Salute 3 Luglio 2018

Emergenza-Urgenza. Sanson: «Dal triage all’intervento clinico: il ruolo cruciale e trasversale dell’infermiere nel pronto soccorso»

Gianfranco Sanson, infermiere e tutor universitario: «L’infermiere di pronto soccorso non gestisce solo le emergenze, ma anche le carenze dell’assistenza territoriale. Necessario migliorare la formazione post-laurea e adeguare i contratti al livello di preparazione individuale»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’infermiere è la figura professionale numericamente più presente nei pronto soccorso. Il suo ruolo è trasversale e cruciale: si occupa del triage – che permette di selezionare i pazienti secondo classi di emergenza crescenti – garantisce un’attesa sicura e partecipa all’intervento clinico». Gianfranco Sanson, infermiere e tutor al corso di laurea Infermieristica dell’università di Trieste, parla per esperienza. Ha lavorato in prima linea dal 1987, a bordo di ambulanze ed elicotteri del 118, nel 2011 è stato nominato responsabile infermieristico del Sistema di Emergenza territoriale 118 di Trieste.

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA. MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIÀ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

I compiti  che l’infermiere ha all’interno dei pronto soccorso, dunque, non solo li conosce, ma li ha svolti e diretti. Mansioni che non si limitano ad una gestione della medicina di emergenza: «L’infermiere che lavora all’interno di un pronto soccorso, spesso, risponde anche a delle esigenze non propriamente “urgenti”. Molti degli accessi –  ha spiegato Sanson – sono legati a carenze di assistenza a livello territoriale. Persone che non trovano – o pensano di non trovare – le risposte adeguate nelle strutture distrettuali, negli studi dei medici di medicina generale, o per liste di attesa troppo lunghe, vanno al pronto soccorso, causandone il sovraffollamento».

Una criticità alla quale potrebbe rispondere lo stesso infermiere: «attraverso una diffusione omogenea su tutto il territorio nazionale dellinfermiere di famiglia e di comunità – ha spiegato il tutor dell’Università di Trieste – sarebbe possibile prevenire queste situazioni prima che si manifestino. Un ruolo specifico che, pur sembrando esulare dal campo dell’emergenza, ha una stretta correlazione con i compiti dell’infermiere di pronto soccorso».

E mentre questa figura professionale compie uno sforzo quotidiano per adattarsi alle nuove esigenze della popolazione, alle richieste di assistenza di cittadini sempre più anziani, costretti a convivere con patologie croniche, la formazione resta indietro. «La laurea triennale – ha detto Sanson –  non prepara l’infermiere ad affrontare in modo specifico le situazioni di emergenza-urgenza. Certamente getta delle basi solidissime su cui costruire. Gli infermieri italiani sono molto richiesti in strutture di tutta Europa proprio per la propria solida formazione di base».

LEGGI ANCHE: «CHI SVUOTA IL PAPPAGALLO…?». RISATE E MEMORIE IN CAMICE BIANCO DI GIACOMO PRIMA DI ALDO E GIOVANNI

Ad essere inadeguata è l’offerta formativa successiva alla laurea triennale: «La formazione post-base, in Italia – ha sottolineato il tutor dell’Università di Trieste –  è molto carente. I corsi di laurea magistrale e specialistica sono molto centrati sull’aspetto organizzativo-formativo e molto poco su quello clinico. I master di primo e secondo livello, invece, sono organizzati localmente, strutturati sulle esigenze delle singole aree territoriali, non condivise a livello nazionale. Si stenta ad avere una formazione che dia veramente una marcia in più all’infermiere».

Ma a rendere poco appetibile la formazione post laurea per infermieri non è solo la scarsa offerta formativa: «questi titoli di specializzazione – ha aggiunto Sanson –  non sono spendibili nella pratica professionale. Almeno non in termini di riconoscimento economico. Non esistono degli strumenti contrattuali che riconoscano un adeguamento dello stipendio al livello di preparazione  e molto raramente – ha concluso – le aziende distribuiscono le risorse disponibili valutando il percorso di studi dei singoli professionisti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»
Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...