Salute 7 Dicembre 2018 14:20

Il futuro della sanità è il 5G, Pillon (Min. Salute): «Grande opportunità per telemedicina e cronicità»

Delle applicazioni della nuova tecnologia anche alla sfera della salute dei cittadini se ne è parlato di recente al 5GItaly Global Meeting a Roma. Il Coordinatore della Commissione di sviluppo della Telemedicina del Ministero della Salute ai nostri microfoni: “Rischi da valutare ma benefici enormi: il campo di applicazione di queste tecnologie è estesissimo»

Arriva il 5G e con se porta importanti innovazioni anche nel settore sanitario. Il nuovo standard per la comunicazione mobile che assicura una velocità di connessione estremamente più elevata del 4G e una perfetta interazione con i dispositivi IoT (Internet of Things, ovvero quei dispositivi intelligenti che si connettono tra loro) ha numerose applicazioni anche in ambito medico. Se ne è parlato di recente al 5GItaly Global Meeting a Roma, a cui hanno preso parte diversi esperti nazionali ed internazionali. Tra questi c’era anche Sergio Pillon, coordinatore della Commissione di sviluppo della Telemedicina del Ministero della Salute, che ai nostri microfoni ha spiegato quali sono le potenzialità di questa nuova tecnologia, facendo un cenno anche ai possibili rischi per la nostra salute.

«Senza dubbio le potenzialità sono molte, ma bisogna distinguere da quelle di cui si discute nei convegni da quelle valide per i pazienti. Nei convegni ce ne sono sempre tante, di qualsiasi campo medico stiamo parlando. Poi però i pazienti vengono nel tuo studio e ti chiedono, come fece una volta una vecchina: “Dottore, ma la telemedicina fa qualcosa contro il cancro? Dopo la chemio e la radio vorrei provare anche questa tele…”. Comunque, parlando di 5G sono convinto che, dal punto di vista della telemedicina, esistono delle grandi opportunità. La prima di tutte è il consumo di batteria. Consumi più bassi permettono di avere dispositivi sempre connessi. Inoltre, con questa tecnologia possiamo scavalcare gli smartphone. Sappiamo tutti che uno dei problemi più grossi relativi alla privacy è proprio il sistema operativo di questi device: società come Apple e Google non fanno beneficenza. Esistono anche i problemi di certificazione delle App. Ecco, con il 5G potremmo scavalcare tutto questo perché entra direttamente nell’internet degli oggetti intelligenti connessi al Cloud. Naturalmente, serviranno dispositivi nati in 5G e servono applicazioni che possano supportare il 5G a livello di Cloud. Serve insomma una rete per far funzionare tutto, ma sono convinto che sia un’opportunità da non farsi scappare».

Proviamo a fare un esempio concreto. Di recente abbiamo parlato delle possibili applicazioni della telemedicina nella gestione del paziente cronico con scompenso cardiaco, comportando un notevole risparmio per il Ssn…

«Il campo di applicazione è molto più esteso. Nel corso del convegno mostrerò un dispositivo israeliano che attaccherò con una calamita sotto la sedia di uno dei relatori sul palco. Farò vedere come con questo strumento è possibile monitorare la sua frequenza cardiaca e respiratoria, la sua gittata cardiaca e la variabilità della sua frequenza cardiaca. Il tutto in tempo reale. Attualmente questi oggetti si appoggiano sul wifi ma sono predisposti per viaggiare su 5G. Lei ha parlato di scompensati. Io ci aggiungo i fragili, perché questi oggetti possono monitorizzare, ad esempio, quando il paziente sta nel letto. Io non posso mettere una telecamera su una badante per vedere come segue mio nonno. Posso però attaccare questo strumento sotto al letto e vedere, ad esempio, che lei lo ha fatto andare a letto alle 5 del pomeriggio e vedere che mio nonno ha una frequenza cardiaca alta da 3 giorni e che la notte non dorme. Questi sono oggetti assolutamente chiave per il futuro. Poi possiamo usarlo per gli scompensati, i diabetici, i disabili che vivono su una sedia a rotelle. Siamo noi medici a dover inventare i progetti, ma la tecnologia e la sensoristica stanno facendo passi da gigante».

Come tutte le innovazioni, però, anche il 5G è accompagnato da alcune preoccupazioni. C’è chi sostiene che il 5G può avere degli effetti sulla salute dell’uomo.

«Naturalmente questo vale non solo per il 5G sanitario ma per tutto il 5G, quindi questo problema lo lascerei ai regolatori. È possibile e difficilmente sacrificheremo la nostra salute in cambio di una batteria più duratura. Ma in fin dei conti in questo momento ho uno smartphone in tasca che sta vibrando, e naturalmente sono preoccupato di quel che succederà vicino alle mie tasche…».

 

 

Articoli correlati
“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore
A Ferentino due giorni dedicata agli sviluppi nel campo delle malattie cardiovascolari: tra gli ospiti il genetista Giuseppe Novelli e il professore emerito di cardiologia Francesco Fedele. Tra i focus quello sulla chirurgia robotica e sull’ospedale virtuale
di Francesco Torre
Telemedicina e privacy, i rischi. Galiano (C&P): «Per i sanitari un controllo occulto del lavoro, per i pazienti un utilizzo improprio dei dati»
Come tutelarsi? Il legale: «È dovere del medico offrire l’informativa sui dati personali. Per trasferire dati al fascicolo elettronico o utilizzarli per finalità di ricerca o statistiche il paziente deve firmare un apposito consenso»
di Isabella Faggiano
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
Telemedicina, oltre 2 mila exabyte di dati sanitari generati in un solo anno. Dove vanno a finire?
Ferrara (ingegnere): «Necessario realizzare un Clinical data Repository, un sistema di raccolta dati simile al Data Warehouse usato nel settore amministrativo. Inutile ideare tante soluzioni di telemedicina, se tra loro non comunicano»
di Isabella Faggiano
Politiche cronicità priorità per il Paese: al via il progetto di Salutequità
Le persone con malattie croniche in Italia sono 26 milioni, il 43% della popolazione. Il 39% ha una cronicità (23,5 milioni che possono essere assistiti nelle Case di comunità e negli ospedali di comunità) e il 4% una cronicità complessa (multi-cronicità anche gravi: 2,5 milioni di persone con cure domiciliari di II e III livello, cure palliative e hospice)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano