Salute 3 Gennaio 2019

Fascicolo sanitario elettronico e telemedicina, l’endocrinologa: «Migliorano processo di cura fuori ambulatorio»

«Il fascicolo sanitario elettronico ci consente di ricostruire il vissuto di malattia e lo stato di salute dei pazienti; la telemedicina di entrare nella loro quotidianità per reindirizzare l’azione verso un obiettivo di salute condiviso»

Le nuove tecnologie invadono sempre più la nostra quotidianità ed anche la medicina ne può trarre beneficio tramite applicazioni, programmi e strumenti pensati per semplificare e ottimizzare il lavoro dei medici e migliorare i servizi e la qualità della vita di tutti noi.  Tra questi, c’è il fascicolo sanitario elettronico (FSE) che raccoglie la storia clinica del paziente (referti di laboratorio, verbali di pronto soccorso, prescrizioni specialistiche) rendendo disponibili le informazioni e i documenti prodotti da medici e operatori sanitari anche di strutture diverse.

Il medico endocrinologo Daniela Agrimi (DSS n. 4 ASL Brindisi) ha individuato tutti i vantaggi del fascicolo sanitario elettronico per il paziente e ci ha chiarito che tipo di utilizzo ne fa principalmente il professionista sanitario, nel corso dell’intervista concessa a Sanità Informazione. In più, la dottoressa ha rilevato l’importanza della telemedicina e di tutti gli strumenti integrativi volti a mantenere il contatto diretto con il paziente anche a casa sua e quindi fuori dall’ambulatorio medico per raggiungere un obiettivo di salute “condiviso”.

LEGGI ANCHE: IL FUTURO DELLA SANITÀ È IL 5G, PILLON (MIN. SALUTE): «GRANDE OPPORTUNITÀ PER TELEMEDICINA E CRONICITÀ»

Dottoressa, ci può elencare le principali modalità di utilizzo del fascicolo sanitario elettronico da parte dei medici e quali sono i vantaggi per il paziente?

«Il fascicolo sanitario elettronico è uno strumento altamente innovativo per il cittadino e per il professionista sanitario: il vantaggio è quello di poter accedere in primo luogo alla rete informativa sanitaria regionale – fa riferimento al sistema sanitario contestuale alla regione – ma siamo già in una fase in cui la interoperatività dei sistemi ci permette di parlare di una prospettiva nazionale. Gli eventi clinici attuali ma anche pregressi del paziente sono raccolti in forma documentata, tale da permettere al cittadino stesso la possibilità di ricostruire il suo vissuto di malattia ed al professionista di cogliere quegli elementi informativi che servono o in maniera puntuale o in maniera continuativa a ricostruire lo stato di salute del paziente».

Telemedicina: quali sono ad oggi le nuove opportunità nell’assistenza al paziente?

«La telemedicina richiama il concetto di cronicità e la necessità di entrare nei processi di cura ed assistenziali con strumenti integrativi che rappresentino una modalità per proseguire quel contatto diretto che il professionista matura con il suo paziente al di fuori del luogo di cura che conosciamo in termini spaziali come ambulatorio. Questo processo di cura si estende al di fuori della porta dell’ambulatorio e continua attraverso sistemi standardizzati che ci portano ad assistere il paziente anche bel suo luogo più intimo: la casa. La telemedicina – o con il teleconsulto o con la televisita o con il telemonitoraggio o tramite teleassistenza, un processo molto più avanzato –  permette al professionista di entrare nella quotidianità del paziente per reindirizzare la sua azione verso un obiettivo di salute condiviso».

 

Articoli correlati
Endocrinologia, l’ambulatorio virtuale è una realtà
L’atteggiamento che i professionisti della sanità hanno nei confronti della trasformazione digitale è estremamente discordante: «C’è chi la subisce, chi la considera una perdita di tempo, chi ha un atteggiamento rassegnato consapevole della fatica di rincorrere un mondo che corre veloce, c’è chi sa che il suo impatto è destinato a ridefinire il proprio modo […]
Brindisi, con la telemedicina si riducono i ricoveri dei malati cronici
Un ospedale di comunità gestito da infermieri e medici di base attraverso la telemedicina con apparecchi per rilevare anche a domicilio battito del cuore, ossigeno nel sangue e temperatura. Si tratta del progetto ‘Telehomecare’, attivato dal 2015 dall’Asl di Brindisi a Ceglie Messapica per seguire i malati cronici. L’iniziativa è stata inserita nelle buone pratiche […]
“Tra le onde il futuro”: al via il VI Congresso Nazionale dei medici radiologi SNR-FASSID
Oggi alle 14,30 si apre presso il Teatro Massimo di Siracusa il XVI Congresso Nazionale dei medici radiologi SNR-FASSID. Al Congresso, presieduto da Giuseppe Capodieci, presenzieranno l’Assessore alla Salute Ruggero Razza, l’Assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale Roberto Lagalla, l’Assessore alla Famiglia Antonio Scavone, segno del grande interesse col quale la Regione Sicilia segue lo […]
Oltre 13 milioni di italiani lontani dai servizi sanitari essenziali, Pagliacci (Sunifar): «Prevenzione e telemedicina, farmacie rurali avvicineranno cittadini a SSN»
Il progetto lanciato dal Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali e Cittadinanzattiva, con la collaborazione dell’Uncem. La presidente Sunifar: «Previsti interventi in cinque macro-aree: prevenzione, servizi di front-office, diagnostica e tele-assistenza, assistenza domiciliare, emergenza-urgenza. Per semplificare la vita delle persone e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta»
di Isabella Faggiano
Tecnologia, in Italia telemedicina non spicca il volo. Ferraris (Italtel): «Problema di governance, serve più sensibilità»
«Invecchiamento e cronicità porteranno ad un'assistenza a macchia di leopardo, occorre trovare soluzione». Così Luca Ferraris, responsabile Strategy, Innovation & Communication di Italtel
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...