Salute 3 Luglio 2018

Emergenza-Urgenza. Sanson: «Dal triage all’intervento clinico: il ruolo cruciale e trasversale dell’infermiere nel pronto soccorso»

Gianfranco Sanson, infermiere e tutor universitario: «L’infermiere di pronto soccorso non gestisce solo le emergenze, ma anche le carenze dell’assistenza territoriale. Necessario migliorare la formazione post-laurea e adeguare i contratti al livello di preparazione individuale»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’infermiere è la figura professionale numericamente più presente nei pronto soccorso. Il suo ruolo è trasversale e cruciale: si occupa del triage – che permette di selezionare i pazienti secondo classi di emergenza crescenti – garantisce un’attesa sicura e partecipa all’intervento clinico». Gianfranco Sanson, infermiere e tutor al corso di laurea Infermieristica dell’università di Trieste, parla per esperienza. Ha lavorato in prima linea dal 1987, a bordo di ambulanze ed elicotteri del 118, nel 2011 è stato nominato responsabile infermieristico del Sistema di Emergenza territoriale 118 di Trieste.

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA. MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIÀ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

I compiti  che l’infermiere ha all’interno dei pronto soccorso, dunque, non solo li conosce, ma li ha svolti e diretti. Mansioni che non si limitano ad una gestione della medicina di emergenza: «L’infermiere che lavora all’interno di un pronto soccorso, spesso, risponde anche a delle esigenze non propriamente “urgenti”. Molti degli accessi –  ha spiegato Sanson – sono legati a carenze di assistenza a livello territoriale. Persone che non trovano – o pensano di non trovare – le risposte adeguate nelle strutture distrettuali, negli studi dei medici di medicina generale, o per liste di attesa troppo lunghe, vanno al pronto soccorso, causandone il sovraffollamento».

Una criticità alla quale potrebbe rispondere lo stesso infermiere: «attraverso una diffusione omogenea su tutto il territorio nazionale dellinfermiere di famiglia e di comunità – ha spiegato il tutor dell’Università di Trieste – sarebbe possibile prevenire queste situazioni prima che si manifestino. Un ruolo specifico che, pur sembrando esulare dal campo dell’emergenza, ha una stretta correlazione con i compiti dell’infermiere di pronto soccorso».

E mentre questa figura professionale compie uno sforzo quotidiano per adattarsi alle nuove esigenze della popolazione, alle richieste di assistenza di cittadini sempre più anziani, costretti a convivere con patologie croniche, la formazione resta indietro. «La laurea triennale – ha detto Sanson –  non prepara l’infermiere ad affrontare in modo specifico le situazioni di emergenza-urgenza. Certamente getta delle basi solidissime su cui costruire. Gli infermieri italiani sono molto richiesti in strutture di tutta Europa proprio per la propria solida formazione di base».

LEGGI ANCHE: «CHI SVUOTA IL PAPPAGALLO…?». RISATE E MEMORIE IN CAMICE BIANCO DI GIACOMO PRIMA DI ALDO E GIOVANNI

Ad essere inadeguata è l’offerta formativa successiva alla laurea triennale: «La formazione post-base, in Italia – ha sottolineato il tutor dell’Università di Trieste –  è molto carente. I corsi di laurea magistrale e specialistica sono molto centrati sull’aspetto organizzativo-formativo e molto poco su quello clinico. I master di primo e secondo livello, invece, sono organizzati localmente, strutturati sulle esigenze delle singole aree territoriali, non condivise a livello nazionale. Si stenta ad avere una formazione che dia veramente una marcia in più all’infermiere».

Ma a rendere poco appetibile la formazione post laurea per infermieri non è solo la scarsa offerta formativa: «questi titoli di specializzazione – ha aggiunto Sanson –  non sono spendibili nella pratica professionale. Almeno non in termini di riconoscimento economico. Non esistono degli strumenti contrattuali che riconoscano un adeguamento dello stipendio al livello di preparazione  e molto raramente – ha concluso – le aziende distribuiscono le risorse disponibili valutando il percorso di studi dei singoli professionisti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggredite due dottoresse in servizio, ma l’uomo non viene arrestato e le minaccia di nuovo
Teatro della violenza l’ospedale San Giovanni di Roma. Le due donne erano intente a salvare un paziente quando sono state aggredite da un tossicodipendente. I dati FNOMCeO: 1.200 le denunce 'ufficiali' all'Inail ogni anno
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Psicologia, nasce la Consulta degli studenti: «Eliminare il 3+2 e regolamentare la retribuzione dei tirocini»
Leopoldo Pizzetti, studente promotore della Consulta: «È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli Psicologi che favorirà la sinergia tra il mondo della formazione e quello professionale
di Isabella Faggiano
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...