Salute 3 Luglio 2018

Emergenza-Urgenza. Sanson: «Dal triage all’intervento clinico: il ruolo cruciale e trasversale dell’infermiere nel pronto soccorso»

Gianfranco Sanson, infermiere e tutor universitario: «L’infermiere di pronto soccorso non gestisce solo le emergenze, ma anche le carenze dell’assistenza territoriale. Necessario migliorare la formazione post-laurea e adeguare i contratti al livello di preparazione individuale»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’infermiere è la figura professionale numericamente più presente nei pronto soccorso. Il suo ruolo è trasversale e cruciale: si occupa del triage – che permette di selezionare i pazienti secondo classi di emergenza crescenti – garantisce un’attesa sicura e partecipa all’intervento clinico». Gianfranco Sanson, infermiere e tutor al corso di laurea Infermieristica dell’università di Trieste, parla per esperienza. Ha lavorato in prima linea dal 1987, a bordo di ambulanze ed elicotteri del 118, nel 2011 è stato nominato responsabile infermieristico del Sistema di Emergenza territoriale 118 di Trieste.

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA. MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIÀ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

I compiti  che l’infermiere ha all’interno dei pronto soccorso, dunque, non solo li conosce, ma li ha svolti e diretti. Mansioni che non si limitano ad una gestione della medicina di emergenza: «L’infermiere che lavora all’interno di un pronto soccorso, spesso, risponde anche a delle esigenze non propriamente “urgenti”. Molti degli accessi –  ha spiegato Sanson – sono legati a carenze di assistenza a livello territoriale. Persone che non trovano – o pensano di non trovare – le risposte adeguate nelle strutture distrettuali, negli studi dei medici di medicina generale, o per liste di attesa troppo lunghe, vanno al pronto soccorso, causandone il sovraffollamento».

Una criticità alla quale potrebbe rispondere lo stesso infermiere: «attraverso una diffusione omogenea su tutto il territorio nazionale dellinfermiere di famiglia e di comunità – ha spiegato il tutor dell’Università di Trieste – sarebbe possibile prevenire queste situazioni prima che si manifestino. Un ruolo specifico che, pur sembrando esulare dal campo dell’emergenza, ha una stretta correlazione con i compiti dell’infermiere di pronto soccorso».

E mentre questa figura professionale compie uno sforzo quotidiano per adattarsi alle nuove esigenze della popolazione, alle richieste di assistenza di cittadini sempre più anziani, costretti a convivere con patologie croniche, la formazione resta indietro. «La laurea triennale – ha detto Sanson –  non prepara l’infermiere ad affrontare in modo specifico le situazioni di emergenza-urgenza. Certamente getta delle basi solidissime su cui costruire. Gli infermieri italiani sono molto richiesti in strutture di tutta Europa proprio per la propria solida formazione di base».

LEGGI ANCHE: «CHI SVUOTA IL PAPPAGALLO…?». RISATE E MEMORIE IN CAMICE BIANCO DI GIACOMO PRIMA DI ALDO E GIOVANNI

Ad essere inadeguata è l’offerta formativa successiva alla laurea triennale: «La formazione post-base, in Italia – ha sottolineato il tutor dell’Università di Trieste –  è molto carente. I corsi di laurea magistrale e specialistica sono molto centrati sull’aspetto organizzativo-formativo e molto poco su quello clinico. I master di primo e secondo livello, invece, sono organizzati localmente, strutturati sulle esigenze delle singole aree territoriali, non condivise a livello nazionale. Si stenta ad avere una formazione che dia veramente una marcia in più all’infermiere».

Ma a rendere poco appetibile la formazione post laurea per infermieri non è solo la scarsa offerta formativa: «questi titoli di specializzazione – ha aggiunto Sanson –  non sono spendibili nella pratica professionale. Almeno non in termini di riconoscimento economico. Non esistono degli strumenti contrattuali che riconoscano un adeguamento dello stipendio al livello di preparazione  e molto raramente – ha concluso – le aziende distribuiscono le risorse disponibili valutando il percorso di studi dei singoli professionisti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»
«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano
«Per i medici specialisti un contratto di formazione-lavoro». L’annuncio del ministro Giulia Grillo
«Aggiornare il Contratto di formazione specialistica» la nuova proposta del ministro Giulia Grillo che coinvolge anche il Miur. «In tanti Paesi europei è già così: per quale motivo i giovani medici italiani dovrebbero essere considerati eterni studenti?». La proposta è stata accolta positivamente dalla Federazione CIMO-FESMED, da Anaao Assomed e Anaao Giovani
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Formazione MMG, Autunnali (SNAMI): «Discriminazione economica rispetto a specializzandi pesa tantissimo»
Il Vicesegretario del Sindacato autonomo dei medici italiani spiega ai nostri microfoni quali sono le priorità su cui lavorare per diminuire le incertezze dei giovani medici, a partire dalla necessità di aumentare le borse di studio
Specializzandi, Massimo Minerva (ALS): «Negli ultimi anni perse 900 borse: 90 milioni che non vengono riutilizzati»
«Contrastare l'imbuto formativo aumentando le borse - medicina generale e specializzazione - recuperare quelle perse negli anni e modificare il decreto Fedeli per l'abilitazione all'esercizio della professione medico-chirurgica». Queste le indicazioni del presidente dell'Associazione liberi specializzandi