dosi, per ora riservate agli immunocompromessi, al personale sanitario, ai più vulnerabili come gli ospiti e gli operatori delle Rsa, e a tutte le persone che hanno superato i 60 anni di età, che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Covid, calano ancora i ricoveri (-23,1%). È il dato migliore delle ultime 6 settimane
Migliore (Fiaso): «L’arrivo dei vaccini bivalenti potrà dare ora un ulteriore contributo nella lotta al virus: ripartire con vigore con la campagna vaccinale per immunocompromessi e anziani»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi