Salute 3 Gennaio 2019 14:08

Fascicolo sanitario elettronico e telemedicina, l’endocrinologa: «Migliorano processo di cura fuori ambulatorio»

«Il fascicolo sanitario elettronico ci consente di ricostruire il vissuto di malattia e lo stato di salute dei pazienti; la telemedicina di entrare nella loro quotidianità per reindirizzare l’azione verso un obiettivo di salute condiviso»

Le nuove tecnologie invadono sempre più la nostra quotidianità ed anche la medicina ne può trarre beneficio tramite applicazioni, programmi e strumenti pensati per semplificare e ottimizzare il lavoro dei medici e migliorare i servizi e la qualità della vita di tutti noi.  Tra questi, c’è il fascicolo sanitario elettronico (FSE) che raccoglie la storia clinica del paziente (referti di laboratorio, verbali di pronto soccorso, prescrizioni specialistiche) rendendo disponibili le informazioni e i documenti prodotti da medici e operatori sanitari anche di strutture diverse.

Il medico endocrinologo Daniela Agrimi (DSS n. 4 ASL Brindisi) ha individuato tutti i vantaggi del fascicolo sanitario elettronico per il paziente e ci ha chiarito che tipo di utilizzo ne fa principalmente il professionista sanitario, nel corso dell’intervista concessa a Sanità Informazione. In più, la dottoressa ha rilevato l’importanza della telemedicina e di tutti gli strumenti integrativi volti a mantenere il contatto diretto con il paziente anche a casa sua e quindi fuori dall’ambulatorio medico per raggiungere un obiettivo di salute “condiviso”.

LEGGI ANCHE: IL FUTURO DELLA SANITÀ È IL 5G, PILLON (MIN. SALUTE): «GRANDE OPPORTUNITÀ PER TELEMEDICINA E CRONICITÀ»

Dottoressa, ci può elencare le principali modalità di utilizzo del fascicolo sanitario elettronico da parte dei medici e quali sono i vantaggi per il paziente?

«Il fascicolo sanitario elettronico è uno strumento altamente innovativo per il cittadino e per il professionista sanitario: il vantaggio è quello di poter accedere in primo luogo alla rete informativa sanitaria regionale – fa riferimento al sistema sanitario contestuale alla regione – ma siamo già in una fase in cui la interoperatività dei sistemi ci permette di parlare di una prospettiva nazionale. Gli eventi clinici attuali ma anche pregressi del paziente sono raccolti in forma documentata, tale da permettere al cittadino stesso la possibilità di ricostruire il suo vissuto di malattia ed al professionista di cogliere quegli elementi informativi che servono o in maniera puntuale o in maniera continuativa a ricostruire lo stato di salute del paziente».

Telemedicina: quali sono ad oggi le nuove opportunità nell’assistenza al paziente?

«La telemedicina richiama il concetto di cronicità e la necessità di entrare nei processi di cura ed assistenziali con strumenti integrativi che rappresentino una modalità per proseguire quel contatto diretto che il professionista matura con il suo paziente al di fuori del luogo di cura che conosciamo in termini spaziali come ambulatorio. Questo processo di cura si estende al di fuori della porta dell’ambulatorio e continua attraverso sistemi standardizzati che ci portano ad assistere il paziente anche bel suo luogo più intimo: la casa. La telemedicina – o con il teleconsulto o con la televisita o con il telemonitoraggio o tramite teleassistenza, un processo molto più avanzato –  permette al professionista di entrare nella quotidianità del paziente per reindirizzare la sua azione verso un obiettivo di salute condiviso».

 

Articoli correlati
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore
A Ferentino due giorni dedicata agli sviluppi nel campo delle malattie cardiovascolari: tra gli ospiti il genetista Giuseppe Novelli e il professore emerito di cardiologia Francesco Fedele. Tra i focus quello sulla chirurgia robotica e sull’ospedale virtuale
di Francesco Torre
Telemedicina e privacy, i rischi. Galiano (C&P): «Per i sanitari un controllo occulto del lavoro, per i pazienti un utilizzo improprio dei dati»
Come tutelarsi? Il legale: «È dovere del medico offrire l’informativa sui dati personali. Per trasferire dati al fascicolo elettronico o utilizzarli per finalità di ricerca o statistiche il paziente deve firmare un apposito consenso»
di Isabella Faggiano
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...