Mondo 19 Ottobre 2021 16:00

Vaccinare tutto il mondo si può? Il maggiore ostacolo sono le terze dosi

Finora solo il 2% dei paesi più poveri ha ricevuto un dose di vaccino contro Covid-19, nella riunione delle Nazioni Unite i leader hanno stabilito il 70% come obbiettivo entro settembre 2022. Ad oggi sembra impossibile

Vaccinare tutto il mondo si può? Il maggiore ostacolo sono le terze dosi

Si è svolto il vertice delle Nazioni Unite, composto dai rappresentati di 80 diversi governi nel mondo, che ha raggiunto una conclusione ben precisa proposta dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Entro 12 mesi vaccinare contro Covid-19 il 70% della popolazione di tutti i paesi a qualunque livello di reddito. Una nobile impresa, che si troverà però ad essere ostacolata proprio dai paesi che la accetteranno.

In un articolo presente sul British Medical Journal, si delinea una situazione di stallo in cui proprio le scorte di vaccino che i paesi ricchi stanno accumulando costituiscono l’ostacolo principale alla distribuzione in quelli meno abbienti. Lavorano in due direzioni opposte le Agenzie del Farmaco, sia quella statunitense che quella europea e inglese, e l’Organizzazione mondiale della Sanità. Mentre le prime stanno procedendo rapidamente ad approvare le dosi booster, prima per i più fragili e poi a mano a mano per tutti, l’OMS ha ribadito che in troppi Paesi a mancare sono le prime dosi e che questa è la vera emergenza.

Servono 6 miliardi di dosi per vaccinare i Paesi più poveri

Sono necessari sei miliardi di dosi per vaccinare i paesi a medio e basso reddito, un numero identico a quello di tutte quelle somministrate finora nel mondo. Guardando a queste cifre, è evidente che quella promessa della Casa Bianca secondo cui «faremo entrambe le cose: terze dosi e aiutare gli altri Paesi» regge poco. L’impegno è quello di produrre 1,1 miliardi di dosi di vaccino, di cui 300 milioni da donare entro fine anno: troppo poche anche solo per pensare all’obbiettivo finale.

Un obbiettivo che recita a chiare lettere: 40% di vaccinati entro fine 2021 nei paesi più poveri e 70% entro il 2022. Ad oggi meno del 2% di quelle quote ha ricevuto la prima dose, contro il 54% di quelli ad alto reddito. Di quel miliardo di dosi che i paesi a reddito alto avevano promesso di donare, «solo il 15% è arrivato» ha ricordato il dg OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. Tutti i leader si indignano per quanto poco è stato fatto, ma pochi sono passati all’azione per ora.

Brevetti, la questione è aperta

Al vertice delle Nazioni Unite le richieste di India e Sudafrica si sono concentrate sulla rinuncia ai brevetti vaccinali in modo che tutti i Paesi possano produrli. Cadute però nel vuoto, dove persino Biden che si era espresso favorevolmente tempo fa le ha lasciate. La deroga statunitense è stata approvata a maggio, ma da allora nessuna pressione è stata fatta sugli alleati perché si adeguassero.

Ci sono comunque esempi positivi da questo punto di vista. Il vaccino Sputnik ad esempio è stato prodotto in 34 diversi siti all’estero, ma mentre la prima dose è stata relativamente facile da eseguire, la seconda a base di diverso vettore virale ha causato molti stop. Ora l’India chiede di riutilizzare alcuni di quei siti per produrre il prodotto Johnson&Johnson.

Vaccini e promesse

Quel che sembra sicuro è che i numeri non ci sono per continuare a portare avanti la campagna di terze dosi e immunizzare quanto serve oltre i confini dei paesi abbienti. I produttori di vaccini rassicurano dicendo che sarà fatto tutto perché anche chi non ha ricevuto il vaccino anti-Covid venga protetto dall’immunità di gregge su scala mondiale entro il settembre 2022. Ora come ora è difficile crederlo o ipotizzarlo, eppure i vaccini sono essenziali anche solo per provarci. «Non vogliamo più promesse, solo vaccini», ha ribadito Ghebreyesus e l’invito adesso suona più urgente che mai.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Iss: dopo 7 mesi vaccini mRna ancora efficaci all’89%
Nei primi mesi di vaccinazione rimane elevata la protezione del rischio di infezione nella popolazione generale mentre è stata osservata una riduzione di efficacia nel tempo per immunocompromessi e fragili
Speranza: «Italia in ripartenza, ben oltre 80% vaccinati con prima dose»
Il numero delle vaccinazioni e la ripresa economica del Paese legati a filo doppio secondo il Ministro Speranza, che ora invita all'ultimo sforzo nel superare l'80% anche per le seconde dosi: «Una delle scoperte più straordinarie della storia dell'umanità»
G20 Salute, approvato Patto di Roma. Impegno di tutti per vaccini ai Paesi più poveri
Il progetto COVAX non sta funzionando, o meglio non corre quanto il virus nella gara che il mondo intero affronta da oltre un anno
Record 5 miliardi di vaccini, ma nel mondo la distribuzione è iniqua
Il mondo ha stabilito un record: 5 miliardi di dosi di vaccino anti-Covid somministrate in soli nove mesi. Ma mentre in Portogallo l'81% della popolazione è completamente protetto e si parla già di terza dose, in Africa il record è dell'1,34%
Vaccini, Ianaro (M5S): «Italia e Ue appoggino sospensione brevetti al WTO o si rischia catastrofe»
«Meno dell'1% della popolazione dei Paesi più poveri è stato vaccinato, serve un impegno chiaro e deciso dell’Unione europea in questo senso» sottolinea la deputata e farmacologa del Movimento Cinque Stelle
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano