Salute 3 Luglio 2018 10:47

Emergenza-Urgenza. Sanson: «Dal triage all’intervento clinico: il ruolo cruciale e trasversale dell’infermiere nel pronto soccorso»

Gianfranco Sanson, infermiere e tutor universitario: «L’infermiere di pronto soccorso non gestisce solo le emergenze, ma anche le carenze dell’assistenza territoriale. Necessario migliorare la formazione post-laurea e adeguare i contratti al livello di preparazione individuale»

di Isabella Faggiano
Emergenza-Urgenza. Sanson: «Dal triage all’intervento clinico: il ruolo cruciale e trasversale dell’infermiere nel pronto soccorso»

«L’infermiere è la figura professionale numericamente più presente nei pronto soccorso. Il suo ruolo è trasversale e cruciale: si occupa del triage – che permette di selezionare i pazienti secondo classi di emergenza crescenti – garantisce un’attesa sicura e partecipa all’intervento clinico». Gianfranco Sanson, infermiere e tutor al corso di laurea Infermieristica dell’università di Trieste, parla per esperienza. Ha lavorato in prima linea dal 1987, a bordo di ambulanze ed elicotteri del 118, nel 2011 è stato nominato responsabile infermieristico del Sistema di Emergenza territoriale 118 di Trieste.

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA. MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIÀ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

I compiti  che l’infermiere ha all’interno dei pronto soccorso, dunque, non solo li conosce, ma li ha svolti e diretti. Mansioni che non si limitano ad una gestione della medicina di emergenza: «L’infermiere che lavora all’interno di un pronto soccorso, spesso, risponde anche a delle esigenze non propriamente “urgenti”. Molti degli accessi –  ha spiegato Sanson – sono legati a carenze di assistenza a livello territoriale. Persone che non trovano – o pensano di non trovare – le risposte adeguate nelle strutture distrettuali, negli studi dei medici di medicina generale, o per liste di attesa troppo lunghe, vanno al pronto soccorso, causandone il sovraffollamento».

Una criticità alla quale potrebbe rispondere lo stesso infermiere: «attraverso una diffusione omogenea su tutto il territorio nazionale dellinfermiere di famiglia e di comunità – ha spiegato il tutor dell’Università di Trieste – sarebbe possibile prevenire queste situazioni prima che si manifestino. Un ruolo specifico che, pur sembrando esulare dal campo dell’emergenza, ha una stretta correlazione con i compiti dell’infermiere di pronto soccorso».

E mentre questa figura professionale compie uno sforzo quotidiano per adattarsi alle nuove esigenze della popolazione, alle richieste di assistenza di cittadini sempre più anziani, costretti a convivere con patologie croniche, la formazione resta indietro. «La laurea triennale – ha detto Sanson –  non prepara l’infermiere ad affrontare in modo specifico le situazioni di emergenza-urgenza. Certamente getta delle basi solidissime su cui costruire. Gli infermieri italiani sono molto richiesti in strutture di tutta Europa proprio per la propria solida formazione di base».

LEGGI ANCHE: «CHI SVUOTA IL PAPPAGALLO…?». RISATE E MEMORIE IN CAMICE BIANCO DI GIACOMO PRIMA DI ALDO E GIOVANNI

Ad essere inadeguata è l’offerta formativa successiva alla laurea triennale: «La formazione post-base, in Italia – ha sottolineato il tutor dell’Università di Trieste –  è molto carente. I corsi di laurea magistrale e specialistica sono molto centrati sull’aspetto organizzativo-formativo e molto poco su quello clinico. I master di primo e secondo livello, invece, sono organizzati localmente, strutturati sulle esigenze delle singole aree territoriali, non condivise a livello nazionale. Si stenta ad avere una formazione che dia veramente una marcia in più all’infermiere».

Ma a rendere poco appetibile la formazione post laurea per infermieri non è solo la scarsa offerta formativa: «questi titoli di specializzazione – ha aggiunto Sanson –  non sono spendibili nella pratica professionale. Almeno non in termini di riconoscimento economico. Non esistono degli strumenti contrattuali che riconoscano un adeguamento dello stipendio al livello di preparazione  e molto raramente – ha concluso – le aziende distribuiscono le risorse disponibili valutando il percorso di studi dei singoli professionisti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Straordinari a 100 euro l’ora e aumenti in Pronto soccorso. I dettagli del decreto Schillaci
Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto con le nuove misure che dovrebbero dare un po' di respiro alla sanità italiana. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in accordo con il collega dell'Economia, ha messo insieme un pacchetto di riforme
di Mario Zimbalo
Medici d’emergenza in piazza: «Pronto soccorso a rischio»
I Pronto soccorso italiani sono al collasso per la grave carenza di personale. Mancano 5mila unità. Si temono situazioni di crisi soprattutto durante le festività natalizie. Domani prevista una manifestazione della Simeu davanti al Ministero della Salute
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...