Lavoro 19 Aprile 2018

Una giornata con… l’infermiere di famiglia. Ecco cosa fa la nuova figura e il suo rapporto con i medici

Con l’aumento delle cronicità e delle difficoltà nella gestione di un paziente fuori dall’ospedale, sempre più centrale è diventata questa figura. Seguiamone uno nella sua giornata tipo

Gira per tutta la città con una medical bag piena di flebo, siringhe, guanti di lattice e tutto ciò che serve per ogni tipo di evenienza. Il suo lavoro è portare assistenza sul territorio, direttamente nelle case dei pazienti, e aiutarli a prendersi cura della loro salute. È l’infermiere di famiglia, figura sempre più importante del nostro Servizio sanitario, in un’epoca in cui le cronicità e le difficoltà nella gestione di un paziente al di fuori delle mura di un ospedale sono aumentate drasticamente. Non può fare diagnosi o terapie (quelle spettano sempre e comunque al medico), ma può aiutare le persone (specialmente anziani, a volte soli) a curarsi. Ma in cosa consiste la sua giornata lavorativa? Quali sono le difficoltà, le esigenze e i problemi che questa figura può riscontrare nello svolgimento del suo ruolo e nel relazionarsi con pazienti e medici? Vediamolo in questo reportage di Nurse 24.

LEGGI ANCHE: INFERMIERI: IL 90% DEGLI OVER 65 SI AFFIDA A LORO ED EVITA L’OSPEDALE. LA RICERCA DEL CENSIS

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malattie respiratorie, la riabilitazione deve tener conto dei bisogni reali dei pazienti
Nei giorni scorsi una delegazione delle più importanti Associazioni dei pazienti con malattie respiratorie croniche, in rappresentanza di oltre 10.000 iscritti e di un universo sociale di oltre 4milioni di persone, è stata ricevuta presso il Ministero della Salute dal Direttore Generale della Programmazione Sanitaria, dott. Andrea Urbani. L’appuntamento è stato organizzato in risposta alla […]
“A scuola con le Istituzioni”, al via lo studio osservazionale di IPACS in supporto del Piano Nazionale Cronicità
Nell’evento del 6 aprile che si svolgerà presso il Castello di Santa Severa, sette donne della sanità pubblica del Lazio sono invitate a raccontarsi su esperienze di criticità, integrazione e multidisciplinarità affrontate nella implementazione del Piano delle Cronicità
Fibrosi cistica, Fornaro (Lifc): «Legge 548/93 la svolta, ora monitorare risorse e uniformare cure su tutto il territorio»
«Ancora oggi mancano strumenti di monitoraggio per controllare l'uso delle risorse pubbliche e garantire a tutti i pazienti elevati e uniformi standard di cure da nord a sud» sostiene il presidente Lifc. Della stessa opinione Mariapia Garavaglia, prima firmataria della Legge: «Non possiamo paragonare il Veneto alla Puglia, dove stanno mettendo in dubbio anche l'utilizzo dei fondi vincolati per la fibrosi cistica»
La storia di Anezka, 25 anni: «Il pacemaker mi ha offerto una seconda possibilità di vita»
Intervenuta alla sessione “Meet my patient” del congresso EHRA a Lisbona, Anezka Gombosova, di Praga, ha spiegato ai cardiologi cosa significa convivere con il pacemaker. Poi li ha esortati: «Dovete imparare dai vostri pazienti»
Casa di Cura La Madonnina, prima struttura privata lombarda a dotarsi di una colonna con la fluorescenza
Per la prima volta in una struttura privata lombarda approda un’apparecchiatura innovativa che permette ai chirurghi di “vedere l’invisibile”. La Casa di Cura La Madonnina, afferente al Gruppo San Donato, ha infatti acquistato una colonna con la fluorescenza, destinata principalmente alla chirurgia laparoscopica e basata sul principio della fluorescenza, che utilizza le proprietà di alcune […]