Salute 19 Aprile 2018 10:48

Una giornata con… l’infermiere di famiglia. Ecco cosa fa la nuova figura e il suo rapporto con i medici

Con l’aumento delle cronicità e delle difficoltà nella gestione di un paziente fuori dall’ospedale, sempre più centrale è diventata questa figura. Seguiamone uno nella sua giornata tipo

Gira per tutta la città con una medical bag piena di flebo, siringhe, guanti di lattice e tutto ciò che serve per ogni tipo di evenienza. Il suo lavoro è portare assistenza sul territorio, direttamente nelle case dei pazienti, e aiutarli a prendersi cura della loro salute. È l’infermiere di famiglia, figura sempre più importante del nostro Servizio sanitario, in un’epoca in cui le cronicità e le difficoltà nella gestione di un paziente al di fuori delle mura di un ospedale sono aumentate drasticamente. Non può fare diagnosi o terapie (quelle spettano sempre e comunque al medico), ma può aiutare le persone (specialmente anziani, a volte soli) a curarsi. Ma in cosa consiste la sua giornata lavorativa? Quali sono le difficoltà, le esigenze e i problemi che questa figura può riscontrare nello svolgimento del suo ruolo e nel relazionarsi con pazienti e medici? Vediamolo in questo reportage di Nurse 24.

LEGGI ANCHE: INFERMIERI: IL 90% DEGLI OVER 65 SI AFFIDA A LORO ED EVITA L’OSPEDALE. LA RICERCA DEL CENSIS

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
«Inserite la fibromialgia nei Lea», l’appello dei 2 milioni di pazienti
Il Comitato Fibromialgici Uniti chiede che la fibromialgia venga finalmente inclusa nei Lea. Per il 12 maggio, in occasione della Giornata mondiale della Fibromialgia, sono previste varie iniziative
«Da infermiere dico: proteggiamo i nostri ammalati da un sistema che non li riconosce come persone nella loro interezza»
Di Sergio Calzari, infermiere terapia intensiva Istituto Cardiocentro di Lugano, Svizzera, e creatore di postintensiva.it
di Sergio Calzari, infermiere terapia intensiva Istituto Cardiocentro di Lugano, Svizzera
Diabete tipo 2, MMG potranno prescrivere i farmaci. FederAnziani: «Plauso ad Aifa»
Messina: «FederAnziani si è spesa per questo cambiamento nell’ottica della ragionevolezza, dell’efficienza e dell’attenzione ai bisogni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...